Vietato lasciare i cani liberi fuori città? (legge sulla caccia)

Forum Gestione del cane Gestione legale del cane Vietato lasciare i cani liberi fuori città? (legge sulla caccia)

Questo argomento contiene 130 risposte, ha 24 partecipanti, ed è stato aggiornato da  ela 2 anni, 5 mesi fa.

Stai vedendo 15 articoli - dal 1 a 15 (di 131 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #13132

    aci
    Utente
      • @aci

      Ciao a tutti,
      parlando oggi con alcuni compagni di passeggiate a 6 zampe, mi è stata riferita questa informazione: per chi non è cacciatore, solo durante la stagione venatoria, sarebbe proibito portare il proprio cane a passeggio senza guinzaglio; divieto che varrebbe in tutte le zone di caccia, non solo nelle riserve.
      Voi ne sapete qualcosa in proposito?

      Io, dopo una breve ricerca in rete, ho trovato il contrario: ovvero che è vietato per i cani da caccia passeggiare senza guinzaglio durante l’estate. Fonte: http://zoelagatta.corrieredelveneto.corriere.it/articoli/2012/08/cani_caccia.html .

      Esiste qualche normativa in merito a questo fantomatico divieto?
      Grazie in anticipo.

      #13133

      aci
      Utente
        • @aci

        In un forum di cacciatori ho inoltre trovato questo:

        La legislazione prevede che l’unico cane che possa essere sguinzagliato nelle zone apposite, cioè tutti i terreni di caccia/allenamento, nei tempi e modi consentiti dalle leggi, sia il cane del cacciatore e quello del pastore (non importa la razza, io posso cacciare con un pastore tedesco). In effetti, in un terreno non recintato, non è possibile, al comune cittadino, liberare qualsiasi proprio animale (ne è escluso il gatto).
        Tutto ciò che non è contemplato dalla legge deve essere trattato secondo le norme del “buon padre di famiglia” che si assume le responsabilità di accadimenti successivi a ciò non ipotizzato. Quindi, se si ravvedesse qualche tipo di dubbio, il proprietario di un cane ha l’obligo di legare lo stesso anche se non ha mai avuto l’opportunità di slegarlo se non nelle strutture pubbliche adibite a tali animali. Il “legare” non è verbo dal significato univoco, in quanto la “custodia” può non ravvederne necessità (ma la responsabilità è sempre del proprietario).
        Il cane del cacciatore è subordinato all’assicurazione dello stesso, quello del gitante “forse” no (perché non è obbligatoria). Ma in ogni caso il cittadino non-cacciatore è sempre perseguibile in quanto sia il caso di trovarsi in stagione venatoria che non, un cane libero che si allontani dal sentiero o dalla strada è sempre in attitudine di caccia (lo è sempre, anche se vicino al pardrone, quando abbandona sentiero o strada). Si contempla il “disturbo di selvaggina” perseguibile con sanzione pecuniaria (se non ci sono aggravanti del caso come la cattura, la distruzione di un nido, ecc).

        Tuttavia non viene riportata nessuna norma o regolamento specifico a sostegno di queste affermazioni.

        #13168

        espada
        Utente
          • @espada

          ho chiesto conforto a un prestigioso allevatore di cani da ferma, che mi ha dato questo riscontro:

          I cani da caccia possono andare liberi sul territorio agro-silvo-pastorale solo nei tempi e modi consentiti dalla legge.
          All’uopo, al di fuori dei tempi di addestrmento ed alleamento pre-caccia (1 mese prima della stagioen venatoria) e caccia (dalla terza domenica di sett al 31 gen) sono per legge istituiti i campi addestramento cani con e senza sparo (si chiamano tipo “B” e “C”), tabellati e mappati dall’amministrazione provinciale. Possono andare solo lì.

          Qualsiasi cane sorpreso a naso a terra su terreno agro silvo pastorale, cioè al di fuori da qualsiasi sentiero tracciato (anche 1 metro), è contestabile come “in atteggiamento di caccia” e multabile in qualsiasi giorno dell’anno (e spera che non prenda un passerotto… trattasi di bracconaggio).
          La concessione fatta al cane di scorrazzare sul territorio agro-silvo- pasorale, non la fa la razza, ma la LICENZA DI CACCIA in regola per quella regione (che ne può condurre solo 2 alla volta, per es in veneto).
          E’ perfino obbligatorio, nei giorni di caccia, avere al seguito il fucile. In caso contrario è addestramento al di fuori dei tempi e modi consentiti!
          Questo vale anche in appezzamenti recintati con coltura o no in atto (erbacce, ovviamente, se cementato no) e che il cane sia pure dell’agricoltore e non da caccia.
          La selvaggina è patrimonio indisponibile dello Stato: tale se ne prende cura anche nella proprietà privata.

