IBD (infiammazione intestinale cronica) nel cane

Forum Gestione del cane Problemi di Salute IBD (infiammazione intestinale cronica) nel cane

Questo argomento contiene 2,706 risposte, ha 97 partecipanti, ed è stato aggiornato da  darnos 1 anno, 10 mesi fa.

Stai vedendo 15 articoli - dal 1 a 15 (di 2,707 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #36328

    furaha
    Utente
      • @furaha

      Per IBD (inflammation bowel disease) si intende un’infiammazione gastrointestinale cronica, di natura autoimmune. In questo topic c’è la storia diagnostica del mio cane. Inserisco dunque questa premessa iniziale prima di far partire la cronologia dei messaggi, risalenti a quando ancora nessuno sapeva dirmi di cosa soffrisse il mio cane.

      Ho un pastore tedesco che, sin dai primi mesi di vita, ha manifestato i seguenti sintomi: diarrea cronica con muco, defecazioni frequenti, magrezza, fame atavica, etc.
      Da qui ho cominciato a sottoporlo ad una serie di esami, e a provare diversi mangimi, per la durata di quasi un anno.

      Analisi del sangue grossomodo nella norma, tranne i primi (il mio cane ha avuto una bruttissima reazione ai vaccini, secondo tre diversi veterinari infatti ciò può aver risvegliato una predisposizione alle malattie autoimmuni di cui soffre).
      Test giardia: negativo.
      Leishmaniosi: negativo.
      Test malassorbimento, pancreas, tiroide: tutto ok. Tranne una cosa: la vitamina B12 era bassa.
      Si prosegue così con un tampone per coprocoltura (che individua batteri intestinali nelle feci), il quale evidenzia che un batterio normalmente presente all’interno della flora intestinale (proteus) alberga però in maniera esagerata rispetto al normale, con effetti negativi. Tra questi, il conseguente abbassamento della vitamina B12, c’è insomma una correlazione diretta tra i due eventi.
      Test intolleranze alimentari: qualche leggera intolleranza ad alcune proteine. Non è allergico al pollo (ed è la prima cosa che si pensa, erroneamente, quando un cane va sempre in diarrea).
      Test sangue occulto nelle feci (SOF): positivo. Quattro asterischi, quando il range massimo è due. Ciò indica una probabile infiammazione intestinale.
      Abbiamo proseguito con un’ecografia addominale: tutti gli organi nella norma, però viene rivelato un ispessimento intestinale.

      Unendo i risultati del SOF e dell’ecografia, si comincia a sospettare un’infiammazione gastrointestinale cronica (IBD), la quale – tra i possibili sintomi – può portare anche ad un dismicrobismo intestinale, oltre che appunto a diarrea e magrezza.

      All’età di 12 mesi e mezzo (marzo 2014) il mio cane doveva essere sottoposto ad un intervento oculare (soffre di una malattia molto rara chiamata cheratopatia lipidica, di cui parlerò più avanti), dunque ho approfittato dell’evento per prolungare l’anestesia e sottoporlo a un’endoscopia e prelievo di biopsie per esame istologico. Qui c’è stata la svolta, a livello diagnostico.
      Sulla bilancia per veterinari pesava 30,5kg. Considerando che è alto 73 cm al garrese, poteva pesarne benissimo 10 in più.

      Endoscopia: ha un’infiammazione che parte già dalla porzione terminale dell’esofago, comprende lo stomaco (che è pieno di “lesioni circolari eritematose”, per farvi capire è come se gli avessero spento sopra tante sigarette), e il duodeno presenta una “mucosa eritematosa e molto friabile”.
      Biopsia intestinale: infiltrato plasmacellulare e linfocitario, ciò vuol dire che c’è una reazione autoimmune in corso.
      Biopsia gastrica: presenza di micro emorragie recenti e pregresse, iperplasia dei follicoli linfoidi (aumento del numero dei noduli linfatici).

      Diagnosi: IBD linfoplasmacellulare. Una malattia autoimmune, in quanto tale incurabile, debilitante (e lo vedevo) e che richiede tanta dedizione da parte del proprietario del cane.

