Vietato lasciare i cani liberi fuori città? (legge sulla caccia)

Forum Gestione del cane Gestione legale del cane Vietato lasciare i cani liberi fuori città? (legge sulla caccia)

Questo argomento contiene 130 risposte, ha 24 partecipanti, ed è stato aggiornato da  ela 2 anni, 5 mesi fa.

Stai vedendo 15 articoli - dal 106 a 120 (di 131 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #53212

    fubiano
    Utente
      • @fubiano

      Concordo pinamente con quanto ha scritto DogBite : concludendo per la legge Italiana basta che paghi. dovrebbero proibire di allevare e vendere cani se non a cacciatori che li portano a caccia per gli altri che hanno le stessa esuberanza e le stesse esigenze di moto solo guinzagio di un metro e mezzo. Se non è discriminazione questa. mi si risponderà come gli antichi romani” Dura lex sed lex” ok io dico Iniqua lex.

      #53214

      Admin
      Admin
      • Genere: Maschio
        • @admin

        in Germania hanno ben altra cultura… e pure i Bassotti li portano a caccia!
        lì in tanti hanno il cane e scelgono la razza in base all’uso…

        #53221

        lori
        Moderatore
          • @lori

          Ritengo veramente giusto scegliere una razza in base all’uso, e, per uso, intendo posto in cui si vive, tempo da dedicargli, attività che si ha la possibilità di fargli fare.

          #53230

          peter-parker
          Utente
            • @peter-parker

            Credo che voi siate proprietari do cani di cultura cinofila superiore.
            Visto i proprietari che incrocio è un bene che sia vietato far scorrazzare i cani anche nelle aree naturali; il disagio sofferto del singolo coscienzioso và purtroppo o per fortuna a beneficio della comunità.

            #53293

            fongaros
            Utente
              • @fongaros

              Sono contento di essermi spiegato opportunamente e condivido la scelta cinofila in base all’uso, non al costume od al piacere visivo personale di una razza rispetto un’altra. Condivido in pieno anche l’aspetto del TIPO di attività in relazione alla razza, non tanto per l’USO vero o simulato, ma perché è l’assecondare l’attitudine che aggrada al cane (se vogliamo parlare di REALE benessere, non quello che viene “smerciato”): un setter in tana non si diverte nemmeno dopo 5 ore, come altrettanto un bassotto su un prato che gli bagna la pancia e lo fa incespicare. Nessuno dei due si diverte al parchetto comunale. Ci sono cose che vengono perennemente omesse in nome di una equità generale e generalizzata, che si scontra con la selezione e tendente all’appiattimento in nome di un diritto creato dall’uomo, non dall’animale. Lo stesso uomo che fino a qualche decennio fa selezionava e distingueva. Penso che il cane ne abbia le balle piene di essere manipolato psicologicamente ad ogni cambio di moda.

              #53350

              Cozmo
              Utente
              • Località: Lugano
              • Genere: Maschio
                • @cozmo

                Io mi chiedo una cosa: la caccia è aperta poche settimane all’anno, di solito chi la pratica lo fa qualche week end, quindi il cane lavora effettivamente pochissimi giorni all’anno ed il resto del tempo? Si può considerare attività una così limitata nel tempo?

                #53395

                fongaros
                Utente
                  • @fongaros

                  L’attività venatoria va dalla terza domenica di settembre al 31 gennaio con possibilità di 3 giornate a settimana. Non sono poi così pochi giorni e la caccia si esprime in almeno 2-5 ore di corsa contiua ogni uscita. L’addestramento ed allenamento cani va dalla sterza domenica di agosto alla seconda di settembre nei tempi e modi che ho già evidenziato. Questo per quanto riguarda il territorio-agro-silvo-pastorale nazionale. In marzo ci sono le prove di lavoro, a vari livelli, su beccaccia. Nei mesi successivi quelle su quaglia, starna e fagiano, i vari campionati (provinciali, regionali, nazionali), ecc. Anche se non partecipano a prove e campionati, più o meno frequentano tutti dei campi addestramento/allenamento cani (privati), con o senza abbattimento della selvaggina. Dal punto di vista temporale, l’impegno di un turno d’allenamento può variare dai 15 minuti all’ora circa a seconda di vari fattori. Questo perché i cani da lavoro, siano essi da caccia, da prove, od ambedue, sono degli agonisti. Con l’impegno agonistico che mettono i cani bastano e avanzano 1-2 volte la settimana per il mantenimento del fiato, la tonicità e la massa muscolare. Il vero “riposo” possiamo ricomprenderlo nell’arco temporale che va dai primi di febbraio alla prima parte di marzo e ti assicuro che per loro è un sollievo :-) Poi ci sarebbe la preparazione al movimento per le expo, per chi vi partecipa, ma molto spesso tale è sviluppato su tapis roulant, anche se attività fisica lo è lo stesso. Il “lavoro” (caccia) è solo l’apice della preparazione fisica.

