Sterilizzazione richiesta obbligatoriamente per cani in affidamento: perchè?

Forum Chi Siamo Annunci Cani in regalo – adozioni – bisognosi di aiuto Sterilizzazione richiesta obbligatoriamente per cani in affidamento: perchè?

Questo argomento contiene 77 risposte, ha 17 partecipanti, ed è stato aggiornato da  Anonimo 3 anni fa.

Stai vedendo 15 articoli - dal 61 a 75 (di 78 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #81159

    vale
    Utente
      • @vale

      Anche noi abbiamo firmato un contratto di adozione che indicava l’obbiligo di castrazione (entro 60gg dall’adozione) per Ringo, ma di sicuro aspetteremo di più (e sinceramente mi stanno anche venendo dubbi sull’opportunità di farlo…): la volontaria-educatrice mi ha già chiesto più volte cosa abbiamo intenzione di fare, nonostante lei stessa abbia ammesso che “in presenza di comportamenti scorretti-sgraditi del cane la castrazione potrebbe fissarli”. Mah…

      #81162

      Admin
      Admin
      • Genere: Maschio
        • @admin
        #85807

        vale
        Utente
          • @vale

          Dopo aver letto i topic riguardo alla sterilizzazione (e ho ancora le idee abbastanza confuse… :oops: ), torno qui.
          Come avevo già scritto, il contratto firmato con l’associazione che ci ha affidato Ringo prevede l’obbiligo di castrazione, i 60 giorni sono passati e nel frattempo abbiamo verificato che il chip è stato regolarmente intestato al mio compagno.

          L’articolo 27 comma 5 del Regolamento regionale 5 maggio 2008 n° 2 attuativo L.R. 16 – 06 (Regione Lombardia) dice: “In nessun caso l’animale puo essere affidato se non gia sterilizzato o con l’impegno, da parte dell’affidatario, a procedere alla serilizzazione, come stabilito nel modulo di cui all’allegato A”.
          Mi sembra che l’obbligo legale ci sia. Certo, dubito fortemente che qualcuno possa mai venire a controllarci… ma in caso di fuga o smarrimento (faccio tutti gli scongiuri del caso…)?

          #85808

          robyasia22
          Utente
            • @robyasia22

            Io in generale non sono sempre a favore della sterilizzazione però a mio parere una volta che tu firmi un contratto significa che lo approvi e non mi sembra giusto poi non adempire alle regole sottoscritte (in questo caso l’obbligo di sterilizzazione)…

            #85809

            dino0977
            Utente
            • Località: Cosenza
            • Genere: Maschio
              • @dino0977

              Diciamo che, nel caso dei cani adottati in canile, ci sta che la sterilizzazione sia obbligatoria. Sono animali che vengono fuori da situazioni particolari, alcuni magari sfruttati, che hanno avuto diverse cucciolate, o comunque meticci che produrrebbero nelle mani delle persone sbagliate altri cuccioli che finirebbero per strada. Quando infatti un’associazione o una struttura affida un cane non ha mai la certezza che il futuro proprietario sia realmente una persona seria, dunque l’unico modo per tutelarsi è la sterilizzazione. Io personalmente penso che sarebbe il caso che il cane venisse affidato già sterilizzato, e non obbligare l’adottante a farlo, perché poi è normale che passato un po di tempo la voglia di farlo passa, e nella testa di chi ha adotta passano mille pensieri. E’ si un’obbligo legale, in caso di controllo post affido infatti, che in teoria dovrebbe essere fatto, ma generalmente non viene fatto mai, si potrebbe incorrere in sanzioni. Detto questo, se il cane è maschio e non è stato castrato, consiglio la vasectomia, così da accontentare l’associazione o il canile, poiché il cane è sterile e c’è un certificato veterinario che può provarlo, ed allo stesso tempo, non si toglie al cane una parte importante della sua mascolinità.

              #85851

              vale
              Utente
                • @vale

                In effetti non avevo valutato la vasectomia… potrebbe essere un’alternativa interessante!

                @robyasia: guarda, io prima di informarmi (in gran parte proprio qui sul forum) meglio sulla castrazione, ero favorevolissima alla sterilizzazione (in primis dei meticci, ma anche dei cani di razza “da casa”), convinta che fosse la cosa migliore dal punto di vista della salute del cane (per esempio la mia cagnolina precedente ha avuto dei tumori alle mammelle e mi era stato detto che se l’avessi sterilizzata non sarebbe successo… :-( ), ma poi mi sono ricreduta.