          #13172

          fubiano
          Utente
            • @fubiano

            Semplicemente assurdo!!! se possono girare liberi i cani da caccia non vedo perche cani che non vanno a caccia non possono. Personalmente sono molto contrario a queste leggi che permettono tutto ai cacciatori e nulla al cittadino che si fa una passeggiata col suo cane e non uccide nessuno. personalmente mi è capitato di avere i miei cani liberi, che non sono palesemente da caccia in periodi che era permesso ai cacciatori di portare i loro ed incontrare la Forestale che mi ha chiesto solo se erano con me visto che erano a una trentina di metri avuto conferma mi hanno salutato e sono andati, forse ho incontrato quelli intelligenti.
            Per certo so che nei periodi non permessi non si può portare il cane sui prati Mi spiace sono un fuori legge non concepisco un cane attivo relegato perennemente al guinzaglio. Non seguite il mio esempio.

            #13173

            aci
            Utente
              • @aci

              Temevo qualcosa del genere.
              Mi sembra assurdo, ho la fortuna di abitare in campagna, immersa nel verde, circondata da campi di proprietà della mia famiglia, e rischio cmq la multa. Tra l’altro con un cane che è completamente disinteressato alla selvaggina.
              Mah che faccio… per star tranquilla mi toccherebbe portarlo in città e liberarlo solo nelle aree cani??
              Mentre i cacciatori sono liberi di sparare vicino a casa mia??!

              #13181

              lori
              Moderatore
                • @lori

                Credo di aver vissuto di peggio nell’azienda agricola con riserva di caccia in cui vivevo con i cani.
                Dovevo tenerli relegati in casa e giardino per paura che venissero impallinati!
                Sparavano a tutto ciò che si muoveva, ahimè!

                #13182

                espada
                Utente
                  • @espada

                  lo scorso autunno stavamo per andare ad abitare in una zona sperduta in mezzo alle nebbie…
                  in quei giorni si sentivano continui spari di cacciatori, poco distante dalla casa.
                  è stato uno dei motivi per cui alla fine abbiamo desistito dal trasferirci lì…

                  #13483

                  luca
                  Utente
                    • @luca

                    il divieto non è rivolto al cane ma al cacciatore.

                    la caccia ha una ferrea regolamentazione per quanto riguarda luoghi tempi e selvaggina da poter cacciare.

                    per evitare che il divieto venga eluso liberando cani più o meno addestrati per la caccia, in certe zone, viene sanzionato a prescindere il proprietario che libera il proprio cane nei giorni di divieto o senza patentino.

                    non ci sarebbe prevenzione se si potesse sanzionare il proprietario solo quando il cane ha già catturato la preda

                    #13486

                    dino0977
                    Utente
                    • Località: Cosenza
                    • Genere: Maschio
                      • @dino0977

                      Purtroppo è un problema che si ripropone ogni anno.
                      Non abbia la possibilità di liberare i nostri cani nemmeno nei nostri terreni.
                      Io posseggo un terreno in piena campagna, dove in stagione di caccia purtroppo c’è pieno di persone che con fucili in mano vanno alla ricerca di poveri animali da impallinare.
                      Non solo sono costretto a non portare il cane, ma devo stare attento anch’io, oppure devo evitare di andarci per parecchi mesi all’anno se non voglio beccarmi dei pallini nel cu…. e sarebbe il minimo, posso rischiare anche la vita!!
                      Oltretutto abito in periferia, non lontano dal terreno sopracitato, e sebbene intorno a me ci sono molte case, fino a qualche tempo fa veniva permesso ai cacciatori di cacciare anche nelle vicinanze delle abitazioni, poichè per il mio comune era una zona rurale!!
                      Non vi dico quante volte ho sentito dopo gli spari il rumore dei palini che si infrangevano contro i vetri di casa o contro le auto in giardino!!
                      Avevo paura anche di lasciare i cani fuori!!
                      Per fortuna adesso non possono cacciare più vicino casa!
                      Perlomeno qui sto tranquillo!!!

                      #13665

                      Anonimo

                        il divieto non è rivolto al cane ma al cacciatore.

                        la caccia ha una ferrea regolamentazione per quanto riguarda luoghi tempi e selvaggina da poter cacciare.

                        per evitare che il divieto venga eluso liberando cani più o meno addestrati per la caccia, in certe zone, viene sanzionato a prescindere il proprietario che libera il proprio cane nei giorni di divieto o senza patentino.