      Si consiglia un mangime monoproteico, ipoallergenico, ad alta digeribilità. Nella scelta, ci si può indirizzare anche in base a eventuali test delle intolleranze, che io avevo già fatto. Un esempio di questi mangimi sono, per citarne due, Exclusion Diet e Brit Care. In commercio vi sono anche i mangimi curativi che hanno linee per cani con IBD (le marche consigliate dai veterinari sono le solite: Hill’s Prescription Diet, Royal Canin Veterinary Diet, Farmina Vet Life, etc.). Io avevo già provato il Royal Canin Gastrointestinal Junior, e non avevo alleviato alcun sintomo. Il mio cane, all’epoca della diagnosi, stava già mangiando Exclusion Diet Cervo & Patate, e precedentemente aveva mangiato Brit Care Junior Large Breed.

      Il trattamento farmacologico. Prima della diagnosi il mio cane aveva già assunto diverse volte degli antibiotici, perché i veterinari cercavano di curare i sintomi, ma puntualmente – sospesi i farmaci – i sintomi si ripresentavano tutti. Dopo la diagnosi si è deciso di procedere con la terapia farmacologica classica per l’IBD: prednisone (cortisone) e metronidazolo (antibiotico), più un integratore a base di probiotici e glutammina. Questi farmaci vanno assunti a cicli, per tutta la vita del cane.
      Dopo 20 giorni (la durata del primo ciclo) ho deciso di sospendere, d’accordo con la mia veterinaria. Purtroppo questo trattamento non faceva bene al caso specifico del mio cane, che non solo non aveva messo su un grammo, ma faceva diarrea anche peggiore, e si faceva la pipì addosso ogni 20-30 minuti. Non poteva sostenerlo per tutta la vita. Sto parlando di un cane sensibilissimo ai farmaci, tanto da avere reazioni di tipo epilettico a diverse sostanze comunemente usate (come l’amoxicillina). Quindi ciò che ha fatto male a lui non vuol dire che debba far male anche ad altri, anzi, spesso questi farmaci alleviano molto i sintomi da IBD.

      Ho deciso di affidarmi ad una veterinaria omeopata, esperta di diete naturali e omeopatia. Mi ha prescritto la dieta BARF (a base di carne cruda), seguendomi passo passo, ed un trattamento omeopatico. Ho abbandonato così farmaci e croccantini.
      Abbiamo scelto la BARF perché la carne cruda è meno irritante nei confronti della mucosa intestinale, inoltre trito finemente le ossa col tritacarne anziché darle intere (per non gravare appunto sulla mucosa). Anche la composizione della dieta è personalizzata in base alle esigenze specifiche del cane.
      Inizialmente questo tipo di dieta fa perdere massa grassa, il mio cane ad agosto era sceso al peso di 28kg. Aveva le ossa di fuori, le costole erano ben visibili anche da lontano, come anche le vertebre e le ossa sacrali. Quindi abbiamo aggiunto nuovi integratori (sempre tutto naturale) e aumentato la percentuale di cibo dal 3 al 4% del peso ideale (la BARF ha degli schemi precisi, non mi dilungo su di essi, ma su richiesta posso inviare una guida che ho scritto).
      Il mio cane ha cominciato a prendere peso. Si trattava dunque di trovare la dieta e il trattamento giusto per lui (probiotici, prebiotici, glutammina, nux vomica, etc.; su richiesta posso inviarlo).
      Attualmente i risultati sono i seguenti…
      – ad ottobre pesava già 35kg (è ingrassato di 7 kg in due – tre mesi!);
      diarrea sparita sin da subito;
      numero di defecazioni diminuito da 4-5 volte al giorno coi croccantini a 2 volte al giorno con la dieta naturale;
      – dimensioni delle feci ridotte (ciò vuol dire che il cane assorbe meglio il cibo);
      sangue occulto nelle feci dimunito;
      – pelo lucidissimo (anziché nero-focato sembra quasi un PT blu e oro);
      – maggiore senso di sazietà e soddisfazione a fine pasto.

      ——————-
      Torniamo adesso al messaggio originale del 25/08/2013, quando ancora non sapevo di cosa soffrisse il mio cane.
      ——————-

      Siccome se n’è parlato in un altro topic, vi accenno brevemente la storia del mio cucciolo di pastore tedesco, di quasi sei mesi.

