Alimentazione complementare, integratori e nutraceutici per cani

Forum Gestione del cane Quotidianità Alimentazione complementare, integratori e nutraceutici per cani

Tag: 

Questo argomento contiene 35 risposte, ha 4 partecipanti, ed è stato aggiornato da  Merlino 6 mesi, 1 settimana fa.

Stai vedendo 15 articoli - dal 1 a 15 (di 36 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #272016

    Merlino
    Moderatore
      • @merlino

      ho inserito l’integrazione di Omega3 per Romeo al post #272213

      Attachments:
      1 utente ha ringraziato l'autore per questo post.
      #272019

      Admin
      Admin
      • Genere: Maschio
        • @admin

        grazie sempre per i tuoi contributi, ma non ho capito perché creare questo topic anziché proseguire su quest’altro:

        omega 3 e omega 6 – benefici per la salute del cane

        ti anticipo che non li possiamo tenere entrambi perché poi la gente si trova un pezzo da una parte e uno dall’altra e magari sono discordanti.

        quindi se ritieni che l’altro topic non vada bene, lo cancello.
        altrimenti attacco questo di seguito all’altro
        ;)

        #272021

        Merlino
        Moderatore
          • @merlino

          L’idea era scrivere un post sull’integrazione di romeo x fare spunto dell’integrazione di un cane adulto sano e confrontarsi con altri utenti. Ho scelto di iniziare dagli omega 3, ma possiamo dargli un taglio diverso. Se vogliamo parlare solo di omega 3 in generale, lo possiamo accodare al post che hai individuato tu, oppure a quello sulla prevenzione delle malattie oa (ce ne sono due, uno per i cuccioli e uno x adulti con problemi). Dipende se vogliamo confrontarci con chi ha cani con displasia, con tumori etc o affrontare il discorso della prevenzione in un cane sano. Io volevo condividere l’integrazione di romeo x confrontarla con quella di altri. A questo punto quando trovo il tempo mi leggo la discussione che hai postato, puoi mettere li questa o aggiungerla al confronto che stavamo facendo con ela e te, nell’integrazione dei ai nostri cani. Vedi tu, io ti seguo appena trovo il tempo di studiarmi i vostri post…

          #272024

          Admin
          Admin
          • Genere: Maschio
            • @admin

            Gli omega 3 non servono solo a prevenire l’osteoartrosi, inoltre i topic dedicati alla condroprotezione sono fin troppo lunghi e dispersivi.
            Se vuoi affrontare a 360° il tema del fabbisogno di alimenti complementari e altre integrazioni, rinomino in questo modo il titolo di questo topic
            ;)

            1 utente ha ringraziato l'autore per questo post.
            ela
            #272025

            ela
            Moderatore
            • Località: Pavia
            • Genere: Femmina
              • @ela

              Appena ho un secondo leggo tutto perchè mi interessa molto.
              Domanda scema: Romeo non ha nessun tipo di problema di salute? Niente intolleranze, niente problemi di respirazione, niente problemi articolari? Se è così hai trovato un “unicorno” oppure sei un mago! Per quanto ne so io, i bouledogue francesi sono carlini al cubo. E’ da quando abbiamo Dana, che farà 3 anni a maggio, che “lavoriamo” per mantenerla sana. Al di là della scelta dell’allevamento e delle caratteristiche che abbiamo cercato (lei è l’unico carlino non “recuperato” di casa), comunque ci scontriamo con intolleranze alimentari, allergie ambientali e piccole cose come ad esempio lo starnuto inverso.

              #272026

              ela
              Moderatore
              • Località: Pavia
              • Genere: Femmina
                • @ela

                Ho avuto modo di leggere, un pochino di fretta, il tutto. Negli studi per OA però non si fa riferimento alle quantità ed alle tempistiche, né al rapporto omega3/omega6. Peccato!