                        non ci sarebbe prevenzione se si potesse sanzionare il proprietario solo quando il cane ha già catturato la preda

                        Semplice e chiarissimo….
                        Senza fare un’inutile caccia alla streghe senza saper nemmeno di quello che si stà parlando e ragionando per luoghi cumini, o esperienze sentite dal cugino dell’amico della zia Agata, inutili accanimenti verso una categoria che spesso è più rispettosa di semplici proprietari di cani che si credono grandi animalisti e non si rendono conto che lasciando libero il cane in determinate stagioni si rischia che il cane pervaso (giustamente) dal suo istinto si getti all’inseguimento di un cucciolo di selvatico provocando il distaccamento dalla madre e quindi la morte del o addirittura dei cuccioli…. ;)

                        :sick: Scusate lo sfogo ma visto che conosco e vivo a stretto contatto con cacciatori posso garantire che sono loro i primi custodi della natura e della selvaggina, controllando tramite censimenti in assistenza alla forestale la diffusione di determinate specie… sono loro che organizzano più volte all’anno giornate di pulizia nei boschi dove i così detti ben pensanti cittadini amanti del verde vengono qui nelle nostre montagne a mangiare, bere e poi mollano sporcizia ovunque…. sono sempre loro che vanno a lavorare ai rifacimenti dei sentieri pedonali nei boschi se hanno avuto cedimenti… sono sempre loro che vanno ad aiutare i contadini della zona a sistemare i terreni o eventuali coltivazioni danneggiati da alcune razze di selvaggina eccessivamente diffusa…. e sono sempre loro che spesso seguono assieme alla forestale il ripopolamento di determinate specie….
                        Poi ovvio……. i DELINQUENTI perchè i bracconieri e chi non rispetta le severe leggi imposte ai cacciatori è così che và chiamato, purtroppo ci sono e vi garantisco che sono gli stessi cacciatori corretti a segnalarli a chi di dovere ogni volta che ne scoprono uno con certezza….
                        Quindi amici miei… non facciamo di tutto l’erba un fascio mi raccomando B)

                        #13666

                        dino0977
                        Utente
                        • Località: Cosenza
                        • Genere: Maschio
                          • @dino0977

                          Quindi amici miei… non facciamo di tutto l’erba un fascio mi raccomando


                          Spero tanto sia come dici tu…..
                          Purtroppo tutti i cacciatori che conosco dicono di amare la natura, ma in realtà pensano solo a sparare a tutto ciò che si muove……….
                          Non voglio fare polemica, purtroppo per la mia esperienza non nutro particolare simpatia per chi si occupa di caccia.
                          Chiudo qui, un caro saluto!

                          #13668

                          lori
                          Moderatore
                            • @lori

                            Quindi amici miei… non facciamo di tutto l’erba un fascio mi raccomando B)

                            Mai fare di tutt’erba un fascio, ovviamente…

                            L’Uomo educato, sarà anche un cacciatore educato, vale per il rispettoso dell’ambiente, per l’amante degli animali e della natura.

                            Ma quanti ne conosci o incontri che potresti definire così?

                            Vissuta per molti anni a Sibari in un’azienda con riserva di caccia per ripopolamento, me ho viste di tutti i colori da parte dei signori cacciatori e neanche uno ne ho incontrato che potesse avvicinarsi all’Uomo sopra citato, compresi il marito e rispettivi fratelli che erano sedicenti cacciatori perfetti ed educati. Per fortuna, almeno mia, facevano battute di caccia all’estero, e sparivano dai boschi nostrani per lunghi periodi.

                            Amano i loro cani i cacciatori? Mia esperienza diretta, non per sentito dire, li abbandonavano nei boschi ed ero io a raccoglierli e dar loro da mangiare per settimane prima che venissero a riprenderseli perchè servivano e per riperderseli di nuovo.

                            Il nostro habitat è cambiato, ahimè, non esistono più gli antichi romani e le lotte tra belve (almeno spero) e non c’è più selvaggina.
                            O si spara alle galline, meglio ai pulcini, che tali sono i fagiani liberati in riserva, o si va a funghi, forse a tartufi così non sparisce anche il bravo lagotto.

