Test di affidabilità del cane: CAE/1 , CAE/BH ed alternativi (BC4Z)

Forum Cinologia Addestramento Sportivo Test di affidabilità del cane: CAE/1 , CAE/BH ed alternativi (BC4Z)

Questo argomento contiene 72 risposte, ha 16 partecipanti, ed è stato aggiornato da  fubiano 2 anni, 5 mesi fa.

Stai vedendo 15 articoli - dal 1 a 15 (di 73 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #7612

    fubiano
    Utente
      • @fubiano

      Penso che occorra qualche chiarimento su questi due test:
      da l’anno scorso l’ENCI ha istituito due test di comportamento sociale: il primo BH è pur essendo aperto a tutti un test particolare per cani che faranno esercizi di morso, nelle intenzioni: dall’inizio di questanno se non avevi superato il BH non avresti potuto partecipare a concorsi di IPO e Mondioring dove tra gli altri vi sono esercizi di morso lo scopo è quello di dimostrare che un CANE CHE MORDE E’ UN CANE SOCIEVOLE.(regolamento non ancora in vigore, quindi anche se non hai BH puoi partecipare)
      Per questo test è necessario un certo addestramento, d’altra parte è indirizzato a chi fa sport, personalmente non mi piace molto è di impostazione prettamente IPO e poi qualcuno dovrebbe spiegarmi perchè un cane tenuto a destra è meno socievole di uno tenuto a sinistra. a mio avviso è un test di addestramento e non di socievolezza d’altra parte potrebbe essere il valorizzare il controllo sul cane, allora perchè chiamarlo test di socializzazione . Il risultato viene trascritto sul libretto delle qualifiche come qualsiasi prova di lavoro e vale per il cane.
      Il CAE1 è una prova atta a dimostrare la non pericolosità del cane in un ambiente cittadino è strettamente legata a cane e conduttore se il cane viene portato fuori da me e mia moglie tutti e due dobbiamo avere superato il CAE è un test più semplice in pratica il cane deve dimostrare di poter sopportare con equilibrio il logorio della vita moderna, come recitava una vecchia pubblicità di un noto digestivo.
      il CAE è aperto a tutti i cani di razza e non. viene rilasciato un tesserino che attesta il superamento del test.
      Per gli esercizi specifici di tutt’e due i test trovate il programma nel sito ENCI se ci sono domande sui singoli esercizi chiedete pure

      #7617

      espada
      Utente
        • @espada

        Il CAE1 è una prova atta a dimostrare la non pericolosità del cane in un ambiente cittadino è strettamente legata a cane e conduttore se il cane viene portato fuori da me e mia moglie tutti e due dobbiamo avere superato il CAE è un test più semplice in pratica il cane deve dimostrare di poter sopportare con equilibrio il logorio della vita moderna, come recitava una vecchia pubblicità di un noto digestivo.
        il CAE è aperto a tutti i cani di razza e non. viene rilasciato un tesserino che attesta il superamento del test.

        Eddington ha conseguito il CAE/1 lo scorso maggio, conducendo Angelica ( :P )… siccome si paga, non l’ha fatto anche con me!

        il più grande limite che personalmente ho osservato è che si teneva presso un campo da addestramento di Utilità eUtilità e Difesaani abituali frequentatori lì non si sarebbero scomposti nemmeno se fosse atterrato un elicottero…
        quindi, era una simulazione non realistica di ciò che diversamente sarebbero gli stessi stimoli cittadini in contesto cittadino!

        per noi era stato più difficile, sia perchè diluviava (ed Eddington è meteoropatico), sia perchè quando stavamo entrando in pista ci hanno mandato davanti un altro, sia perchè il titolare del campo veniva sempre dritto verso il cane (che ovviamente si sentiva così minacciato) apposta per metterlo in difficoltà… ma lo faceva solo con quelli che non erano suoi clienti…

        comunque, non ostante tutto, l’ha superato…
        :cheer:

        #7618

        espada
        Utente
          • @espada

          Per gli esercizi specifici di tutt’e due i test trovate il programma nel sito ENCI se ci sono domande sui singoli esercizi chiedete pure

          grazie carissimo!
          chiederemo sicuramente, intanto ricopio il regolamento

          ENCI MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI
          http://www.enci.it/