                @Dino: in genere questa associazione affida i cani adulti già sterilizzati, ma Ringo era un trasferimento da altra struttura e (non so bene per quli motivi) non lo era, da qui l’obbligo di sterilizzazione a carico nostro!

                #85853

                saphira
                Utente
                  • @saphira

                  Dopo aver letto i topic riguardo alla sterilizzazione (e ho ancora le idee abbastanza confuse… :oops: ), torno qui.
                  Come avevo già scritto, il contratto firmato con l’associazione che ci ha affidato Ringo prevede l’obbiligo di castrazione, i 60 giorni sono passati e nel frattempo abbiamo verificato che il chip è stato regolarmente intestato al mio compagno.

                  L’articolo 27 comma 5 del Regolamento regionale 5 maggio 2008 n° 2 attuativo L.R. 16 – 06 (Regione Lombardia) dice: “In nessun caso l’animale puo essere affidato se non gia sterilizzato o con l’impegno, da parte dell’affidatario, a procedere alla serilizzazione, come stabilito nel modulo di cui all’allegato A”.
                  Mi sembra che l’obbligo legale ci sia. Certo, dubito fortemente che qualcuno possa mai venire a controllarci… ma in caso di fuga o smarrimento (faccio tutti gli scongiuri del caso…)?

                  L’obbligo a sterilizzare non deriva dal regolamento regionale, ma dal contratto che hai sottoscritto.

                  essendoti reso inadempiente all’obbligo assunto con il contratto, l’associazione, in astratto, potrebbe chiedere indietro il cane, ma visto che la proprietà è stata già trasferita dovrebbe agire legalmente nei tuoi confronti, chiedendo la risoluzione del contratto e la restituzione del cane.
                  se ciò venga fatto nella pratica, non lo so.

                  #127012

                  tormento
                  Utente
                    • @tormento

                    buonasera a tutti….vorrei fare una domanda che per molti puo’ essere stupida ma molto importante per me…ho un cane meticcio preso da un associazione canina a gennaio…gli ho fatto fare un calore e volevo sterilizzarla ora ma il secondo calore e’ in anticipo…. dato l obbligo di sterilizzazione a cosa vado a incorrere se viene un controllo ?!?!?

                    #127014

                    Admin
                    Admin
                    • Genere: Maschio
                      • @admin

                      buonasera a tutti….vorrei fare una domanda che per molti puo’ essere stupida ma molto importante per me…ho un cane meticcio preso da un associazione canina a gennaio…gli ho fatto fare un calore e volevo sterilizzarla ora ma il secondo calore e’ in anticipo…. dato l obbligo di sterilizzazione a cosa vado a incorrere se viene un controllo ?!?!?

                      hanno già fatto il passaggio di proprietà a tuo favore :?:

                      se rispondi NO :arrow: rischi che si riprendano il cane
                      vedi anche il topic:
                      https://www.canedifamiglia.it/index.php/forum/16-quotidianita/14572-anagrafe-canina-e-passaggio-di-proprieta?

                      se rispondi SI :arrow: rischi che ti possano fare una causa legale per inadempienza agli impegni contrattualmente sottoscritti, in questo caso possono solo richiederti un risarcimento, la cui quantificazione credo sia di competenza di un giudice di pace

                      il mio consiglio è di andare dal veterinario e fare un’impegnativa per l’intervento, che dovrà essere pianificato 2 mesi dopo il termine del calore; in questo modo dovresti essere abbastanza a posto

                      #127017

                      Anonimo

                        Io sinceramente non capisco il rifiuto nel voler un animale castrato. Se ho un meticcio che non dovrebbe mai e poi mai riprodursi, perchè non castrarlo?
                        Io avevo una cagnolina meticcia dal canile, adottata prima del calore la mia famiglia ha firmato l’obbligo di sterilizzazzione e vi parlo di 13 anni fà.
                        Conosco una ragazza che ha 5 Australian Shepherd maschi provenineti da Rescue, sono tutti castrati
                        1- Per evitare cucciolate da cani sprovvisti di pedigreee e selezione
                        2- Perchè sono più sereni loro stessi in branco.
                        E vi assicuro che non hanno nulla in meno dei cucgini “palle muniti”, stessa vitalità e stessa voglia di fare. Mah…cosa ci sarà di così brutto nel prevenire futuri Rescue.
                        Provate a pensare che non tutta la gente che adotta è acculturata e amante dell’animale come noi, spesso è gente che lascia il cane libero in campagna.