                Una piccola aggiunta, per mia curiosità, riguardo il rapporto omega 3/6. Ho sempre ritenuto ottimale il rapporto 1:4, che nella mia ignoranza come “base” dovrebbe funzionare soprattutto per soggetti che non hanno grossi problemi. Per chi invece ha problemi osteoarticolari ho sempre usato condroprotettori e antinfiammatori naturali. Adesso, siccome i miei due stortignaccoli stanno avendo qualche problemino (passi il cambio stagione, la variazione folle delle temperature e quello che vogliamo) stavo valutando di ravvicinare il rapporto omega 3/6. Sto cominciando appena a farmi un’idea e sono andata a vedermi il Forza10 Condro Active, non perchè vorrei utilizzarlo, ma perchè credo che facciano formulazioni con particolari attenzioni anche al rapporto acidi grassi. Con mia sopresa il rapporto è sempre 1:4. Mentre per il Defence Active, che se non ho capito male dovrebbe aiutare il sistema immunitario, il rapporto è addirittura 1:08. Quindi suppongo che dai loro studi gli Omega 6 potrebbero potenzialmente aiutare od aggravare le infiamazioni come suggerisce lo studio che citavi per primo, eppure non applicano lo stesso concetto a chi ha problemi articolari. Son più confusa di prima!

                #272027

                Merlino
                Moderatore
                  • @merlino

                  1) non credere che sia tutto rose e fiori con lui. romeo è stato dal veterinario più volte x problemi di salute ma non ha sviluppato alcun disturbo al momento. Da cucciolo l’ho portato a lavare, lo hanno lasciato attaccato con un cappio davanti ad un grosso ventilatore x asciugare e lui si è quasi strangolato. È rimasto x due giorni con occhi pieni di sangue. Ha ingoiato vari oggetti, tra cui una corda. Ha sbattuto alla testa e gli è venuto un bozzo che si è riassorbito. Da cucciolo gli è uscito un occhio di fuori, il veterinario lo ha rimesso dentro ed ha detto che crescendo si sarebbe fortificato, oppure dovevamo operarlo. Gli è uscito un’altra volta 5 anni fa, e poi mai più. Ha avuto un otite. Ha avuto una ciste che x fortuna era grasso ed è sparita. Si è rotto le unghie giocando. È stato aggredito da un pit che è riuscito a strappargli la pelle, ma fortuna c’ero io. Ho impiegato 10 minuti a separarlo. Non sentiva ne calci ne pugni. Lo scorso anno ha visto la neve per la prima volta, si è tagliato giocandoci. gli sono venute due brutte bolle su un testicolo e sul pene. Il veterinario sospettava tumore, fatto citologico e ago aspirato, era solo infezione batterica guarita con gentalyn. Adesso ha orecchio che si sta sgonfiando x puntura insetto. Insomma non posso dire che ha mai avuto dermatite, tumori o problemi al cuore piuttosto che allergie, ma è un vulcano e non si fa mancare nulla. Respira male l’estate (qui a Roma ad agosto si muore), tanto che devo farlo uscire solo la mattina presto e la sera, ma il veterinario considera invasiva l’operazione e dice che non ne ha bisogno. Quando è stressato si lecca tanto gli speroni, ed ha spesso il naso secco per cui gli metto il propad. Fino ad ora è sano e si limita a fare i vaccini. So che svilupperà un disturbo perché la razza è molto delicata. Quando accadrà saprò come orientargli la dieta, e me lo godrò finché potrò. Il bouledogue è una razza molto delicata ma anche molto particolare, forse tu che hai carlini puoi immaginare come sia.
                  2) il puppy condro active ha Omega3 2,21 %;
                  – Omega6 2,18 % (rapporto Omega3/6 1:1). Tu hai il sacchetto dell’adult? , non so se abbiano cambiato la formulazione ma in passato i rapporti erano molto spinti… Loro consigliano rapporti da 1:1 a 1:4, guarda ad es:
                  Lezione 6: “Omega3 e Omega6: la bilancia della salute”

                  Oppure qui Cereali sotto accusa: una valutazione sul grain free
                  Dove consigliano 1:2

                  Appena trovo il tempo approfondiamo il discorso dei rapporti e quantità se ti va…

                  #272032

                  ela
                  Moderatore
                  • Località: Pavia
                  • Genere: Femmina
                    • @ela

                    Da cucciolo l’ho portato a lavare, lo hanno lasciato attaccato con un cappio davanti ad un grosso ventilatore x asciugare e lui si è quasi strangolato. È rimasto x due giorni con occhi pieni di sangue

                    Succede praticamente a tutti i bulli e ai carlini.
                    Comunque sì, sono razze molto delicate. Io mi limito ai carlini ma, per quanto ne so, i bouledogue sono ancora più delicati, non so se perchè purtroppo “più di moda” e quindi vittime di maggior numero di cagnari. Comunque, se a sei anni si limita ad avere quel tipo di disturbi, sei stato bravo e anche accorto.

