Il San Bernardo

Questo argomento contiene 60 risposte, ha 15 partecipanti, ed è stato aggiornato da  lori 2 anni, 5 mesi fa.

Stai vedendo 15 articoli - dal 16 a 30 (di 61 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #52957

    graziella-carnevali
    Utente
      • @graziella-carnevali

      Vorrei rispondere riguardo l’ aggressività di un San Bernardo. I San sono cani molto saggi e, se socializzati fin da piccoli, non fanno nulla che non sia strettamente necessario fare. A parte giocare, prendersi le coccole e…mangiare. Quello che li frega e’ la loro mole. Perché la maggior parte dei proprietari ( ignoranti e insensati) siccome in casa da’ fastidio perché sporca e perde pelo e per portarlo in giro devi educarli bene ( un molosso di 70 chili se non lo abitui ad ubbidirti fa quello che vuole) per non far fatica lo mollano da solo in giardino. Dimenticando che e’ un molossoide, non un husky, e ha bisogno di stare in famiglia. In montagna spesso li legano fuori dalle malghe per fare la guardia, vanno giusto un paio di volte a settimana a dargli da mangiare. Per forza che si incattiviscono! Il loro istinto e’ quello di proteggere il loro umano (infatti negli Stati Uniti li usano come baby sitter) non di fare la guardia! Con gli altri cani fanno come tutti, se uno gli e’ simpatico ci giocano, altrimenti ci litigano. Ma la mia San Bernarda ( socializzata a dovere fin dai tre mesi) non ha mai mai mai morso un cane. Neppure quando l’ ha attaccata un bassotto. Ecco, dopo quel morso bassottiano ora si fa valere, il problema sono i cani piccoli super protetti che stupidamente si spaventano e l’ attaccano. Non hanno assolutamente istinto aggressivo o predatorio, però educarli non è’ uno scherzo: sono cani da salvataggio e quando parte un gruppo per recuperare un disperso in montagna comandano loro. Essendo capatoste e testardi se vuoi farti ubbidire devi conquistare la loro stima. Allora ” ti concedono” di essere tu il capo. Un po’ come i gatti. Ma tu sai benissimo che è’ una grande concessione, e un privilegio. Io li trovo cani straordinari, di un equilibrio e di una saggezza eccezionali, ma ci devi vivere davvero insieme, stabilire un grande legame. O comunque ti perderai qualcosa .

      #53058

      Cozmo
      Utente
      • Località: Lugano
      • Genere: Maschio
        • @cozmo

        Dimenticando che e’ un molossoide, non un husky, e ha bisogno di stare in famiglia.

        Anche l’husky ha bisogno di stare in famiglia come del resto tutti i cani, se non si ha il desiderio o la possibilità di tenerlo vicino allora meglio non prendere nessun cane.

        #53067

        ivan898
        Utente
          • @ivan898

          assolutamente d’accordo con cozmo…
          l’ husky è un cane non un gatto…
          forse può patire meno rispetto ad altre razze, a patto che il poco tempo che poi gli dedichi sia di qualità :)
          riguardo il San Bernardo devo dire che per la mia esperienza ( di ben 4 mesi) anche lui se la cava in solitudine( anche se ovviamente preferisce di gran lunga stare con il padrone)
          o almeno non lo da a vedere… mai un lamento da parte del mio, se sa che dovrà stare da solo prende e si mette bravo a cuccia, a volte fa il seduto e guarda che mi allontano e mi aspetta dov’era se vado via per poco tempo, senza però fare scenate eccetera, già fin da cucciolissimo.

          #53131

          graziella-carnevali
          Utente
            • @graziella-carnevali

            Ok probabilmente ho sbagliato a citare l’ husky, volevo dire un cane che ha un po’ meno bisogno ( un po’ meno ) di stare con noi. Poi, Ivan, io non intendevo dire che se ti allontani un San si dispera, se uno va a lavorare va a lavorare, ma se sei a casa ha bisogno di stare con te, condividere la tua vita. E non lo dico solo per la mia esperienza ( di cinque anni, non pochi mesi) ma perché su questa razza ho letto molto, parlato con altri proprietari, e vedo San Bernardi in montagna sin da quando sono ragazzina. Liberissimo di pensarla diversamente, per carità , ma ti garantisco che sono ben documentata. Anche i gatti comunque non amano per nulla stare da soli, su di loro ci sono molte false credenze.

            #53138

            ivan898
            Utente
              • @ivan898

              in realtà la penso proprio come te e sono d’accordo con ciò che dici:)

              #53150

              graziella-carnevali
              Utente
                • @graziella-carnevali

                Oh grazie! Vedrai che amico meraviglioso diventerà’ !

                #78896

                ivan898
                Utente
                  • @ivan898

                  un po di storia:

                  Ecco Barry, il mitologico cane che salvò da solo più di 40 persone.

                  Barry è vissuto ben 14 anni, dal 1800-1814,ecco cosa dicono di lui in un articolo estratto da “Alpenrosen”, due anni dopo la sua morte: “Per dodici anni Barry lavorò e restò fedele al suo servizio verso gli sfortunati. Da solo, salvò più di quaranta persone. Lo zelo che impiegava era straordinario. Non vi fu mai bisogno di incitarlo al lavoro. Se sentiva che un uomo era in pericolo, correva immediatamente in suo aiuto; se non poteva fare niente, tornava al convento e chiamava aiuto col suo abbaiare e col suo atteggiamento”.

                  L’anno successivo alla sua scomparsa, Barry fu esposto imbalsamato al museo di storia naturale di Berna (foto) ed vi è un monumento in suo onore all’ingresso del Cimitière des chiens di Asnières, a Parigi.
                  Una curiosità è che all’Ospizio, per onorare la sua memoria, danno al più bel maschio il nome di Barry.

