Legislazioni speciali per determinate razze canine all’estero

Forum Gestione del cane Gestione legale del cane Legislazioni speciali per determinate razze canine all’estero

Questo argomento contiene 65 risposte, ha 17 partecipanti, ed è stato aggiornato da  ellyebrando 2 anni, 3 mesi fa.

Stai vedendo 15 articoli - dal 31 a 45 (di 66 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #88992

    mccaw
    Moderatore
      • @mccaw

      Da I Nostri Cani:

      #88996

      lori
      Moderatore
        • @lori

        Ma sarebbe tanto semplice non organizzare manifestazioni di tale importanza in paesi che pongono dei limiti.

        Un paese che sa di avere leggi restrittive e discriminatorie per alcune razze canine, non dovrebbe proporre la sua candidatura per l’orgaznizzazione di manifestazioni europee o mondiali.

        Rispetto massimo per le leggi di una nazione, rispetto massimo per le manifestazioni

        #89017

        haze
        Utente
          • @haze

          Assolutamente d’accordo con Lori, sembra che si vadano a cercare i problemi col lanternino. :dry:

          Faccio una piccola rettifica:

          In Francia, i cani di prima categoria, sono sia meticci morfologicamente somiglianti a determinate razze, sia cani appartenenti a quelle razze ma senza pedigree.
          Un Amstaff senza pedigree, ad esempio, viene considerato un Pitbull e finisce in prima categoria.Il Pitbull, in Francia, non é considerato come una razza a se stante ma come un meticcio.
          Il Boerboel viene considerato come un English Mastiff non registrato quindi finisce in prima categoria.
          Per il Tosa il discorso é diverso: viene considerato come razza, e se ha il pedigree va in categoria due, senza pedigree finisce in categoria uno.

          Per i proprietari di cani di prima categoria ci sono i seguenti obblighi e divieti:

          – Divieto d’acquisto, di vendita, di donazione, d’importo e d’introduzione in Francia.

          – I proprietari di cani d’attacco nati prima della messa in vigore della legge devono detenere un permesso di detenzione.

          – Obbligo di sterilizzazione attestato da certificato veterinario.

          – Divieto d’accesso ai trasporti pubblici, ai luoghi pubblici ed ai luoghi aperti al pubblico, salvo la pubblica via.

          – Divieto di sostare nelle zone comuni di edifici pubblici ( portoni, atrii)

          – Il cane deve obbligatoriamente portare la museruola ed essere tenuto al guinzaglio da una persona maggiorenne.

          Per i proprietari di cani di seconda categoria (Amstaff, Tosa, Rottweiler con o senza pedigree) gli obblighi e i divieti sono i seguenti:

          I cani da guardia e da difesa devono obbligatoriamente portare la museruola ed essere tenuti al guinzaglio da una persona maggiorenne nei seguenti luoghi:

          – Sulla pubblica via.

          – Sui trasporti pubblici.

          – Nei luoghi pubblici, e piu’ in generale, nei luoghi aperti al pubblico.

          – Nelle zone comuni di edifici pubblici.

          Questo ovviamente vale per i cani nati prima della legge, attualmente detenere un cane di prima categoria significa rischiare di farselo sequestrare e sopprimere.

          #89078

          sio
          Moderatore
            • @sio

            O_O Non sapevo che in Francia vigessero queste leggi…ogni tanto sono contenta di vivere in Italia.

            #89134

            dino0977
            Utente
            • Località: Cosenza
            • Genere: Maschio
              • @dino0977

              Invece di migliorare le cose peggiorano. Parliamo di civiltà, l’occidente del mondo si definisce ”più” civile e libero, ma in realtà esistono tante di quelle limitazioni e tanti di quei controlli che Cuba ci fa un baffo. Questa legge francese è ingiusta, e sopratutto mi sembra una sorta di emendamento Hitleriano che servirà a fare pulizia razziale, visto e considerato che chi possiede un cane di quel tipo si guarderà bene da riprenderne un altro, non avendo nemmeno la possibilità di passeggiare in pace lungo una pubblica via.

              #89138

              bonafede
              Utente
                • @bonafede

                A volte ho il timore che prima o poi anche in Italia qualche legge del genere verrà emanata.
                Troppi “amanti dei cani” fanno distinzioni di razze basandosi semplicemente sull’aspetto o sul sentito dire e con certi atteggiamenti condizionano i possessori.

