SchutzHund e IPO

Forum Cinologia Addestramento Sportivo SchutzHund e IPO

Questo argomento contiene 51 risposte, ha 10 partecipanti, ed è stato aggiornato da  ellyebrando 1 anno, 9 mesi fa.

Stai vedendo 15 articoli - dal 16 a 30 (di 52 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #24771

    silviap
    Utente
      • @silviap

      ….bon…allora l’IPO…non mi piace…:-(

      #24778

      giuliaconpedro
      Utente
        • @giuliaconpedro

        come mai?

        #24780

        silviap
        Utente
          • @silviap

          ….mah…mi sembra una cosa troppo controllata…con il cane non libero di guardarsi intorno…mi sembra di coercirlo troppo…ti dico sbaglierò sicuramente…ma a me piace il cane che sta al mio fianco…che si guarda in giro ma che comunque è sempre pronto a un mio cenno…avrei paura di pestargli le zampe…probabilmente il premio è la manica…ma mi sembra poco…
          ti ripeto non ho mai visto esercizi di IPO…ma da quel poco.. se dovessi scegliere…ai miei cani non lo farei fare ! preferisco …non so come si chiamano in gergo ma quelli classici di attacco/difesa…
          scusa :-(

          #24784

          giuliaconpedro
          Utente
            • @giuliaconpedro

            Figurati se devi scusarti con me ( che poi chi sono?!) per una tua opinione…
            Comunque penso che mondioring e IPO sono i classici attacco/difesa, per quanto l’IPO stia cambiando sempre di più.
            Anche a me non piace tanto che dagli ultimi regolamenti in IPO valga di più (solo ai fini del punteggio però, che secondo me conta fino ad un certo punto) il controllo che la qualità del morso, ma è sicuramente necessario in ogni caso avere cane perfettamente controllato, se intendi insegnargli certi tipo di esercizi e poi te lo tieni pure in casa, per forza di cose…
            Allo stesso tempo questo tipo di attenzione al cane la richiedi solo durante l’esercizio, nella vita pratica poi ovviamente a nessuno verrebbe in mente di chiedere una cosa del genere al cane,’per esempio in passeggiata, anzi….
            Poi si vedono cani che hanno comunque un buon controllo, ma una condotta più naturale, meno concentrati sul conduttore e più sul figurante, senza perdere però di vista il conduttore.
            Nella fase dell’accompagnamento al giudice per esempio il cane deve praticamente stare al ‘piede’ del figurante per tenerlo d’occhio finché questo non è stato ‘disarmato’..

            E ti assicuro che se la manica non fosse un premio così grande, il cane tutto quel controllo e quel l’impegno non ce lo metterebbe ;)
            (Parliamo di cani che vanno in manica con piacere, come questo..)

            #24796

            espada
            Utente
              • @espada

              @Silvia in questa disciplina sportiva la conduzione funziona in questo modo, con l’attenzione costante del cane ai nostri occhi (e non è facile ottenerla)

              vero, mentre nella sessione di attacco deve tenere gli occhi costantemente sul figurante, se non sbaglio?

              #24802

              giuliaconpedro
              Utente
                • @giuliaconpedro

                @Silvia in questa disciplina sportiva la conduzione funziona in questo modo, con l’attenzione costante del cane ai nostri occhi (e non è facile ottenerla)

                vero, mentre nella sessione di attacco deve tenere gli occhi costantemente sul figurante, se non sbaglio?[/quote]

                Dovrebbe tenerla sul conduttore nelle fasi di condotta, per esempio quando si allontana per fare poi il lanciato, o quando entra in campo e lo percorre per mettersi in posizione per fare poi la ricerca nei reviers, mentre generalmente in tutte le altre fasi l’occhio deve sempre stare sul figurante (fuga, riaffronto, accompagnamento al giudice,….), se non sbaglio…

                #24816

                silviap
                Utente
                  • @silviap

                  Poi si vedono cani che hanno comunque un buon controllo, ma una condotta più naturale, meno concentrati sul conduttore e più sul figurante, senza perdere però di vista il conduttore.
                  Nella fase dell’accompagnamento al giudice per esempio il cane deve praticamente stare al ‘piede’ del figurante per tenerlo d’occhio finché questo non è stato ‘disarmato’..
                  …..
                  ecco !!! così mi piace !!!

                  #24841

                  ellyebrando
                  Moderatore
                    • @ellyebrando

                    @Silvia in questa disciplina sportiva la conduzione funziona in questo modo, con l’attenzione costante del cane ai nostri occhi (e non è facile ottenerla)

                    vero, mentre nella sessione di attacco deve tenere gli occhi costantemente sul figurante, se non sbaglio?[/quote]

                    Nella fase di attacco il cane deve guardare anche la minaccia certo, per esempio nel lanciato e nell’accompagnamento del figurante prima di disarmarlo, mentre quando richiami il cane al piede dall’affronto sul reviè deve tornare e guardare te fino a nuovo ordine.
                    anche se non ci sono solo PT metto questo video, fa vedere diverse fasi di gara e più cani che lo fanno, così si può notare le varie differenze da soggetto a soggetto

                    #24902

                    silviap
                    Utente
                      • @silviap

                      poveri cani…non so come non gli si rompa la spina dorsale….
                      tutto bellissimo…solo la conduzione non mi piace come dicevo prima
                      grazie mille !