          CAE/1 e CAE/BH
          Test di Controllo dell’Affidabilità e dell’Equilibrio Psichico per Cani e Padroni Buoni Cittadini
          Il CAE è un test di controllo dell’affidabilità e dell’equilibrio psichico dei cani (CAE), nonché della capacità di controllo da parte del conduttore.
          Le condizioni di vita del cane sono estremamente cambiate con il fenomeno dell’urbanizzazione. In particolare i cani si trovano a confrontarsi con numerosi stimoli ambientali nelle città e lo spazio per soddisfare liberamente le loro necessità di movimento sempre più limitato. Se da un lato bisogna soddisfare le necessità dei quattro zampe offrendo loro condizioni di vita appropriate alla loro natura, dall’altro l’ambiente urbano richiede un corrispondente impegno da parte dei proprietari di cani affinché i nostri compagni non rendano disagevole la vita a coloro che non ne posseggono.
          L’ENCI, attraverso il proprio “Albo degli Addestratori Cinofili”, offre l’opportunità a tutti i conduttori di cani, di approfondire le proprie conoscenze su tutte le questioni riguardanti l’allevamento e l’educazione dei cani. Lo stretto collegamento tra teoria e pratica rende interessante la preparazione di CAE per ogni conduttore di cane. L’ENCI e le associazioni che ne fanno parte hanno già in passato svolto un fondamentale ruolo culturale e divulgativo. Ora con l’istituzione dei CAE svolgeranno un ulteriore importante compito sociale di supporto ai proprietari di cani e di garanzia per i non proprietari. Il CAE un esame che mira a certificare un cane socialmente affabile e senza problemi di comportamento della coppia cane-conduttore nella vita quotidiana.
          Si esamina e valuta l’esperienza di un conduttore con un determinato cane e la coppia concreta “conduttore e cane” nel giorno dell’esame. Ovviamente non possibile escludere a priori eventuali errori futuri del conduttore, si deve continuare ad esercitare il proprio cane nell’obbedienza anche dopo aver superato l’esame dei CAE, e in special modo, si deve richiedere l’immediato consiglio di uno specialista nel caso dovessero emergere inattesi comportamenti aggressivi del cane. Con i CAE si conferma, che un determinato conduttore esperto e che stato da lui formato un determinato cane e che socialmente affabile. Ne deriva che un conduttore debba ripetere l’esame con ogni nuovo cane e che eventualmente pi membri della famiglia possano sostenere l’esame del CAE con uno stesso cane.
          I cani devono essere educati e avere una formazione di base. Devono in qualsiasi momento essere controllabili dal conduttore e devono essere ubbidienti. A tale fine non sarà particolarmente importante l’esatta esecuzione degli esercizi, quanto piuttosto l’elaborazione di un appropriato fiducioso legame tra conduttore e cane, che consente, che il cane in ogni situazione e in ogni luogo possa essere controllato dal conduttore. L’obbedienza del cane viene valutata nell’ambito di un esame effettuato da un Valutatore iscritto all’albo, seguendo il programma di esame CAE/1 o CAE/BH. Non viene controllata solo l’ubbidienza del cane, ma anche un comportamento adeguato e rispettoso del conduttore verso il suo cane in pubblico e nelle situazioni di tutti i giorni. In questo caso il cane si deve presentare tranquillo e socievole e non può reagire in modo eccessivamente aggressivo. Il cane, tramite il conduttore, deve essere controllabile e sempre dominabile. Questa parte dell’esame ha un significato centrale; non possono superarlo cani inadeguatamente e/o aggressivamente incontrollabili così come cani troppo sensibili agli stress. Importanti deficit nel comportamento sociale e un’aggressività esagerata che non possono essere controllati non consentiranno il rilascio del CAE.

          NORME GENERALI
          Le norme del regolamento per il rilascio dei CAE sono vincolanti per tutti i partecipanti.
          Tutti i partecipanti all’esame devono effettuare gli stessi esercizi.
          Nei casi dubbi l’esaminatore può effettuare richieste di esercizi individuali. L’indicazione di un comportamento proporzionato e di riguardo in pubblico riveste dal punto di vista dell’affabilità sociale un significato speciale. Il conduttore deve essere sensibilizzato per il comportamento del suo cane ed educare per l’affabilità sociale. Questo significa che il cane nell’incontro con altri uomini o altri cani si comporti pacificamente o che si debba evitare la perturbazione della quiete pubblica. In connessione con questo tema si rivolge anche la pulizia delle strade e dei parchi. a) Luoghi e località Per gli esercizi per la verifica dell’ubbidienza sufficiente scegliere un posto grande (per esempio piazza d’esercitazione, campo sportivo, ecc.). L’esame dell’affabilità sociale avviene in un luogo con traffico elevato di passanti e veicoli. b) Numero di partecipanti Nel giorno d’esame possono essere valutati, da un esaminatore, al massimo 15 cani; il numero minimo di cani ammonta a quattro. c) Domande In un modulo d’esame standardizzato si devono fissare: ? Luogo, data, esaminatore, direttore d’esame ? Conduttore con indirizzo ? Cane con nome, numero di tatuaggio/microchip, giorno di nascita, numero d’iscrizione, razza ? superato/non superato d) Identificazione Il direttore d’esame deve assicurare che sia messo a disposizione un appropriato lettore per l’identificazione, nel giorno dell’esame, dei cani che sono identificati con un microchip.