                    Per quanto riguarda il Condro Active, l’adult (sia l’all breeds che L-XL) sul sito ufficiale lo danno come 1:4 però andando a leggere bene è invece 3:1 come il Puppy (Omega3 3.3%, Omega6 1%). Io non ho i sacchi e non penso che lo userò mai, volevo capire come era formulato perchè usando altre formulazioni della stessa linea mi sto trovando bene (almeno per ora). Hanno da poco cambiato la linea Active, per cui avranno sbagliato a scrivere nella descrizione. Sarebbe da guardare i sacchi, magari ne trovo qualcuno nel negozio vicino casa.

                    Appena ho un minuto mi devo leggere tutti gli studi, però così a sensazione 3:1 mi sembra un po’ estremo.
                    Credo si sia capito che mi andrà di approfondire!

                    #272033

                    Merlino
                    Moderatore
                      • @merlino

                      Imho occorre vedere se parliamo di un mangime che debba curare un problema specifico (veterinario) e pertanto va somministrato x qualche mese o se parliamo di un cane che sta bene ed ha bisogno di una somministrazione di lungo periodo. Gli effetti sono molto diversi e non sono a conoscenza di studi con rapporti spinti sul lungo periodo. Romeo, come me, segue un integrazione periodica da quando aveva pochi mesi. Abbiamo provato vari protocolli, ma integrare su un cane sano è molto diverso che integrare su un cane che ha un disturbo specifico. Calcola che già un rapporto fino a 1:10 va bene per un cane, ma se vicino a 1:5 è meglio. 1:4 lo preferisco x lui (regal sensi è 1:3.75), sotto 1:4 sono rapporti più delicati. Occorre tenere conto di molti fattori, ad es la quantità di epa e dha (in un cucciolo o cane anziano spingerei sul dha), la quantità di omega 3 e 6 è molto importante, e gli omega 6 non sono da demonizzare ma servono al cane. Infine i pufa sono importanti ma sono solo uno degli ‘n’ fattori da tenere sotto controllo nell’integrazione. Nel tempo gli ho somministrato Vitamine, minerali, antiossidanti, probiotici, aloe, alga spirulina, funghi Medicinali, gemmoderivati, condroprotettori etc. Soprattutto nei cambi di stagione. Ora è entrato nel settimo anno e tra due/tre anni inizierà un integrazione x cani anziani se continua a stare bene. Incrociamo le dita…

                      #272035

                      Admin
                      Admin
                      • Genere: Maschio
                        • @admin

                        Infatti è molto diverso valutare la situazione di un cane sano oppure un cane che non sta bene… penso che le INTEGRAZIONI vadano date sulla base di un confronto tra ciò che realmente occorre e ciò che attualmente si dà.
                        Quindi se non c’è uno specifico FABBISOGNO insoddisfatto, non sia utile aggiungere qualcosa, in quanto non manca.
                        Per Eddington e Kilwinning mi sono prodigato perché non erano in grandi condizioni di salute, mentre per Jeco e Grease non sto integrando nulla, sinceramente non mi sembra che la loro dieta abbia carenze

                        #272038

                        Merlino
                        Moderatore
                          • @merlino

                          @admin

                          Infatti è molto diverso valutare la situazione di un cane sano oppure un cane che non sta bene… penso che le INTEGRAZIONI vadano date sulla base di un confronto tra ciò che realmente occorre e ciò che attualmente si dà

                          .