                            #13673

                            fubiano
                            Utente
                              • @fubiano

                              é chiaro che non si può fare di ogni erba un fascio ma chiedo a SEV hai mai visto una battuta di caccia al cinghiale: girano come invasati con le loro Land Rover guidando come pazzi parlando ai loro Wolki toki sia su asfalto che su prati si appostano a pochi metri da strade e case ed il bello è che mettono cartelli in cui sei tu che devi stare attento a loro (in effetti è vero sono davvero pericolosi) e non loro che hanno un arma in mano quando ci sono queste battute non solo non si può portare il cane ma non puoi uscire neanche te e guarda caso quando aprono la caccia è anche tempo di funghi, loro possono esercitare il loro “sport” gli altri se vanno a funghi rischiano la vita.
                              Tornando in tema perchè un cane da caccia può andare libero in certi periodi e gli altri no. non disturbano la selvaggina nello stesso modo, omettendo che poi i non cacciatori non uccidono.
                              Piantiamola con la favola che i cacciatori fanno selezione prima impestano con animali non zonali , mettono esche per avvelenare i predatori naturali e poi si ergono a difensori della natura ma fatemi il piacere ipocriti.

                              #13686

                              espada
                              Utente
                                • @espada

                                scusate, spezzo una lancia a favore di SEV… i cacciatori dovrebbero essere tutti come dice lui!
                                la licenza di caccia non si dovrebbe dare con leggerezza, come invece avviene.
                                scendendo dalla teoria alla pratica, dal generale al particolare, dall’ideale al reale… beh probabilmente poi le cose stanno come avete detto voi altri, ma posso portarvi altre testimonianze di “cacciatori etici” (anzi uno lo sto aspettando sul forum da mesi…)

                                #13694

                                Anonimo

                                  é chiaro che non si può fare di ogni erba un fascio ma chiedo a SEV hai mai visto una battuta di caccia al cinghiale: girano come invasati con le loro Land Rover guidando come pazzi parlando ai loro Wolki toki sia su asfalto che su prati si appostano a pochi metri da strade e case ed il bello è che mettono cartelli in cui sei tu che devi stare attento a loro (in effetti è vero sono davvero pericolosi) e non loro che hanno un arma in mano quando ci sono queste battute non solo non si può portare il cane ma non puoi uscire neanche te e guarda caso quando aprono la caccia è anche tempo di funghi, loro possono esercitare il loro “sport” gli altri se vanno a funghi rischiano la vita.
                                  Tornando in tema perchè un cane da caccia può andare libero in certi periodi e gli altri no. non disturbano la selvaggina nello stesso modo, omettendo che poi i non cacciatori non uccidono.
                                  Piantiamola con la favola che i cacciatori fanno selezione prima impestano con animali non zonali , mettono esche per avvelenare i predatori naturali e poi si ergono a difensori della natura ma fatemi il piacere ipocriti.

                                  Hahahahahaaaa spero veramente che il tuo sia stato un intervento sarcastico…

                                  1 Sì… ho ancora assistito come “visitatore” in una battuta di caccia al cinghiale… non sò che film hai visto ma ti posso garantire che vengono prese tutte le protezioni del caso tanto è che fra l’altro durante una battuta di caccia al cinghiale è VIETATO esplodere colpi verso valle ma solo ed esclusivamente verso la montagna per var in modo che la pallottola interrompa immediatamente la sua corsa e non sia minimamente pericolosa per nessuno nemmeno in maniera accidentale.
                                  2 durante una battuta di caccia nessuno ti vieta di percorrere il bosco… io in 28 anni di vita ho sempre girato nel bosco anche durante battute di caccia e non ho mai ricevuto pallini nel fondoschiena…
                                  3 ti sbagli anche riguardo al fatto che i cani da caccia hanno più diritti rispetto ad uno qualsiasi dei NOSTRI amici a 4 zampe… gli unici ad avere vincoli infatti sono solo i cani da caccia per evitare che disturbino eventuali in eventuali mesi cuccioli di selvaggina….
                                  4 per quanto riguarda quello che tu definisci FAVOLA riguardante la selezione…. per verificarla è abbastanza che contatti il corpo forestale e chiedi conferma… nelle mie zone per aiutare i poveri contadi che si trovano distrutto il loro raccolto da una popolazione sempre crescente di cinghiali, intervengono per fare selezione su altane appunto gruppi selezionati di cacciatori autorizzati dalla forestale per appunto… ( senza calcolare che sono ancora loro ad andare a dar man forte al contadino per sistemare materialmente le recinzioni e salvar quello che si può del raccolto )

                                  P.S. specifico che NON sono un cacciatore ma solo una persona che non tollera luoghi comuni o semplice cameratismo alle spalle di chi non può replicare :P

                                Stai vedendo 15 articoli - dal 1 a 15 (di 131 totali)

                                Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.

                                  Ultime Discussioni