          Condizioni per la partecipazione dell’esame

          a) Partecipante Possono partecipare: Tutti i possessori di cani. E’ possibile, che due partecipanti con lo stesso cane presentino ogni volta l’esame completo, CAE 1. Un conduttore non può presentare a un esame per la licenza del cane del CAE/BH con più di due cani.
          b) Ammissione del cane all’esame Cani malati o feriti possono essere esclusi dal direttore d’esame o dall’esaminatore dell’esame. Durante l’esame i cani devono essere presentati con collari di uso commerciale di catena, plastica o cuoio. Le femmine in calore possono partecipare all’esame per il rilascio dei CAE, ma devono essere poste, nell’ordine di partenza, alla fine dell’esame. Il CAE, organizzato, su autorizzazione dell’ENCI, dai Soci collettivi ENCI, eventualmente in collaborazione con altri enti, ed giudicato da uno o pi Valutatori iscritti all’albo. Ogni cane deve svolgere tutta la prova in un solo giorno e deve essere giudicato da un solo Valutatore. Se ci sono numerosi cani questi possono essere suddivisi in pi giorni o possono essere impiegati pi Valutatori che si suddividano i soggetti iscritti. Sono ammessi i cani di tutte le razze e taglie, compresi i cani meticci. Devono essere esclusivamente condotti dal loro proprietario e regolarmente iscritti all’anagrafe canina della ASL del comune dove il proprietario risiede. Requisiti: antirabbica, libretto delle qualifiche se di razza, microchip o tatuaggio, et minima di 15 mesi. Catalogo con elenco partecipanti – iscrizioni almeno 7 giorni prima.

          Vi sono due livelli di CAE: il CAE/1 ed il CAE/BH.

          • Il CAE/1 esige un minimo livello di educazione.

          • Il CAE/BH esige un certo grado di addestramento del cane e di preparazione teorica del conduttore.

          La prova, sia del CAE/1 che del CAE/BH, si svolge in due sezioni:

          – la prima in un campo recintato
          – la seconda in contesto urbano.

          Ciascun soggetto deve essere giudicato in entrambe le sezioni dallo stesso esperto Valutatore.

          Un soggetto che non superi la sezione 1 (in campo) per motivi di sicurezza non potr essere ammesso alla sezione 2 (in contesto urbano).
          PROVA PRELIMINARE DI INDIFFERENZA
          Prima della ammissione alla partecipazione ai CAE i cani devono essere sottoposti ad una prova di indifferenza; controllo del tatuaggio e/o chip. Cani non identificabili non possono essere ammessi alla gara. La prova di indifferenza continua durante tutta la durata della gara. I cani che non superano la prova di indifferenza non possono proseguire la prova. Anche cani che hanno superato la prima prova di indifferenza (controllo chip) ma che dimostrano difetti comportamentali durante la gara possono essere esclusi dal giudice con la notifica sul libretto di prova di indifferenza non superata. Il giudice al termine della prova stabilir se questa “superata o non superata” e se il cane ammesso alla sezione 1 del CAE/1 o CAE/BH.

          #7619

          espada
          Utente
            • @espada

            ENCI MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI
            http://www.enci.it/