                #89181

                haze
                Utente
                  • @haze

                  Diciamo che é una legge già sbagliata in partenza, io ci trovo molti errori.
                  Tralasciando un attimo il discorso di etichettare un cane solo per la sua apparenza, la lista mi sembra lacunosa in vari punti.

                  -il Pitbull viene considerato un meticcio.
                  -il Boerboel viene considerato un meticcio.
                  -il Rottweiler senza pedigree sta in categoria due, mentre un Tosa senza pedigree sta in categoria uno…come mai?
                  -tra cio’ che dice la legge e il modo in cui viene applicata c’é un abisso.

                  In pratica tutti i cani di tipo molossoide senza un regolare pedigree vengono inseriti in prima categoria.
                  Questo avviene alla prima visita dal veterinario per i vaccini; se il cane presenta certe caratteristiche il veterinario invia un documento alla gendrmeria informando che la tale persona é in possesso di un soggetto potenzialmente pericoloso.
                  Per “ritirare” il cane dalla prima categoria bisogna prendere appuntamento da un veterinario apposito che si occupa di questo tipo di “diagnosi”; ovviamente la visita é a pagamento; durante la visita il cane viene manipolato per tutti i versi, viene anche fatto un “test” sbattendo degli oggetti a terra per vedere la reazione; se il cane non si lascia toccare e rigirare, se il cane ringhia anche sommessamente, non solo rimane in categoria ma rischia di finire in canile.
                  Ovviamente la psicosi del “cane cattivo” é più accentuata che da noi.
                  Il possessore di un cane di prima categoria puo’ essere espulso da casa propria se i condomini giudicano il cane un pericolo.
                  Il possessore di un cane di prima categoria deve stipulare una speciale assicurazione che ovviamente costa un occhio.
                  Se un cane di prima categoria (nato prima della legge) ringhia ad un altro cane scatta il sequestro.
                  Per un cane di prima categoria nato dopo la legge, il sequestro scatta in automatico.
                  Il cane viene chiuso in canile “in isolamento’ ed il proprietario puo’ rivederlo una sola volta, per 15 minuti, il giorno dell’eutanasia.
                  Vengono soppressi anche cuccioli di due o tre mesi.

                  Per “fortuna” molti veterinari cercano di metterci una pezza, e al momento di mettere il microchip fanno delle carte d’identità “falsate”.
                  Nibiru ad esempio é stato marcato come “incrocio Labrador”, questo per evitare possibili problemi.

                  La lista é sempre a rischio “accrescimento”, pare stiano discutendo sull’inserire nuove razze.
                  Si parla di: Staffy, Malinois, Beauceron, Ambull, Akita e quasi tutti i restanti molossoidi.

                  #89185

                  fubiano
                  Utente
                    • @fubiano

                    Ma pensi che inseriranno nella lista il malinois? é quasi il loro cane nazionale.

                    #89186

                    Cozmo
                    Utente
                    • Località: Lugano
                    • Genere: Maschio
                      • @cozmo

                      Siccome io sono come San Tommaso mi sono letto il regolamento francese, secondo me su alcuni punti hai un po’ esagerato:

                      Chiens dangereux : description, interdictions et obligations
                      Mise à jour le 17.07.2014 – Direction de l’information légale et administrative (Premier ministre)
                      Principe
                      Les chiens susceptibles d’être dangereux sont répartis en 2 catégories : les chiens d’attaque et les chiens de garde et de défense. Ces chiens sont soumis à des mesures spécifiques et à certaines interdictions et obligations. Si vous voulez posséder un tel animal, vous devez remplir certaines conditions.

                      Chiens d’attaque (1ère catégorie)
                      Chiens concernés

                      Il ne s’agit pas de chiens de race mais issus de croisements.

                      Ce sont les chiens non inscrits à un livre généalogique reconnu par le ministère en charge de l’agriculture (le livre des origines françaises ou LOF) et qui peuvent être rapprochés morphologiquement des races suivantes :

                      Staffordshire terrier ou American Staffordshire terrier (chiens dits pitbulls ),

                      Mastiff (chiens dits boerbulls ),

                      Tosa.

                      À noter : la race Staffordshire terrier est l’ancienne dénomination de la race American Staffordshire terrier.

                      Interdictions

                      Interdiction d’achat, de vente, de don, d’importation et d’introduction en France,

                      La personne ayant acquis un chien d’attaque, avant l’application de la réglementation sur les chiens dangereux en 2010, doit détenir un permis de détention. Si le chien a moins de 8 mois, un permis provisoire est délivré.