                      #24946

                      Andrea
                      Utente
                      • Località: Roma
                      • Genere: Maschio
                        • @bravoalfa

                        Ringrazio tutti per la partecipazione al post, Silvia l’Ipo è una prova di “lavoro” non una passeggiata al parco, nella quale il cane si guarda intorno. Tu dici poveri cani perchè fanno il lanciato, ma i cani non sono di terracotta, piuttosto direi poveri cani per come vengono addestrati da alcuni preparatori, non tutti fortunatamente. Ma per un cane adulto in salute non è la fine del mondo fare dei lanciati, saltare palizzate etc. ;-)

                        #25013

                        silviap
                        Utente
                          • @silviap

                          si si certamente…nulla da recepire…i salti,le palizzata il revir il riporto…mi piacciono non c’è dubbio…ma su sti lanciati…ma hai visto come si avvitano,torgono e quasi si piegano all’indietro ???…chissà all’età di 7/8 anni la loro spina dorsale….mah…
                          comunque come ripeto…tutto bello

                          #25014

                          silviap
                          Utente
                            • @silviap

                            aaaaa….e non dimentichiamo il collo…. :-(

                            #25053

                            giuliaconpedro
                            Utente
                              • @giuliaconpedro

                              Cani lavorati bene arrivano a lavorare anche a dieci anni e oltre. Ovviamente non si tratta più dei ritmi di ‘gioventù’ ma continuano a lavorare e fare ancora qualcosa, al di la delle gare. Anche perché al di la di tutto, mettere in pensione un cane che ha lavorato tutta la vita non è certo semplice, rischi di andare incontro a situazioni di stress fortissimi. Per cui ho conosciuto cani che hanno lavorato fino a 1 mese prima di morire, con un addestramento ovviamente indicato all’età. Anche solo entrare in campo a fare due riporti, un po’ di condotta. Ad una certa età oltre la voglia comunque il cane ha anche una resistenza minore e si accontenta di poco..
                              La maggior parte dei cani che smettono di lavorare giovani lo fanno perché hanno addosso un lavoro fatto ‘male’ (e fermiamoci qui) che si smonta dopo due o tre gare….
                              Poi non c’è dubbio che siano dei movimenti anche bruschi, per cui è fondamentale anche che il figurante sappia quello che fa.
                              In una gara portavamo un boxer con un lanciato molto potente (e il figurante aveva problemi al ginocchio). Al momento dell’ “impatto” abbiamo trattenuto il respiro perché il cane ha fatto una torsione veramente brutta. Al cane non è poi successo niente, ha mantenuto la presa e il figurante non è finito per terra. Di queste cose capitano ma come diceva Andrea, il cane non è di cristallo. Non è di certo paragonabile a noi umani, che ci stiriamo la cervicale a vent’anni per un incidente e dopo 10 anni iniziamo a soffrire di problemi al collo vita natural durante.

                              Anche in queste cose ci va un po’ di fortuna (è possibile per esempio che io porti sfiga)… Il cane entra in campo, inizia la fase d’attacco, il campo d’addestramento somiglia più ad un campo di patate, e il cane prende una buca prima ancora di arrivare all’ultimo revier.. Finito di lavorare, ginocchio andato (ma anche in questo caso il sospetto del vet era che comunque ci fosse un qualche problema/carenza latente dovuto all’alimentazione nei primi mesi di vita).

                              #25055

                              ellyebrando
                              Moderatore
                                • @ellyebrando

                                Il mio pastore per inseguire un gatto arrampicato su di un albero provò a sua volta a salirci, ovviamente arivato al primo ramo (circa 1.80mt) cade…di schiena..penso subito al peggio quando nemmeno concluso il pensiero che cane già inpiedi che calta sui posteriori non ancora convinto che deve lasciar perdere. Sono atleti :)

                                Apparte il tipo di cane per conformazione fisica, influisce anche la selezione che vi è dietro, che a un amstaff/boxer/dobermann di 2/3 anni parta un crociato al primo salto non mi va proprio giù… dovrebbero essere cani “bulldozer”, testa bassa e avanti tutta senza farsi nulla.
                                Ripeto che sono atleti :) il mio pastore marcia per 30 km al trotto allungato al giorno senza accusare stanchezza o problemi fisici

                                #25074

                                espada
                                Utente
                                  • @espada

                                  RSV2000, la Società a tutela della razza di cane da Pastore Tedesco nata in Germania per iniziativa del dott. Helmut Raiser, prevede che i riproduttori debbano conseguire il brevetto di idoneità all’età di 2 anni (Korung1), all’età di 5 anni (Korung2), all’età di 8 anni (Korung3).

                                  pensiamo che il test eseguito a 8 anni è esattamente identico a quello che si esegue a 5… e prevede, tra l’altro:
                                  – una prova fisica (salto in alto 130cm; palizzata 200cm)
                                  – una prova di Difesa contro il figurante

                                  questo mi sembra possa dimostrare che un cane, selezionato a fini funzionali anzichè estetici, dovrebbe essere ancora in condizioni di lavorare anche quando arriva alla “terza età”
                                  ;-)

                                Stai vedendo 15 articoli - dal 16 a 30 (di 52 totali)

                                Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.

                                  Ultime Discussioni