            CAE 1 SEZIONE 1.
            Questa Sezione si svolge in un campo recintato, di almeno metri 40×40, presenti in campo schede, matite, tavolo, riparo sole o pioggia, aiutanti del Valutatore minimo 5 persone. Attrezzi predisposti dall’organizzazione. Diversi stimoli vengono presentati al cane in modo che passino nel suo campo visivo e mentre questi al guinzaglio. In qualsiasi momento dello svolgimento del test. Presentazione al Valutatore: Il conduttore entra nel campo con il cane al guinzaglio e si presenta al Valutatore che controllerà preliminarmente l’equilibrio generale del soggetto e provveder alla sua identificazione attraverso la verifica del tatuaggio o del microchip. Se in questa fase il soggetto si rivela eccessivamente timoroso o aggressivo il Valutatore potrà interrompere la prova. L’interruzione della prova potrà essere sempre disposta, ad esclusiva discrezione del Valutatore, nel corso di qualsiasi degli esercizi successivi.
            Esercizio n. 1
            Su indicazione del valutatore il conduttore impartisce un comando di arresto al cane, allontanandosi di alcuni passi. Il cane viene lasciato libero mentre nell’area preposta, su indicazione del Valutatore, passano alcuni operatori (non pi di due per volta) a diverse andature: camminando tranquillamente e con una camminata spedita. Valutazioni: Il soggetto deve rimanere approssimativamente nell’area indicata dal conduttore anche in presenza degli stimoli. E’ consentito al conduttore impartire ordini sia verbali che gestuali al proprio cane per mantenerlo nell’area prefissata. Non può superare la prova il soggetto che non in grado di rimanere sotto controllo del conduttore o reagisce con eccessivo timore o aggressività al passaggio degli operatori.
            Esercizio n. 2
            Un operatore in bicicletta passa nel campo visivo del cane. Valutazioni: Il soggetto dovrà rimanere nei pressi del conduttore. E’ consentito al conduttore impartire ordini sia verbali che gestuali al proprio cane per mantenerlo vicino o per arrestarlo se tende ad inseguire la bicicletta. Non può superare la prova il soggetto che non in grado di rimanere sotto controllo del conduttore o reagisce con eccessivo timore o aggressività al passaggio della bicicletta.
            Esercizio n. 3
            Un cane di sesso opposto a quello testato viene immesso nell’area di test, tenuto al guinzaglio da un operatore. Valutazioni: Il soggetto dovrà rimanere nei pressi del conduttore. E’ consentito al conduttore impartire ordini sia verbali che gestuali al proprio cane per mantenerlo vicino o per arrestarlo se tende ad avvicinare l’altro cane. Non pu superare la prova il soggetto che non in grado di rimanere sotto controllo del conduttore o reagisce con eccessivo timore o aggressività alla presenza dell’altro cane.
            Esercizio n. 4
            Successivamente un operatore spinge un passeggino nel campo visivo del cane. Valutazioni: Il soggetto dovrà rimanere nei pressi del conduttore. E’ consentito al conduttore impartire ordini sia verbali che gestuali al proprio cane per mantenerlo vicino o per arrestarlo se tende ad avvicinarsi al passeggino. Non può superare la prova il soggetto che non in grado di rimanere sotto controllo del conduttore o reagisce con eccessivo timore o aggressività al passaggio del passeggino.
            Esercizio n. 5
            Successivamente un operatore corre (jogger) nel campo visivo del cane passandogli vicino. Valutazioni: Il soggetto dovrà rimanere nei pressi del conduttore. E’ consentito al conduttore impartire ordini sia verbali che gestuali al proprio cane per mantenerlo vicino o per arrestarlo se tende ad inseguire l’operatore. Non può superare la prova il soggetto che non in grado di rimanere sotto controllo del conduttore o reagisce con eccessivo timore o aggressività al passaggio dell’operatore.
            Esercizio n. 6