                        Ti ringrazio per il tuo buon senso. Condivido tutto e aggiungo che ben venga possa allontanare futuri adottanti così la scremazione anti idiota che vuole la femmina intera perchè fa più figo e perchè “è così bella che deve fare cuccioli” diventa spontanea e le volontarie risparmiano tempo!
                        p.s Con i numeri di randagi effettivi alla mano, sareste d’accordo anche voi sulle motivazioni dell’obbligo. Poi che venga rispettato o meno purtroppo non si può correre dietro a tutti come fossero bambini, sono solo volontarie e hanno anche una vita, quindi sperano nella collaborazione altrui.

                        #127018

                        Anonimo

                          buonasera a tutti….vorrei fare una domanda che per molti puo’ essere stupida ma molto importante per me…ho un cane meticcio preso da un associazione canina a gennaio…gli ho fatto fare un calore e volevo sterilizzarla ora ma il secondo calore e’ in anticipo…. dato l obbligo di sterilizzazione a cosa vado a incorrere se viene un controllo ?!?!?

                          hanno già fatto il passaggio di proprietà a tuo favore :?:

                          se rispondi NO :arrow: rischi che si riprendano il cane
                          vedi anche il topic:
                          https://www.canedifamiglia.it/index.php/forum/16-quotidianita/14572-anagrafe-canina-e-passaggio-di-proprieta?

                          se rispondi SI :arrow: rischi che ti possano fare una causa legale per inadempienza agli impegni contrattualmente sottoscritti, in questo caso possono solo richiederti un risarcimento, la cui quantificazione credo sia di competenza di un giudice di pace

                          il mio consiglio è di andare dal veterinario e fare un’impegnativa per l’intervento, che dovrà essere pianificato 2 mesi dopo il termine del calore; in questo modo dovresti essere abbastanza a posto[/quote]

                          Giustissimo, con l’impegnativa a mano e la testimonianza della Vet dimostri l’impegno preso che però verrà meno solo temporaneamente non a causa tua.

                          #127020

                          sio
                          Moderatore
                            • @sio

                            Ti ringrazio per il tuo buon senso. Condivido tutto e aggiungo che ben venga possa allontanare futuri adottanti così la scremazione anti idiota che vuole la femmina intera perchè fa più figo e perchè “è così bella che deve fare cuccioli” diventa spontanea e le volontarie risparmiano tempo!
                            p.s Con i numeri di randagi effettivi alla mano, sareste d’accordo anche voi sulle motivazioni dell’obbligo. Poi che venga rispettato o meno purtroppo non si può correre dietro a tutti come fossero bambini, sono solo volontarie e hanno anche una vita, quindi sperano nella collaborazione altrui.

                            Perchè tutti quelli che prendono una meticcetta al canile la prendono perchè fa figo XD

                            Probabilmente essendo una volontaria mi insulterei e ti arrabbierai, ma se si togliesse la gestione dei cani alle associazioni e ai volontari e si facesse una gestione statale con controlli seri dei canili, eliminando il business delle staffette e dei rimborsi, si togliessero le donazioni e si usassero solo i fondi comunali, in qualche anno il problema non dico che sparirebbe ma avrebbe tutto un altro impatto. Non ci sono i soldi? per quello che si vuole ci sono e se non ci fossero le associazioni si troverebbero.

                            Ma poi ste cavolo di staffette, siamo razionali, che senso hanno? perchè devo adottare un cane siciliano se abito in toscana e nel mio canile i cani non mancano? Che si ha paura finiscano i cani in toscana? In quel caso si può fare un trasferimento da canile a canile. Se proprio mi fisso con quel cane che sta in sicilia, a un certo punto prendo e me lo vado a prendere, altrimenti vuol dire che non mi interessa. Il sistema delle staffette serve solo a fare danni sanitari e a ingrassare chi ci lucra.

                            Ok dopo questa uscita, mi preparo a sentirmene dire di tutti i colori, ma sono situazioni che ho toccato con mano, e sono convinta che i volontari onesti le abbiano toccate con meno peggio di me.