                      Interdiction d’accéder dans les transports en commun, les lieux publics et dans les locaux ouverts au public, en dehors de la voie publique,

                      Interdiction de demeurer dans les parties communes des immeubles collectifs.

                      Obligations

                      Obligation de stérilisation pour les mâles et femelles, attestée par un certificat vétérinaire,

                      Obligation d’être muselés et tenus en laisse par une personne majeure sur la voie publique et dans les parties communes des immeubles collectifs,

                      Obligation de posséder une carte d’identification délivrée par la société centrale canine (SCC).

                      Chiens de garde et de défense (2è catégorie)
                      Chiens concernés

                      Il s’agit des chiens :

                      de race Staffordshire terrier ou American Staffordshire terrier,

                      de race Rottweiler,

                      de race Tosa,

                      non-inscrits à un livre généalogique reconnu par le ministère en charge de l’agriculture (le LOF) et qui peuvent être rapprochés morphologiquement des chiens de la race Rottweiler.

                      À savoir : le chien de race Staffordshire bull terrier ne fait pas partie des chiens susceptibles d’être dangereux.

                      Obligations

                      Les chiens de garde et de défense doivent être muselés et tenus en laisse par une personne majeure :

                      sur la voie publique,

                      dans les transports en commun,

                      dans les lieux publics et, plus généralement, les locaux ouverts au public,

                      dans les parties communes des immeubles collectifs.

                      Vous devez aussi avoir la carte d’identification délivrée par la SCC.

                      Personnes non autorisées à avoir un chien de 1ère ou 2è catégorie
                      les mineurs
                      ,

                      les majeurs sous tutelle (sauf autorisation du juge),

                      les personnes condamnées pour crime ou violence et inscrites au bulletin n°2,

                      les personnes auxquelles le maire a déjà retiré la garde d’un chien parce qu’il représentait un danger pour les personnes ou les animaux domestiques.

                      Sanctions en cas de non-respect de la réglementation
                      Si vous ne respectez pas l’une des interdictions ou des obligations ci-dessus, vous risquez une amende de 15 000 €. Dans certains cas, vous encourez aussi une peine de 6 mois de prison.

                      Détention dans un logement privé
                      La détention des chiens d’attaque peut être interdite dans les logements par les règlements de copropriété ou dans les contrats de location.

                      Par ailleurs, tout bailleur ou un copropriétaire peut saisir le maire ou, à Paris, le Préfet de police, en cas de dangerosité d’un chien résidant dans un de ses logements. Le maire ou, à Paris, le Préfet de police peut :

                      vous imposer certaines mesures (comme faire passer une évaluation comportementale du chien par un vétérinaire choisi sur une liste départementale),

                      demander le placement de l’animal en fourrière,

                      et, si besoin, faire procéder à son euthanasie.

                      Toutes ces mesures sont à vos frais.

                      #89195

                      haze
                      Utente
                        • @haze

                        Lo so, é una razza amatissima e rispettatissima; il problema é che, grazie alle sue performances sportive, gli si é costruita attorno un’immagine da “superdog spaccatutto” che fa gola ai soliti tamarri.
                        Ora, questa gentaglia qui (perché é gentaglia) non potendo sfoggiare Pitbull e affini (anche se alcuni li importano di contrabbando eppoi se li fanno regolarmente sequestrare) si é concentrata su altre razze: ci sono tantissimi Cani Corso o Corso mix, una marea di Rottweiler, Kangal, Asia Centrale e compagnia, ma negli ultimi due tre anni si é assistito ad una invasione di Malinois.
                        Sai sicuramente che in Francia gli sport cinofili hanno una buona cassa di risonanza; oltre a questo, nel 2006, é uscito un film con Vincent Cassel (attore amatissimo e con fama di “bad boy”), un film thriller-horror; perché parlo di questo…perché nel film ci sono i classici ragazzetti che vanno nella casa di campagna, uno di loro ha un Amstaff; il “cattivo” del film invece ha un Pastore Olandese, che in una scena, attacca l’Amstaff e lo mette KO in pochi secondi. Ovviamente é un film, ma gli adolescenti tamarri cosa hanno visto? hanno visto un tipo di cane che riusciva a fare il “mazzo” a un Amstaff; siccome il Pastore Olandese lo conoscono in pochi, tutti hanno pensato che fosse un Malinois.
                        Cosi’ il Malin é diventato il “cane capace di mangiarsi un Pitbull”; sono saltate fuori un sacco di leggende metropolitane, come quella secondo cui il Malinois é vietato nei combattimenti senno’ ucciderebbe tutti i cani, e roba simile.
                        E siccome la madre dei cretini é sempre incinta, la gente a ste cose ci crede, e in giro si vedono sempre più Malinois in mano a decerebrati.
                        Tu che conosci bene la razza, immagina un Malin in mano ad un idiota totale che vuole il cane che attacca a comando.