            Terminata la prova di fronte al valutatore, dovrà dimostrare di essere in grado di manipolare ed accudire il proprio cane (ispezionare le zampe ed i testicoli, mostrarne la dentatura, spazzolarlo o rimuovere corpi estranei…) Valutazioni: Il soggetto dovrà rimanere tranquillo durante la manipolazione del conduttore. E’ consentito al conduttore impartire ordini al proprio cane per mantenerlo tranquillo. Non può superare la prova il soggetto che non in grado di rimanere sotto controllo del conduttore o reagisce con eccessivo timore o aggressività alle manipolazioni. SEZIONE 2. Questa Sezione si svolge in contesto urbano. L’organizzazione avrà cura di predisporre un percorso simile per tutti i cani nonché un congruo numero di operatori che consentano lo svolgimento dei seguenti esercizi. Gli esercizi si svolgono con il cane al guinzaglio. Diversi stimoli vengono presentati in modo che passino nel campo visivo del cane.
            Esercizio n.7
            Mentre il conduttore procede con il cane al guinzaglio, pi operatori (2-4) incrociano la coppia cane conduttore da direzioni diverse. Almeno un operatore deve sfiorare il cane in maniera casuale, ed almeno una delle persone deve avere un abbigliamento inusuale (cappello larghe a larghe tese, mantello….) Valutazioni: Il soggetto dovrà rimanere tranquillo, o facilmente controllabile, al passaggio degli operatori o di eventuali altri passanti. E’ consentito al conduttore impartire ordini al proprio cane per mantenerlo tranquillo. Non può superare la prova il soggetto che non in grado di rimanere sotto controllo del conduttore o reagisce con eccessivo timore o aggressività al passaggio degli estranei.
            Esercizio n.8
            Mentre il conduttore procede con il cane al guinzaglio, un operatore che si era precedentemente posizionato su una panchina, o analogo sedile, lungo il tragitto con un giornale aperto, chiude rumorosamente il giornale, si alza e procede a passo veloce in direzione della coppia, incrociandola perpendicolarmente. Valutazioni: Il soggetto dovrà rimanere tranquillo, o facilmente controllabile, al passaggio dell’operatore. E’ consentito al conduttore impartire ordini al proprio cane per mantenerlo tranquillo. Non può superare la prova il soggetto che non in grado di rimanere sotto controllo del conduttore o reagisce con eccessivo timore o aggressività al passaggio dell’operatore.
            Esercizio n.9
            Un operatore, su indicazioni del Valutatore, si avvicina frontalmente alla coppia cane/conduttore, rivolge alcune parole al cane e stende il braccio per stringere la mano al conduttore. Valutazioni: Il soggetto dovrà rimanere tranquillo, o facilmente controllabile, all’arrivo dell’operatore. E’ consentito al conduttore impartire ordini al proprio cane per mantenerlo tranquillo. Non può superare la prova il soggetto che non in grado di rimanere sotto controllo del conduttore o reagisce con eccessivo timore o aggressività all’arrivo od al saluto dell’operatore.
            Esercizio n.10
            Un operatore si avvicina con fare inoffensivo alla coppia cane-conduttore con un ombrello chiuso, picchiettandolo sul terreno. Giunto vicino a loro apre l’ombrello con naturalezza e poi si allontana. Valutazioni: Il soggetto dovrà rimanere tranquillo, o facilmente controllabile, all’arrivo dell’operatore ed all’apertura dell’ombrello. E’ consentito al conduttore impartire ordini al proprio cane per mantenerlo tranquillo. Non può superare la prova il soggetto che non in grado di rimanere sotto controllo del conduttore o reagisce con eccessivo timore o aggressività. Superamento della prova: Per ogni esercizio possono essere assegnati fino a 10 punti per un totale di 100. Il punteggio minimo per il superamento del CAE di almeno il 50% in ciascuno esercizio ed il 70% del totale dei punti disponibili. In ogni caso il Valutatore dovrà interrompere la prova se il cane si dimostra pericoloso o fuori controllo. I soggetti non approvati potranno ripetere il CAE non prima di tre mesi. Ove sia reso necessario dalla tipologia o dalla taglia del soggetto, il Valutatore, se il cane di giovane et, deve assegnare il CAE per la durata di un solo anno, ed il conduttore dovrà ripresentarlo, senza dover rifrequentare il corso di cui all’art. 3 per il conseguimento definitivo del CAE. L’ENCI rilascerà specifiche indicazioni ai Valutatori sulle differenti tipologie di cani che necessitano di essere esaminate in età adulta.