                          La penso come te, ma nessuno controlla cosa realmente da al cane, e se è necessario integrare. Neanche la maggior parte dei veterinari lo fa. Inoltre bisognerebbe studiare i problemi specifici della singola razza oltre ai nutrienti dati col cibo, per fare una buona integrazione. Tutti dichiarano che la loro dieta non ha carenze, ma se mi metto a studiarla posso smontare questa affermazione 99 volte su 100. Nell’industria del petfood esiste molta confusione e parecchi inganni, x cui non è facile orientarsi e capire cosa si sta dando al cane, senza contare che in pochi hanno le conoscenze x impiantare una dieta corretta.
                          Posto un articolo per il dibattito sulle etichette:

                          https://www.greatitalianfoodtrade.it/pet-food/mangimi-monge-denuncia-di-gift-all-antitrust

                          dei ricercatori dell’università di Padova hanno analizzato 40 petfood monoproteici x cani con intolleranze e ne hanno promossi solo 10. Alcuni non avevano neanche la proteina dichiarata, altri avevano altre proteine etc…

                          https://www.greatitalianfoodtrade.it/pet-food/pet-food-3-su-4-fuorilegge

                          Questo pone un altro quesito. Chi può dire di sapere esattamente cosa sta somministrando al cane?

                          2 utenti hanno ringraziato l'autore per questo post.
                          #272047

                          Admin
                          Admin
                          • Genere: Maschio
                            • @admin

                            Grazie caro, peccato che non dicano quali sono quelli corretti…

                            1 utente ha ringraziato l'autore per questo post.
                            #272051

                            ela
                            Moderatore
                            • Località: Pavia
                            • Genere: Femmina
                              • @ela

                              Infatti non lo dicono praticamente mai… l’unico modo di avere una certezza relativa è la dieta casalinga. Se vogliamo anche il bio può essere contraffatto, non sappiamo con certezza se a determinati animali sono stati somministrati antibiotici ecc… però così non se ne esce ed è assurdo a mio parare andare per estremi perchè il discorso vale anche per quello che mangiamo noi, con un’aspettativa di vita ben maggiore di un cane.

                              In passato ho integrato solo al bisogno, in genere per problemi di perdita di pelo. Solo di recente, con l’artrite di Stella ed occupandomi di cani con problemi sto iniziando ad interessarmi e testare. I miei cani stanno bene (pur con tutti i loro problemi), in genere quelli che recupero si riprendono in un paio di mesi. Non so quanto le integrazioni abbiano inciso nella ripresa, non ho sempre integrato allo stesso modo. Incide tutta una serie di fattori che non posso quantificare o percentualizzare. Fino a quest’autunno ero convinta che fare cicli di Zincogen ai cambi di stagione fosse una grande idea. In realtà, buona parte dei carlini (inclusa Dana, che aveva già fatto in passato dei cicli) ha avuto problemucci nel periodo di somministrazione. Quindi non è mai una scienza esatta e quello che va bene per un cane non è detto che vada bene anche per un altro.

                              #272060

                              Merlino
                              Moderatore
                                • @merlino

                                Questo è uno dei fattori che piu’ apprezzo di regal; posta i valori delle analisi sulle crocchette di tutte le sostanze.
                                Alcuni valori, in alcune formulazioni, sono bassi come ad es la vitamina E, o i PUFA, ma sono i valori reali contenuti nella crocchetta; mentre altri scrivono valori presunti o calcolati prima del processo di cottura. Ho notato che da poco hanno tolto la pagina con tutti valori nutrizionali sul sito americano, speriamo riappaia visto che la sostituiscono con le varie analisi…

                                Un’altra considerazione che vorrei fare è sull’integrazione che facciamo. Un integrazione funziona se:
                                1) diamo sostanze che non sono contenute (o lo sono in maniera inferiore a quanto necessario) nella dieta del nostro cane. Vorrei far notare ad es che zincogen pet è un ottimo integratore (selenio e vitamina E come antiossidanti sono ottimi) ma se io lo dessi a Romeo, che dalle regal assume uno dose doppia rispetto al minimo necessario, dovrei usare cautela perché lo zinco sequestra il rame quando è in eccesso, e potrei causare problemi se lo somministrassi più del necessario. Anche qui abbiamo visto che il doppio del minimo fediaf (o aafco) non basta in alcuni cani che necessitano di dosi maggiori, per cui, qualora è possibile, è consigliabile la conoscenza delle peculiarità della razza che stiamo aiutando.
                                2) funziona se dato per un tempo ‘x’ che varia da integratore ad integratore; zincogen pet non più di 10/15 gg, ad es. mentre i pufa almeno un paio di mesi. Guarda ad es questo studio sulla perna canaliculus:

                                Abstract
                                AIM: To evaluate the efficacy and tolerance of an extract of green-lipped mussel (GLME) in the management of mild-to-moderate degenerative joint disease (DJD) in dogs.
                                METHODS: Eighty-one dogs presumptively diagnosed with DJD were treated orally daily with either GLME or a placebo for 56 days, in a double-blind, placebo-controlled study. In an uncontrolled open-label extension to the study, all dogs were treated with GLME for an additional 56 days (from Days 57–112). Clinical signs were subjectively scored by the owners, and findings of detailed musculoskeletal examinations were scored by one veterinarian. Efficacy was assessed from a qualitative comparison of the proportion of dogs with improved clinical signs, and a quantitative comparison of the scores of the musculoskeletal examinations, between groups. Haematological and biochemical analyses and reports by owners of possible adverse drug reactions were used to screen for evidence of toxicity.
                                RESULTS: There was close agreement between assessments by the veterinarian and owners. The clinical signs of DJD in both GLME-treated and placebo groups improved significantly over baseline by Day 28; this improvement continued over the entire course of the study. There were no significant differences between groups on Day 28. On Day 56, a higher proportion of dogs in the GLME-treated group had improved clinical signs (p=0.018), and GLME-treated dogs had marginally better (p=0.053) musculoskeletal scores than dogs in the placebo group. The differences between the groups were no longer apparent by Day 112, by which time the former placebo group had been receiving GLME for 56 days in the open-label phase of the study. The proportion of dogs in the former placebo group that had improved by Day 112 (29/32; 91%) was significantly greater (p=0.012) than the proportion improved at Day 56 (15/37; 41%). No signs of toxicity were apparent.
                                CONCLUSIONS AND CLINICAL RELEVANCE: GLME had a beneficial effect on the clinical signs of dogs presumptively diagnosed with mild-to-moderate DJD. Long-term therapy may be required before improvement is apparent.

                                3) funziona se possiede le sostanze necessarie al cane; molti integratori economici le hanno solo nell’etichetta, o neppure lì…
                                4) funziona se è mirato ai bisogni del cane; ad es se le crocche hanno già un buon rapporto e quantità sufficienti di pufa, ma il mio cane ha problemi osteoarticolari, o al mantello, ed ha bisogno di più sostanze rispetto ad un cane ‘normale’…
                                5) funziona anche in base al singolo soggetto, troveremo sempre cani che non reagiscono a determinati integratori; pertanto col tempo impariamo a consocere come i nostri cani rispondono ai vari integratori…;
                                6) funziona di più sotto forma naturale (in alcuni casi aggiungere alimenti è sicuramente meglio che dare la forma sintetica) o sotto forma chimica in altri. Dipende da cosa devo integrare, alcune sostanze vengono concentrate e sarebbe difficile ad es integrare grandi quantità di tocoferoli in forma naturale …

                                Sintetizzando un integrazione generica fatta spot è sempre buona; ad es se do probiotici al cambio di stagione al cane (diciamo primavera e autunno) è difficile che faccio male; mentre un integrazione specifica funziona solo se è realmente necessaria e con i dovuti tempi, quantità e qualità. Almeno questa è l’idea che mi sono fatto. Tieni presente che fare danni con l’integrazione è piuttosto facile. Ogni volta he diamo qualcosa al nostro cane mettiamo in gioco delle reazioni, e se un elemento diventa troppo immancabilmente ci sarà un problema di salute.

                                #272078

                                Merlino
                                Moderatore
                                  • @merlino

                                  ho inserito l’integrazione di Omega3 per Romeo al post #272213

                                  Attachments:
                                Stai vedendo 15 articoli - dal 1 a 15 (di 36 totali)

                                Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.

                                  Ultime Discussioni