      All’età di tre mesi ha cominciato a camminare in questo modo:
      http://youtu.be/PqQtLnDNLVg
      Nel video non si capisce molto, in ogni caso camminava dinoccolato, strascinava un po’ la zampa posteriore sinistra (che inoltre ruotava nell’appoggiarla), si faceva lo sgambetto da solo mentre camminava, appiombi vaccini.

      La mia veterinaria era in malattia, per cui a giugno sono andata da un altro veterinario, considerato “il migliore in zona”. Quest’ultimo ha subito dato al mio cucciolo un antinfiammatorio a lento rilascio, che – come ho letto poi casualmente sul foglietto illustrativo letto su Internet – non va dato a cani sotto i 12 mesi di età, non va dato a cani con problemi epatici, e dall’assunzione di questo farmaco deve passare almeno un mese prima di somministrare dei FANS.

      Gli esami del sangue effettuati allora (26 giugno) hanno fatto emergere quanto segue:
      Pagina 1
      Pagina 2
      Pagina 3

      Ecco, poi gli ha prescritto (tra i tanti farmaci) un antibiotico che o gli faceva allergia o era in dose troppo massiccia per un allora cucciolo di 19 kg, fatto sta che il cucciolo – un’ora dopo l’assunzione dell’antibiotico – aveva sempre le convulsioni alle zampe posteriori, e mi guardava negli occhi cercando aiuto; la pipì era giallo scuro, schiumosa e densa. Chiamavo il veterinario e mi diceva che l’antibiotico non c’entrava nulla e il cane soffriva dunque di epilessia idiopatica. Ho voluto rischiare sospendendo la cura, e infatti il cucciolo non ha avuto mai più le convulsioni (né le aveva avute mai prima dell’antibiotico).

      Siamo tornati dal veterinario, di cui ormai non mi fidavo proprio, il quale gli ha effettuato nuovamente degli esami del sangue, il 10 luglio:
      Pagina 1
      Pagina 2
      Pagina 3

      Quindici giorni dopo l’assunzione di quell’antinfiammatorio gli ha prescritto un antibiotico iniettabile (e credo che anche questo fosse in dose massiccia) e un potente FANS.
      Il risultato, un’ora dopo l’assunzione del FANS, è stato questo:
      http://youtu.be/pl5W1atKMPU
      Il veterinario ha snobbato la cosa dicendo che si trattava di un TIC, e per me questo è stato veramente troppo. Ad altri veterinari invece si è accapponata la pelle vedendo il video.

      Abbiamo cambiato ulteriormente veterinario. Il nuovo vet ha posto l’attenzione sul rapporto sbilanciato calcio-fosforo, e gli ha prescritto semplicemente un noto sciroppo a base di idrossido di allume (a quanto pare tale sostanza dovrebbe assorbire il fosforo in eccesso), dicendo che il cucciolo ha assunto una marea di farmaci inutili e aveva bisogno di tempo per disintossicarsi.

      Il 7 agosto (il cucciolo aveva 5 mesi e una settimana) abbiamo finalmente effettuato le lastre, che vedete in foto.
      Il cucciolo non è risultato displasico, tuttavia è Ortolani positivo lieve bilaterale. La crescita veloce gli ha causato dunque una certa lassità dei tendini, per cui la testa del femore “balla” all’interno dell’acetabolo.

      E con questo chiudiamo per il momento il capitolo anche, passiamo agli altri argomenti.

      Dall’età di due mesi il cucciolo ha l’occhio destro perennemente arrossato. A giugno è comparsa una macchia grigiastra sull’iride. Per cui un probabile impatto ha causato un’infiammazione (cheratite). Ecco una foto.

      Capitolo pulci. Un giorno, all’inizio di questo mese, l’ho portato in campagna (a proposito, tengo il cucciolo in casa) e si è beccato le pulci. Lo so perché ne ho trovate un paio morte sulla sua poltroncina, ed un paio gliene ho trovate che gli correvano sul pelo. Una settimana dopo, i suoi gomiti erano ridotti così: foto. Gli è caduto il pelo (anche sui talloni, se si chiamano così anche per i cani) e gli si sono formate delle grosse puntine, a coppie di due, insieme a della forfora, tutto accompagnato da una macchia nera. Sul dorso, in prossimità dell’attaccatura della coda, c’erano sempre ‘ste puntine e della forfora. La veterinaria ha detto che il cucciolo soffre di dermatite allergica dalla saliva delle pulci, per cui anche solo una pulce può provocargli grandissimo fastidio. Ad oggi, gomiti e caviglie sono ancora senza pelo.