            #7620

            espada
            Utente
              • @espada

              ENCI MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI
              http://www.enci.it/

              CAE/BH VALUTAZIONE Cani che non raggiungo il 70% nella parte/sezione A non possono partecipare alla prova in ambiente pubblico. Alla fine della gara non sar dato punteggio, il giudice comunica il giudizi con ‘ approvato ‘ o ‘ non approvato ‘.
              La prova da considerarsi superata con il 70% dei punti nella sezione A e con la sufficienza nella sezione B. Non vi sono limiti di tempi per eventuali ripetizioni della prova. Ogni risultato da riportare sul libretto delle qualifiche.

              Parte A

              Prova di accompagnamento in un campo di addestramento. Totale punti 60. Ogni singolo esercizio inizia e finisce con la posizione base. Cane seduto diritto sulla sinistra del conduttore, con la spalla destra all’altezza del ginocchio. La posizione base può essere eseguita una volta soltanto all’inizio di ogni esercizio. La posizione di base alla fine di un esercizio può essere utilizzata quale posizione base per l’inizio del successivo esercizio. Aiuti corporei del conduttore comportano detrazione di punti. Giochi e/o oggetti di motivazione (come palline, salamotti o libretto di lavoro indipendentemente dall’esito. bocconi) non sono permessi. Difficoltà fisiche del conduttore sono da dichiarare al giudice prima dell’inizio della prova; in presenza di problematiche fisiche che impediscono la condotta sulla sinistra può svolgersi la gara con il cane sulla destra. Il giudice da il segnale per l’inizio della condotta; tutto il resto (cambio di andatura, fermo ecc.) viene eseguito senza indicazione del giudice. Il conduttore può chiedere al giudice di impartire i comandi. I complimenti al cane sono permessi alla fine di ogni esercizio. Dopo di che il conduttore può riprendere di nuovo la posizione di base. Tra i complimenti ed il nuovo inizio ci deve essere un intervallo visibile di circa 3 secondi. Tra un esercizio e l’altro il cane deve essere condotto al piede. Condotta al guinzaglio ( 15 punti)
              COMANDO “Piede”
              Dalla posizione base il cane (con collare e guinzaglio o pettorina non coercitivi) deve al comando “piede”, seguire con piacere il suo conduttore. Il collare non deve essere tenuto in trazione. All’inizio dell’esercizio, il conduttore ed il suo cane marciano in linea retta per circa 40/50 passi, senza fermarsi; segue un dietro front e dopo 10/15 passi si eseguono il passo di corsa ed il passo lento ognuno di almeno 10 passi .Dopo di che si devono eseguire a passo normale, almeno un cambio di direzione a destra, uno a sinistra e un dietro front. Il cane deve restare sempre alla sinistra del conduttore senza sopravanzarlo, n restare indietro o scostarsi troppo. Il comando “piede” verrà dato ad ogni partenza e ad ogni cambio di andatura. All’arresto del conduttore, il cane deve sedersi, senza intervento del conduttore. Il Conduttore una volta fermatosi non può modificare la sua posizione, in particolare non può avvicinarsi al cane, se questi si seduto lontano. Il guinzaglio deve essere tenuto nella mano sinistra e pendere allentato. Su ordine del Giudice il conduttore ed il suo cane passano in gruppo composto da almeno 4 persone in movimento disordinato tra di loro. Il conduttore si deve fermare almeno una volta nel gruppo. Deve essere penalizzata l’azione del cane che tende ad oltrepassare il gruppo, ritrarsi o tenersi lontano, come pure le situazioni e gli indugi da parte del conduttore nei dietro front e nei cambi di direzione.
              GRUPPO
              Il gruppo in movimento, la condotta attraverso il gruppo da mostrare sia con guinzaglio sia in condotta libera. In entrambe le condotte sono da eseguirsi per ciascuna condotta almeno un giro su persona a sinistra ed uno a destra (tipo formare un 8). Per ciascuna delle condotte si deve eseguire almeno un fermo vicino ad una persona. Il giudice ha facoltà di chiedere ripetizione. I complimenti al cane dopo il gruppo sono permessi solamente nella posizione finale.
              DIETRO FRONT ( 180 punti )
              Il dietro front può essere seguito in due modi, entrambi per con la girata a sinistra da parte del conduttore. Il cane può girare assieme al conduttore mantenendo la sinistra del conduttore oppure può girare dietro il conduttore. Condotta senza guinzaglio (15 punti) COMANDO: “Piede” Su ordine del Giudice, il conduttore, nella posizione base, toglie il guinzaglio al cane e lo mette intorno alla spalla oppure in tasca, sempre sul lato opposto al cane. Con il cane libero ed al piede, raggiunge il gruppo vi sosta almeno una volta. Uscito dal gruppo assume brevemente la posizione base, esegue l’esercizio di condotta senza guinzaglio, nello stesso modo in cui ha svolto la condotta al guinzaglio.
              SEDUTO ( 10 punti ) Comando: ‘ SITZ ‘ ( seduto ) Dalla posizione base, il conduttore ed il suo cane libero dal guinzaglio, marciano a passo normale in linea retta. Dopo almeno 10 passi il cane al comando “seduto”, deve sedere senza che il conduttore cambi andatura o si giri. Dopo circa altri 30 passi il conduttore si ferma e si gira verso il cane. Su indicazione del Giudice il conduttore raggiunge il suo cane si mette alla sua destra, nella posizione base. Se il cane anziché sedersi si mette a terra o resta in piedi, vengono detratti 5 punti.
              TERRA durante la marcia e richiamo a distanza (10 punti) COMANDI: “Terra” – “Vieni” – “Piede” Dalla posizione base il conduttore ed il cane libero dal guinzaglio, con il comando piede, marciano a passo normale in linea retta. Dopo almeno 10 passi, al comando “terra”, il cane deve immediatamente assumere tale posizione, senza comandi supplementari e senza che il conduttore si giri. Il conduttore continua per 30 passi, poi si gira verso il cane e resta fermo in attesa. Su indicazione del Giudice il conduttore richiama il suo cane che deve accorrere con andatura rapida e vivace e sedersi di fronte molto vicino al conduttore, al successivo comando “piede” il cane deve mettersi seduto al fianco sinistro del conduttore. Al cane che al comando “terra” assume un’altra posizione, ma poi esegue correttamente il richiamo saranno detratti 5 punti.
              TERRA libero con distrazione (punti 10) COMANDI: “Terra” – “Seduto” Prima dell’inizio della prova di obbedienza di un altro cane, il conduttore, mette il cane nel luogo indicato dal giudice dalla posizione base a terra col comando terra senza lasciare sul posto o nei pressi guinzaglio o altri oggetti. Il conduttore, senza voltarsi, si allontana dal cane di 30 passi; raggiunta tale distanza, si ferma con le spalle rivolte al cane. Il cane deve rimanere a terra tranquillo. Il conduttore su indicazione del Giudice, si reca dal cane mettendosi alla sua destra; solo dietro nuova indicazione del giudice il conduttore da al cane il comando “seduto” per assumere la posizione di base. Se il cane sta seduto, rimane in piedi o rimane a terra non tranquillo verrà penalizzato; un cane che si alza, si siede, oppure che gattona per una distanza maggiore della sua lunghezza non supera la prova. Un comportamenti irrequieto del condutture e/o aiuti sono penalizzati. Femmine sarebbero, se possibile, da mettere a terra separatamente. Un cane che negli esercizi 1 – 5 non ottiene almeno il 70% ( 42 punti ) viene escluso dal resto della gara.

