Viaggiare in Inghilterra col proprio cane

Forum Gestione del cane Gestione legale del cane Viaggiare in Inghilterra col proprio cane

Questo argomento contiene 6 risposte, ha 6 partecipanti, ed è stato aggiornato da  Admin 1 anno, 4 mesi fa.

Stai vedendo 7 articoli - dal 1 a 7 (di 7 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #100984

    alegra
    Utente
      • @alegra

      Ciao a tutti.
      Ho alcune perplessità da condividere, nella speranza di riuscire a capire qualcosa di più e ricevere qualche consiglio utile; magari qualcuno qui ha già affrontato il problema.
      Fra qualche mese io e mio marito potremmo doverci trasferire per un anno in Inghilterra per lavoro. Ovviamente il primo pensiero è andato alla nostra pelosetta di 5 chili… Ha già viaggiato in aereo in cabina con me, perchè la stiva e il cargo non sono opzioni contemplate. Bè, nessun problema ho pensato, il viaggio dura un po’ di più del solito ma ce la possiamo fare… Mi sbagliavo, non conoscevo le leggi Inglesi….

      Oggi ho scoperto che l’Inghilterra non accetta animali via aerea se non tramite cargo….. Unica possibilità rimasta, via terra o mare…. Noi partiamo dalla Sardegna…Andare in macchina? Tantissimi chilometri….per non parlare dei problemi relativi alla permanenza dell’auto italiana in UK…. In aereo fino a Parigi, dove potremmo arrivare sia con Alitalia che con Meridiana, poi da lì fino a Calais (in treno, bus o addirittura taxi) e poi o traghetto o Eurotunnel fino al territorio anglosassone. No, perchè gli animali possono salire sul traghetto solo a bordo di un’auto….. quindi bisognerebbe prendere un taxi per salire sul traghetto…a quel punto lo prendo dall’aeroporto, ipotecando metà del primo stipendio, ma almeno evito di stressare me e la piccolina con numerosi saliscendi e attese…..

      Sempre che tutta la documentazione sia in ordine e non facciano storie…
      E su questa dovremmo essere apposto: passaporto fatto, microchip, antirabbica fatta a novembre e scadrà ad ottobre, quindi immagino vada poi rinnovata li, titolazione anticorpale non obbligatoria, confermate? Da non meno di 24 ore prima dell’ingresso a non più di 5 gg trattamento per l’echinococcosi da far registrare sul passaporto dal veterinario con data e ora…..Il trattamento antiparassitario per le zecche pare sia stato abolito… Chiederò anche al veterinario…
      Dimentico qualcosa?

      #100987

      Amj
      Utente
        • @amj

        Oddio credo proprio di non poterti aiutare!
        Spero che qualcuno qui possa darti informazioni in merito!

        #100989

        lori
        Moderatore
          • @lori

          Non c’è più la quarantena?
          È già una grande fortuna.

          #101009

          mccaw
          Moderatore
            • @mccaw

            No la quarantena non c’è più da un po’ di anni.

            Sulla titolazione anticorpale non so, per l’antirabbica solitamente in molti paesi non deve essere fatta da meno di un mese e più di 11 mesi, però per quel che riguarda la situazione inglese non la conosco. Mi ricordo però di aver visto un programma tv chiamato passaporto a quattro zampe in cui si occupavano di tutte le pratiche di import/export.

            http://press.discovery.com/uk/apl/programs/pet-passport/

            http://www.parair.co.uk/

            #101389

            alegra
            Utente
              • @alegra

              Grazie.

              #267848

              giuliskye
              Utente
              • Località: Bologna
              • Genere: Femmina
                • @giuliskye

                Ciao a tutti gli iscritti!
                Non so se sto postando nella giusta categoria. In tal caso, mi dispiace molto.
                Ringrazio con tutto il cuore chi mi vorrà consigliare.

                Mi chiamo Giulia e ho un Setter Inglese di (forse) 9 anni preso al canile 4 anni fa. È sanissimo e attivo. Sono morbosamente legata a lui e sto cercando disperatamente un modo per portarlo con me in Inghilterra ad Ottobre (frequento l’università là).

                L’anno scorso l’ho lasciato a casa con i miei e l’altra nostra cagnolina, perché non ero sicura che potesse stare bene in un contesto che nemmeno io conoscevo. Ora, considerato tutto, credo fortemente di potermi prendere cura di lui e farlo stare bene. Tutta la mia famiglia insiste perché lo lasci in Italia, sostanzialmente perché hanno paura che per “colpa sua” io mi possa privare di una vita universitaria spensierata (amici, feste etc. Ma chi se ne frega dico io!).

                Quello che vorrei chiedere è: qualcuno di voi è riuscito a trasferirsi con il cane all’estero? Come lo avete portato là (l’idea di metterlo in stiva mi fa rabbrividire…)? Il cane è arrivato molto stressato? Lui è un cane che “dove lo metti sta”, si adatta molto bene alle nuove situazioni (basta che alla fine della giornata ci sia un bel divano!). Io ho il brutto vizio di non riuscire a stare ferma, quindi siamo sempre in giro!

                Grazie!

                #267853

                Admin
                Admin
                • Genere: Maschio
                  • @admin

                  Ciao, ho trovato un topic già aperto e li ho uniti così puoi leggere già i messaggi precedenti.
                  Ho anche cancellato il tuo indirizzo email, questa è una comunità cinofila e ci fa piacere se si parla tutti insieme.
                  Quando hai tempo puoi aprire un post nella sezione dedicata alla presentazione, così conosciamo anche il tuo cane?
                  Benvenuta
                  Alessio & dogs

                Stai vedendo 7 articoli - dal 1 a 7 (di 7 totali)

                Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.

                  Ultime Discussioni