      Capitolo alimentazione. Prima usavo “Royal Canin German Shepherd Junior”, ma al cucciolo non piacevano e dovevo fare aggiunte. Poi sono passata a “Trainer Fitness Puppy maxi fish & rice”, che mandano il cucciolo in diarrea. Ho provato il gusto anatra della stessa linea, ma il cucciolo lo odia. Adesso, come avete letto nell’altro topic, sono in cerca alla svelta di un altro alimento, poiché da un paio di settimane il cucciolo espelle una diarrea di colore verde e con muco, ed un forte prurito.

      Attualmente il cucciolo sta assumendo dei fermenti lattici e lo sciroppo.

      La veterinaria (che è ritornata dalla malattia) ha visitato il cucciolo prescrivendogli appunto i fermenti; le feci non contengono parassiti. Mi ha prescritto un integratore per le insufficienze renali, da assumere al posto dello sciroppo, sempre per il discorso del fosforo alto. Mi ha prescritto inoltre un antistaminico per il prurito, ma prima di assumerlo vorrei vedere se il prurito e la diarrea passeranno cambiando alimentazione (per questo voglio cambiarla presto).

      Lunedì scorso abbiamo effettuato altri esami del sangue, che erano in programma per settembre (fine cura con lo sciroppo), ma li abbiamo anticipati poiché il cucciolo fa le feci molli e verdi e bisognava controllare i valori epatici (che, come mi ha accennato la veterinaria, sono risultati nella norma). La veterinaria mi ha accennato anche che il fosforo adesso è 9.2. Per il momento non so altro, so anche che ci sono altri esami ancora da stampare.

      Insomma, questa è a grandi linee la storia del mio cucciolo.

      P.S.: Se da regolamento si può inserire il nome dei farmaci, sostituisco i nomi.

      #36381

      Admin
      Admin
      • Genere: Maschio
        • @admin

        avevo seguito il calvario di Jago, purtroppo quando i problemi si accavallano diventa più difficile risolverli…
        se vuoi mettere i nomi commerciali dei farmaci fai pure, non si tratta di raccomandazioni d’uso ma solo di esperienze vissute

        #36387

        furaha
        Utente
          • @furaha

          Ok, alcuni dei farmaci che il cucciolo ha assunto (mica tutti eh :-( ) sono…

          Antinfiammatorio: Trocoxil
          FANS: Previcox
          Antibiotico: Augmentin 1000mg
          Integratore: Iken up
          Antibiotico iniettabile: Ceftriaxone Zentiva
          Sciroppo: Maalox in compresse
          Fermenti lattici: Normospor
          Condroprotettori: Legart Up

          Da comprare…
          Integratore per i reni: Renal Candioli
          Antistaminico: Zirtec.

          #36405

          espada
          Utente
            • @espada

            Ok, alcuni dei farmaci che il cucciolo ha assunto (mica tutti eh :-( ) sono…

            Antinfiammatorio: Trocoxil
            FANS: Previcox

            mica li avrà presi nello stesso periodo?
            sono due prodotti che assolvono alle stesse esigenze:
            https://www.canedifamiglia.com/index.php/forum/10-problemi-di-salute/35-fans-per-gravi-problemi-articolari-del-cane

            in particolare il Trocoxil è a lento rilascio ma da quanto mi risulta è molto pericoloso abbinargli un altro FANS…

            Iken-Up è un ricostituente

            #36534

            furaha
            Utente
              • @furaha

              Li ha somministrati a una settimana di distanza. Non sto scherzando. Il risultato l’hai visto in quel video. :(

              #36545

              espada
              Utente
                • @espada

                ma prima il Previcox, immagino?
                dopo aver dato il Trocoxil, la mia veterinaria al massimo mi fa usare l’Arnika o altri prodotti naturali
                (magari nel tuo caso poteva esserci un’indicazione diversa però, non sono veterinario e non mi azzardo)