              PARTE B

              VALUTAZIONE NEL TRAFFICO Disposizioni Generali Gli esercizi seguenti si svolgono in ambienti esterno dal campo d’addestramento ed adeguati alla prova. Il giudice stabilisce il ‘dove‘ e ‘come‘ con il direttore della gara; ambiente pubblico, strade o piazze. Non si deve ostacolare il traffico pubblico. Lo svolgimento di questa parte della prova necessità per la sua particolarità di molto tempo. Quanto richiesto dal regolamento e da valutare non deve svolgersi in maniera superficiale a causa della quantità dei cani. Non saranno attribuiti punteggi in questa parte. Sarà tenuto in considerazione il comportamento del cane durante lo svolgimento di tutta la parte B. Gli esercizi descritti di seguito sono indicativi e possono essere cambiati dal giudice in base a necessità degli spazi pubblici. Se il giudice ha dei dubbi può chiedere di ripetere un esercizio e/o cambiarlo.
              SVOLGIMENTO DELLA PROVA INCONTRO CON GRUPPI DI PERSONE
              Su indicazione del giudice il conduttore cammina con il cane al guinzaglio lungo il tratto di strada/marciapiede indicatogli. Il Giudice segue a distanza opportuna. Il cane deve seguire volentieri il suo conduttore stando sul lato sinistro e con la spalla all’altezza del ginocchio, il guinzaglio deve essere tenuto morbido. Il cane deve mostrarsi indifferente verso persone estranee ed al traffico macchine. Durante la condotta, una addetto taglierà correndo la strada a cane e conduttore. Il cane ha da rimanere indifferente e non deve farsi impressionare. La condotta prosegue attraverso un gruppo di persone (almeno 6). Una di queste saluta verbalmente e con stretta di mano il conduttore, esso si ferma e dietro comando il cane ha da sedersi o da mettersi a terra, rimanendo in tranquillità durante la ‘ chiacchierata ‘.
              INCONTRO CON CICLISTI
              Durante la condotta al guinzaglio, cane e conduttore vengono sorpassati da dietro da un ciclista che suona il campanello. A molta distanza il ciclista gira e ritorno incontro a cane e conduttore, suonando ancora il campanello della bici. I passaggi del ciclista devono avvenire in modo che il cane si trovi in mezzo al conduttore ed al ciclista. Il cane ha da rimanere disinvolto.
              INCONTRO CON MACCHINE
              Il conduttore cammina con il cane al guinzaglio passando diverse macchine. Una viene messa in moto. Un’ altra chiude la portiera. Durante la condotta una macchina si ferma, viene abbassato il finestrino ed il guidatore chiede informazioni al conduttore. Dietro commando del conduttore il cane deve sedersi o mettersi a terra. Il cane ha da rimanere tranquillo e non deve farsi impressionare dalle macchine e dai rumori del traffico.
              INCONTRO con joggers, inline skaters ( persone in movimento di corsa o con i pattini )
              Cane al guinzaglio il conduttore intraprende una condotta in una via tranquilla. Almeno due persone sorpassano ( da dietro ) di corsa cane e conduttore senza rallentare il passo. Dopo di che le persone vengono incontro di corsa al cane ed al conduttore e li superano senza cambio d’ andatura. Il cane non deve ostacolare ‘ i sportivi ‘ , la sua condotta può anche non essere correttissima. Al conduttore data facoltà di mettere il cane nella posizione di seduto o terra mentre queste persone passano. Al posto delle persone che corrono ci possono essere persone con inline scater ( ex- pattinaggio a rotelle ).
              INCONTRO con altri cani.
              Nell’ avvicinarsi e nel passaggio di altro cane con conduttore il cane sotto valutazione si deve comportare in modo neutrale. Il commando piede può essere ripetuto; può essere data il seduto o terra. Comportamento del cane lasciato per breve tempo solo e legato con il guinzaglio in luogo trafficato. Su indicazione del giudice, il conduttore con il cane al guinzaglio, percorre una strada mediamente trafficata. Su indicazione del giudice, il conduttore si ferma e lega il guinzaglio ad una recinzione, paletto, anello nel muro o simili. Il conduttore lascia il cane e va fuori vista del cane (esempio l’ingresso in un negozio o una abitazione). Il cane può rimanere in piedi, seduto od a terra. Durante l’assenza del conduttore, sotto indicazione del Giudice passa una persona a circa cinque passi dal cane con un altro cane al guinzaglio. Il cane legato deve restare tranquillo lasciando passare l’altro cane senza dare segno di volerlo attaccare, tirando con forza il guinzaglio o abbaiando ripetutamente. Per questo esercizio il cane che passa davanti al cane legato necessario essere sicuri non sia uno ‘litigioso‘. Dietro indicazione del giudice il cane viene ripreso dal proprio conduttore. Nota E’ a discrezione del giudice se far eseguire ad ogni singolo cane la prova completa o se invece fa eseguire gli esercizi a tappe a tutti i cani per recarsi successivamente con tutti i cani nel luogo del successivo esercizio.

              #7621

              espada
              Utente
                • @espada

                Negli ultimi anni sta prendendo sempre più piede, in alternativa più o meno dichiarata all’ENCI (che, ricordiamolo, risente di tutti i vizi – legittimi interessi di lobby – che può avere un’associazione di allevatori!) lo CSEN, espressione cinofila del CONI.

                Per l’affidabilità sociale del cane ha sviluppato un test estremamente complesso (però a mio avviso in alcuni passaggi davvero poco significativo) denominato Buon Cittadino a 4 Zampe:

                Il Buon Cittadino a 4 Zampe® (BC4Z) è un progetto culturale. L’obiettivo del progetto è rivalutare il rapporto uomo-cane nella società odierna e responsabilizzare il proprietario in relazione ai doveri civici.

                Il cane come valore sociale: questo è il fulcro del BC4Z che si propone di modificare radicalmente la visione del cane all’interno della società.

                “Il cane ha sempre avuto una cittadinanza specifica nella società. Il contributo del cane non solo ha modificato la società degli uomini ma ha dato avvio alla società così come noi la conosciamo”.
                (R. Marchesini)
                Il cane è stato un co–fondatore e per questo la cittadinanza gli spetta di diritto. È necessario abbandonare la visione antropomorfica (il cane come proiezione dell’essere umano), zootecnica (il cane come erogatore di performances) e pietistica del cane per dare vita ad una partnership (proprietario–cane). Svilupparsi come coppia performativa significa crescere insieme condividendo vocazioni e doti attraverso un percorso di training.

                Tutti i cani per superare la prova devono essere ben curati, in salute, correttamente vaccinati ed avere un identificativo personale (microchip). Tutti i cani, giovani o vecchi, maschi o femmine, meticci o di razza pura, grandi o piccoli possono (dovrebbero) partecipare al programma BUON CITTADINO A 4 ZAMPE® (BC4Z) proposto dal nostro Ente, simile al modello americano ma più conforme alle nostre esigenze

                L’Ente sarà depositato l’elenco consultabile da chiunque ne faccia richiesta.

                Tutti i cani che superano il test BC4Z potrebbero venire iscritti in un apposito registro depositato periodicamente presso la sede centrale della FICSS ed ottenere una ‘certificazione’ che dichiara che sono ‘rispettabili’ membri della comunità poiché con il loro comportamento non creano o creeranno problemi alla cittadinanza.