                        Per ora non credo che lo inseriranno in alcuna lista, anche perché si farebbero autogol con tutti i Malin impiegati in polizia ed esercito, ma non escluderei, in futuro, l’obbligo di un patentino, o una qualche restrizione alla vendita.

                        #89204

                        haze
                        Utente
                          • @haze

                          secondo me su alcuni punti hai un po’ esagerato

                          Perché c’é differenza tra cio’ che é scritto e cio’ che viene applicato, come nella maggior parte delle leggi.

                          Questo é un video dedicato a Kenzo, definito “incrocio Boxer” dal veterinario, durante un controllo venne considerato un Pitbull, sequestrato e successivamente soppresso, a Le Havre nel 2007.
                          Da minuto 2:26 ci sono le foto del cane, poi dal minuto 4:07 una carrellata dei cani soppressi nel medesimo canile.
                          E’ un video forte, lo metto in spoiler, ma é un buon modo per rendersi conto di quanti cani innocenti ci lasciano la pelle ogni anno.

                          https://www.youtube.com/watch?v=qqUxzE3gMx8#t=274

                          #89205

                          Cozmo
                          Utente
                          • Località: Lugano
                          • Genere: Maschio
                            • @cozmo

                            Ok, ma pure una frase come questa non è esagerata?

                            Se un cane di prima categoria (nato prima della legge) ringhia ad un altro cane scatta il sequestro.

                            #89216

                            dino0977
                            Utente
                            • Località: Cosenza
                            • Genere: Maschio
                              • @dino0977

                              se il cane ringhia anche sommessamente, non solo rimane in categoria ma rischia di finire in canile.
                              Se un cane di prima categoria (nato prima della legge) ringhia ad un altro cane scatta il sequestro.
                              Per un cane di prima categoria nato dopo la legge, il sequestro scatta in automatico.

                              Ovviamente questa legge è una boiata pazzesca!! Andrebbe denunciato chi la ha fatta.
                              Il mio Hermes a quest’ora sarebbe stato rinchiuso in un canile o probabilmente sarebbe passato a miglior vita… Se un cane non si lascia manipolare e ringhia finisce in canile?? Sinceramente a me sembra normale che il cane ringhi e non il contrario, così come è abbastanza normale che due cani maschi possano ringhiarsi incontrandosi.

                              #89222

                              Cozmo
                              Utente
                              • Località: Lugano
                              • Genere: Maschio
                                • @cozmo

                                Appunto per questo dicevo che mi sembrava avesse esagerato, la legge dice che se un cane viene ritenuto pericoloso dalle autorità uno dei provvedimenti può essere il canile, ma questo penso un po’ ovunque, non solo in Francia, poi penso non esista nemmeno un cane che non abbia mai ringhiato ad un altro.

                                #89223

                                haze
                                Utente
                                  • @haze

                                  Ok, ma pure una frase come questa non è esagerata?

                                  Credo di essermi spiegata male io, ho accorciato una frase che avrei dovuto scrivere più nel dettaglio:
                                  Se un cane di prima categoria, durante una passeggiata o una sessione di gioco, magari in un parchetto, ringhia semplicemente ad un altro cane, il suo atteggiamento viene considerato potenzialmente pericoloso, ed é sufficiente a far scattare un sequestro.
                                  Questo ovviamente nel caso che il proprietario dell’altro cane, o un passante, chiami i gendarmi. Pero’ tale é la paura verso i “cani pericolosi”, che i “bravi cittadini” non si lasciano sfuggire l’occasione di fare il loro dovere e chiamare le forze dell’ordine.

                                  La legge é scritta in un modo, ma é applicata da esseri umani, falibili e faziosi per natura.
                                  Cosi’, la moglie che, separatasi dal marito, non ottiene gli alimenti, si vendica denunciando il cane dell’ex consorte, che magari é solo un meticcione molossoide, magari non viene soppresso, pero’ un mesetto di canile se lo fa.

                                  Il tizio in contrasto col vicino di casa, puo’ vedersi arrivare a casa la gendarmeria perché il suo cane “guarda male i bambini del vicino”. (questa é successa a un mio amico).

                                Stai vedendo 15 articoli - dal 31 a 45 (di 66 totali)

                                Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.

                                  Ultime Discussioni