                            #127022

                            gioiello
                            Utente
                              • @gioiello

                              Concordo con Sio. Di cani da adottare ce n’è in tutti i canili di Italia. Anche io mi sono sempre chiesta perché fare tanta strada, con tante complicazioni. Spesso poi ci sono anche privati che ti regalano cuccioli nati per errore…

                              #127023

                              Anonimo

                                Ti ringrazio per il tuo buon senso. Condivido tutto e aggiungo che ben venga possa allontanare futuri adottanti così la scremazione anti idiota che vuole la femmina intera perchè fa più figo e perchè “è così bella che deve fare cuccioli” diventa spontanea e le volontarie risparmiano tempo!
                                p.s Con i numeri di randagi effettivi alla mano, sareste d’accordo anche voi sulle motivazioni dell’obbligo. Poi che venga rispettato o meno purtroppo non si può correre dietro a tutti come fossero bambini, sono solo volontarie e hanno anche una vita, quindi sperano nella collaborazione altrui.

                                Perchè tutti quelli che prendono una meticcetta al canile la prendono perchè fa figo XD

                                Probabilmente essendo una volontaria mi insulterei e ti arrabbierai, ma se si togliesse la gestione dei cani alle associazioni e ai volontari e si facesse una gestione statale con controlli seri dei canili, eliminando il business delle staffette e dei rimborsi, si togliessero le donazioni e si usassero solo i fondi comunali, in qualche anno il problema non dico che sparirebbe ma avrebbe tutto un altro impatto. Non ci sono i soldi? per quello che si vuole ci sono e se non ci fossero le associazioni si troverebbero.

                                Ma poi ste cavolo di staffette, siamo razionali, che senso hanno? perchè devo adottare un cane siciliano se abito in toscana e nel mio canile i cani non mancano? Che si ha paura finiscano i cani in toscana? In quel caso si può fare un trasferimento da canile a canile. Se proprio mi fisso con quel cane che sta in sicilia, a un certo punto prendo e me lo vado a prendere, altrimenti vuol dire che non mi interessa. Il sistema delle staffette serve solo a fare danni sanitari e a ingrassare chi ci lucra.

                                Ok dopo questa uscita, mi preparo a sentirmene dire di tutti i colori, ma sono situazioni che ho toccato con mano, e sono convinta che i volontari onesti le abbiano toccate con meno peggio di me.[/quote]
                                Non sono sicura di aver capito bene,perchè all’inizio avevo capito che tu dicessi che la volontaria eri tu, quindi ho dovuto rileggere due volte ma no per l’amor del cielo, io volontaria non la sono, ho eliminato tutte le amicizie su fb che lo erano, e tutti quelli che ne parlano, non ne voglio sentir parlare, ed è meglio che io non ne parli. Potrei diventare molto scurrile. In effetti l’unico pensiero che condivido con loro è appunto la sterilizzazione tra cani meticci sopratutto, e vorrei dire anche di razza soltanto perchè di loro non se ne conosce la progenie e quindi eventuali ereditarietà. Ci sono veramente troppi cani randagi. Troppissimi.

                                #127024

                                Anonimo

                                  Il concetto è che i canili al nord son convenzionati dal comune, quindi vieni pagato sui cani che hai. La burocrazia per adottare un cane di canile è lunga come quella per adottare un figlio. Sui canili privati non so molto quindi non dico nulla ma sospetto che il sistema non si discosti di molto. Mentre al sud i canili o son abusivi, o son cani semplicemente raccolti dalla strada , impacchettati e spediti al destinatario. Sentendo parecchie persone a quanto pare il motivo per cui da roma in giu si vogliono spedire cani al nord è perchè “al sud ci sono tantissimi cani da smaltire, se il privato vuole un cane scenda in strada e se ne prenda uno” (cito per come ho letto almeno un miliardo di volte, credo che il loro motivo sia sinceramente questo, anche perchè per fare un esempio il primo cane che presi io era a napoli, la referente era una volontaria fai da te di milano, la co referente era di napoli insieme al marito, c’era la stallante e la ragazza del pre affido, han fatto una staffetta da denuncia con 15 cani in una clio da napoli a siena con 5 tappe e non hanno preso un centesimo. Io ero molto più negativa e pensavo lo facessero solo per disagio psichico non avevo considerato la parte delle donazioni)

                                Stai vedendo 15 articoli - dal 61 a 75 (di 78 totali)

                                Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.

                                  Ultime Discussioni