                #7622

                espada
                Utente
                  • @espada

                  Il Test BC4Z® è suddiviso in dieci prove.
                  AL TEST SI POSSONO PRESENTARE ESCLUSIVAMENTE BINOMI PREPARATI/PRESENTATI DA TECNICI BC4Z

                  Il Test BC4Z® è suddiviso in dieci prove.
                  1. INCONTRO CON L’ESTRANEO, SALUTO E MANIPOLAZIONE
                  2. PASSEGGIATA IN CITTA’ e GRUPPO di PERSONE e CANI
                  3. GESTIONE PER STRADA
                  4. ASPETTA
                  5. IL BAR
                  6. EVENTI IMPROVVISI, REAZIONE AL RUMORE
                  7. IL RICHIAMO con DISTRAZIONE
                  8. DISCESA DALL’AUTO
                  9. LA CURA DEL CANE
                  10. VERIFICA DEL TRAINIG – ABITUDINE ALLA MUSERUOLA

                  Le prove 2. 3. si svolgono contemporaneamente, ma mantengono delle valutazioni individuali.
                  Le prove del Test BC4Z® non devono essere eseguiti in ambienti “asettici” o predisposti specificatamente, ma devono essere eseguiti in condizioni di realtà cittadina tale da non dover mimare le situazioni possibili in una città ma viverle direttamente.
                  La descrizione delle prove la puoi trovare sul “Manuale tecnici” nella sezione riservata

                  thanks to:
                  http://www.ficss.it

                  #7725

                  fubiano
                  Utente
                    • @fubiano

                    alla fine però mi sorge spontanea una considerazione un pò amara: alla fin fine a cosa mi servono queste attestazioni? in pratica a parte la soddisfazione personale a nulla.
                    Ho fatto e superato sia il BH che il CAE ma alla fine che vantaggi ho rispetto a chi non l’ha fatto? purtroppo alle varie amministrazioni comunali, salvo rare eccezioni, importa solo che i ns quattro zampe non sporchino per strada per il resto basta mettere divieti.
                    A mio modesto avviso il cae o simile dovrebbe essere obbligatorio per tutti i cani grossi o piccoli che siano e dovrebbe dare dei privilegi, accesso ai locali pubblici, mezzi di trasporto, non obbligo di museruola al seguito ecc, ciò imporrebbe anche ai proprietari di iniziare ad avere una coscienza cinofila per ora abbastanza rara nel ns paese.
                    Quando andavo in Francia 15 anni fa prima dei concorsi di mondio c’erano sempre un certo numero di cani di qualsiasi razza e taglia con o senza pedigree che facevano l’OCSO che è un loro test di socievolezza. Da noi se ne parla da un due anni ma non mi pare che i comuni facciano qualcosa

                    #7727

                    peter-parker
                    Utente
                      • @peter-parker

                      Dovremmo farlo tutti, non è affatto scontato il suo superamento.

                      #7749

                      Anonimo

                        In cosa consiste la Manipolazione?

                        #7750

                        espada
                        Utente
                          • @espada

                          immagino sia qualcosa di simile a quello che fa un veterinario nella visita generale (quando tasta le parti basse per sentirne lo stato di salute) o quello che fa un giudice in expo…

                          però cerchiamo di verificare se riusciamo sul testo ufficiale, qualcuno ce l’ha?

                          #7751

                          Anonimo

                            Beh allora ritengo che non sia un test adatto a tutte le razze, perchè, ad esempio, una buona selezione da difesa non è tale se permette impunemente ad un estraneo di “ravanargli gli zebedei”

                            #7752

                            espada
                            Utente
                              • @espada

                              concordo con te… ma pensaci bene: questo vale anche in expo!
                              gli attenti giudici, invece, pretendono di ravanarli…
                              :mrgreen:

                              #7755

                              angelica
                              Admin
                                • @angelica

                                Nel CAE1 è il proprietario che deve essere in grado di manipolare, mentre, da quel che mi risulta, nel BC4Z un perfetto estraneo. E qui concordo con voi che sono ben pochi i cani che si lasciano smanazzare gli zebedei dal primo che passa, e da proprietario mi da pure fastidio che si pretenda che il mio cane si lasci toccare da tutti per essere considerato degno di appartenere al mondo civile.
                                Una pretesa del genere a mio avviso ha senso nell’ottica che accennava Fubiano: cani così disponibili e pazienti meritano privilegi come appunto la possibilità di entrare in luoghi pubblici, l’esonero dalla museruola ecc. Forse questo test è stato ideato proprio per questo fine?

                                #7757

                                espada
                                Utente
                                  • @espada

                                  pia illusione!

                                  pensa che alcune compagnie di assicurazione, ancora oggi, escludono dal perimetro della Responsabilità Civile Capofamiglia i cani appartenenti alla lista delle razze pericolose emanata da Livia Turco nel 2007, che non ha più alcun valore normativo già dal 2009…

                                  dico: figurati se mai qualcuno farebbe sconti/privilegi per un cane “certificato” per autocontrollo ed equilibrio!

                                Stai vedendo 15 articoli - dal 1 a 15 (di 73 totali)

                                Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.

                                  Ultime Discussioni