                  #53399

                  Cozmo
                  Utente
                  • Località: Lugano
                  • Genere: Maschio
                    • @cozmo

                    Qui da me, calendario 2013 e non si possono lasciare i cani da caccia liberi al di fuori di queste date:

                    GIORNI DI CACCIA

                    Caccia alta:

                    dal 1 al 22 settembre, tutti i giorni, ad eccezione
                    della Festa Federale (terza domenica di settembre)

                    Caccia bassa:

                    dal 16 ottobre al 30 novembre,
                    eccetto il lunedì e il venerdì.

                    Caccia acquatica:

                    dal 15 dicembre al 31 gennaio, eccetto il lunedì
                    e il mercoledì, e i giorni 25.12, 26.12, 1.01 e 6.01.

                    #53944

                    fongaros
                    Utente
                      • @fongaros

                      Bisogna intendersi: parliamo della Svizzera o dell’Italia?

                      #115511

                      ale76
                      Utente
                        • @ale76
                        #115537

                        Admin
                        Admin
                        • Genere: Maschio
                          • @admin

                          infatti quando leggo di gente che porta il cane in campagna per farlo correre libero mi viene da insultarli… il cane non ha alcun bisogno di correre libero!
                          queste sono fantasie umane… a noi piacerebbe poterlo fare, ma non abbiamo i mezzi fisici per farlo, quindi ci immedesimiamo nel cane
                          :-(

                          #115541

                          sio
                          Moderatore
                            • @sio

                            Allora vi racconto di ieri. Mia madre a passeggio sola che io lavoravo. Zona di campagna ma piena di ciclisti e anziani. Si trova davanti un pitbull libero, senza collare. Lasciamo stare che essendo un Pit lei ha avuto più paura (ma Cmq cosa da tenere conto essendoci molta gente che gira coi cani). Lei rimane ferma e prova ad allontanarsi per vari minuti col cane che non fa niente per carità, però la segue. Poi alla fine in lontananza arriva una signora rumena che conosciamo in bicicletta che urla “è buona!”. Mia madre la ferma e le dice che non può andare così col cane sciolto senza nemmeno essere in vista. E la signora dice che a piedi non le sta dietro quindi va in bici, ma la semina uguale perché il cane scappa per inseguire i caprioli. Mia madre ribadisce che è rischioso, se succede qualcosa possono denunciarli. E lei ribadisce “gente cattiva denuncia. Gente che odia cani. Se succede qualcosa poi vedo.”. Atteggiamento dal mio punto di vista delinquenziale, non dubito la cagna sia buona, ma altri non lo sono. Poi davvero la gente è imprevedibile, potrebbe succedere di tutto.

                            #115547

                            ellyebrando
                            Moderatore
                              • @ellyebrando

                              Io stessa libero i cani e non ho problemi ad ammetterlo ma ne ho il pieno controllo. Se li richiamo tornano senza se e senza ma (ovviamente in luoghi che io ritengo idonei e sicuri).

                              Capisco tua mamma perché anche la mia ha paura quando gira con Brando (rigorosamente legato), ha paura anche se trova un barboncino libero perché se succede il peggio lei non ha la forza per trattenerlo. Ci tengo sempre a ricordare ai signori “il mio é buono” che quello che incrociano potrebbe non essere di spirito altrettanto benevolo e senza mezzi termini gli ricordo che la prossima volta potrebbero tornare a casa senza cane, rischio sfiorato con il rott di un conoscente: c’è un meticcio taglia media tipo lupetto che gira sempre senza guinzaglio e con il brutto vizio di andare a rognare in muso a tutti i maschi, ha deciso di farlo con questo rott mentre giocava con il suo padrone, risultato ci ha lasciato il muscolo della zampa anteriore fuggendo sanguinante…lo abbiamo cercato per ore seguendo le tracce pensavamo di trovarlo ormai al peggio invece fortunatamente é salvo, ovviamente il suo padrone non ha imparato la lezione.

                              #115549

                              saphira
                              Utente
                                • @saphira

                                Concordo con Elly: un conto è “cane libero” ed un conto è “cane libero sotto controllo”.
                                Molti, anche solo al parco, liberano il cane e lasciano che gironzoli anche a 200 metri di distanza. In quel modo il cane non è libero, è semplicemente incustodito.
                                Ed il concetto di “cane buonoo” spesso e volentieri non coincide con il concetto di “cane santo”: se il cane “ilmiocaneèbuonissimo” ne incontra uno che gli ringhia e gli abbaia, rimane impassibile, o risponde alla provocazione?

                                #115550

                                sio
                                Moderatore
                                  • @sio

                                  Sono d’accordo con voi, non ho alcun problema con chi lascia cani sciolti se sotto controllo.
                                  Il problema è che il concetto di sottocontrollo mio differisce un po’ da quello della popolazione generale.

                                  Io stessa slego il cane in situazioni che reputo sicure.

                                Stai vedendo 15 articoli - dal 106 a 120 (di 131 totali)

                                Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.

                                  Ultime Discussioni