                  Ai tempi di Barry questo cane aveva ancora il nome di “Mastino delle Alpi”; questa razza divenne “santa” solo a fine del 1800, quindi dopo l’inizio degli incroci fatti con il Terranova, che iniziarono nel 1855.

                  Da questi deriva la differenza nella lunghezza del pelo e l’aumento di taglia che vediamo ai giorni nostri(e forse anche l’imbonimento caratteriale di cui parla espada), infatti i primi cani che i monaci usavo per il lavoro non pensavano più di 55 kg (come si può intuire anche dalla foto)e affrontavano i lavori più disparati come azionare una gigantesca macchina che permetteva la cottura del cibo, il trasporto di risorse come cibo e materiali, il salvataggio su neve e la guardia, che esercitavano soprattutto inibendo i mal intenzionati con la loro prestanza fisica :P
                  Da precisare che la scelta di incrociare deriva da problemi di consanguineità tra il numero limitato di soggetti che i monaci possedevano, e si individuò nel Terranova la razza più compatibile al lavoro primario di questi cani: il salvataggio.

                  to be continued….

                  #78929

                  Cozmo
                  Utente
                  • Località: Lugano
                  • Genere: Maschio
                    • @cozmo

                    C’è anche una voce di wikipedia su Barry, tra le altre cose c’è scritto che era alto meno di 64 cm e pesava 40-45 kg.

                    #79125

                    ivan898
                    Utente
                      • @ivan898

                      Grazie Cozmo, provo a fare una traduzione.
                      Barry der Menschenretter (1800–1814), conosciuto anche come Barry, faceva parte di una razza che sarà più tardi chiamata San Bernardo ed ha lavorato in montagna come cane da salvataggio presso l’ospizio del gran San Bernardo, in Svizzera. Precursore del moderno Sanbernardo era più leggero di esso ed è stato descritto come il più famoso di questa razza, siccome ha salvato più di 40 persone durante la sua vita.

                      La leggende che lo circonda è che fu ucciso durante un tentativo di salvataggio, ma questo non è vero. [parere mio: una storia dice che durante un salvataggio un uomo lo ha scambiato per un lupo e per questo motivo lo ha attaccato con un coltello, ferendolo gravemente, un’altra sostiene che si era semplicemente ammalato all’età di 12 anni e per questo aveva smesso di svolgere il suo lavoro per i due anni restanti] Barry è andato a stare a Berna, in Svizzera e dopo la sua morte il suo corpo è passato alle cure del museo naturale di storia di Berna. La sua pelle è stata preservata attraverso un intervento di taxidermia, ma il suo scheletro è stato modificato nel 1923, per essere in sinergia con quello dei San Bernardo di quel periodo. La sua storia ed il suo nome sono stati usati in diversi lavori di letteratura ed un monumento in suo onore è recato al Cimetière des Chiens, vicino Parigi. All’ospizio viene dato il nome Barry ad un cane in suo onore, da quando nel 2004 è stata istituita la fondazione Barry del gran sanbernardo per assumersi la responsabilità di allevare cani all’ospizio. [anche qui non è proprio vero, a quanto pare già i monaci hanno iniziato a onorare Barry dando il suo nome al cane che reputavano “migliore”]
                      poi continuo sono stanco :P

                      #79131

                      Cozmo
                      Utente
                      • Località: Lugano
                      • Genere: Maschio
                        • @cozmo

                        Tre o quattro anni fa Suzuki Svizzera aveva la linea Barry Edition[/url] a lui dedicata.

                        #79135

                        ivan898
                        Utente
                          • @ivan898

                          è molto importante da voi o è una trovata commerciale ?
                          ps: quel cucciolone è bellissimo :D

                          #79137

                          Cozmo
                          Utente
                          • Località: Lugano
                          • Genere: Maschio
                            • @cozmo

                            Sarà conosciuto come in Italia.

                            #79201

                            mccaw
                            Moderatore
                              • @mccaw

                              Ricordo che sul sito del CISB c’era la storia di Barry I°, c’è ancora ma striminzita: http://www.canedisanbernardo.org/web/index.php?option=com_content&view=article&id=48&Itemid=1774&lang=it.
                              Purtroppo era molto che non visitavo il sito ma è decisamente cambiato, sopratutto per la quantità dei contenuti. Ricordo delle bellissime tabelle con i vari tipi di san bernardo che purtroppo non trovo più. E’ rimasta la pagina sul san bernardo americano.
                              Comunque lessi che Barry usciva sempre con il suo compagno umano alla ricerca di dispersi ma che quando questo morì non volle mai più lavorare con nessun altro e continuava la sua missione da solo.

                              #104353

                              Cozmo
                              Utente
                              • Località: Lugano
                              • Genere: Maschio
                                • @cozmo

                                WDS 2015 giovani maschi pelo lungo:

                                #104392

                                ivan898
                                Utente
                                  • @ivan898

                                  grazie Cozmo, i cani mi sembrano belli, non esasperati in peso e struttura ed occhi/giogaia/labbra.
                                  Però non sono mai stato in expo e a vedere i video mi domando perché debbano rompergli le p— strattonarli per metterli in posizione mi sembrano dei manichini… quella bionda poi se fossi in lui la avrei già mozzicata come minimo; quanto vorrei vederli sulla neve a cercare chi salvare invece che in sta buffonata :(

                                Stai vedendo 15 articoli - dal 16 a 30 (di 61 totali)

                                Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.

                                  Ultime Discussioni