                #37092

                Admin
                Admin
                • Genere: Maschio
                  • @admin

                  ho spostato quanto riferito da SilviaP e da Messico a proposito del Previcox nel topic dedicato ai FANS, così sarà più facile condividerle:

                  https://www.canedifamiglia.com/index.php/forum/10-problemi-di-salute/35-fans-per-gravi-problemi-articolari-del-cane#35523

                  #45330

                  furaha
                  Utente
                    • @furaha

                    i seguenti esami: coccidi, giardia, TLI, B12, folati, tiroide, ed eventualmente ecografia e test delle intolleranze alimentari.

                    Di quale cifra stiamo parlando? :(

                    #45340

                    Admin
                    Admin
                    • Genere: Maschio
                      • @admin

                      per quanto ne so, questi esami non sono costosissimi, dovrebbero aggirarsi nell’ordine di qualche decina di euro per coccidi e giardia, TLI B12 e Folati, ecografia, test allergie/intolleranze

                      non so darti un preventivo complessivo ma credo che dovresti cavartela con meno di 200€ in tutto

                      per quanto riguarda la dieta a esclusione, se posso permettermi, bisognerebbe capire COSA va escluso… un prodotto che generalmente si usa con ottimi riscontri in casi come questi (Exclusion DIET che comunque costa circa 5€/kg) potrebbe essere inefficace se Iago fosse intollerante o allergico ad esempio alle patate oppure a qualsiasi proteina animale (allora si dovrebbe necessariamente ricorrere agli ancor più costosi prodotti “veterinari” fatti con proteine idrolizzate)

                      #45359

                      saphira
                      Utente
                        • @saphira

                        Nel dubbio, io inizierei ad eliminare subito le fonti di glutine.
                        Occhio alle contaminazioni, so che chi è celiaco usa posate e pentole a parte per preparare i propri pasti.

                        Davvero vi auguro di riuscire a trovare la chiave di tutti i problemi che affliggono il povero Iago! incrocio le dita!!

                        #45360

                        furaha
                        Utente
                          • @furaha

                          La vet mi ha preventivato 240 euro, incluso tampone e test dell’intolleranza al glutine.
                          Attingerò ai soldi che avevo messo da parte per tornare a fare volontariato in Africa. :( quindi addio Tanzania.
                          Oggi pomeriggio vado dalla vet.
                          Ho un’ansia… :(

                          #45449

                          mccaw
                          Moderatore
                            • @mccaw

                            oppure a qualsiasi proteina animale (allora si dovrebbe necessariamente ricorrere agli ancor più costosi prodotti “veterinari” fatti con proteine idrolizzate)

                            In questo caso magari si potrebbe optare per le crocchette vegetariane, dovrebbe esserci un minimo risparmio rispetto a quelle veterinarie, anche se non capisco come facciano a costare queste cifre non avendo la carne che è più costosa dei cereali.

                            Antba

                            Benevo

                            Yarrah

                            Amì

                            Quelle formulate meglio mi sembrano le Antba che sono identiche alle Toto food Vegetales.

                            #45450

                            espada
                            Utente
                              • @espada

                              non capisco come facciano a costare queste cifre non avendo la carne che è più costosa dei cereali.

                              i motivi sono essenzialmente due:

                              1) i processi produttivi che rendono sufficientemente assimilabili le proteine vegetali ed il completamento del profilo amminoacidico attraverso additivi nella ricetta sono, effettivamente, più costosi rispetto a processi produttivi di semplice estrusione di carni e farine magari di pessima scelta

                              2) ci sono tanti “fanatici” (non me ne vogliano) del vegetarianesimo che impongono anche al cane questa scelta ed ovviamente le aziende approfittano della loro maggior propensione a spendere pur di soddisfare i propri criteri etici.

                              per non andare Off Topic però dovremmo spostarci qui:
                              https://www.canedifamiglia.com/index.php/forum/9-alimentazione-industriale/2978-alimentare-il-cane-solo-con-una-dieta-vegetariana

                              #45462

                              furaha
                              Utente
                                • @furaha

                                Ahahah sì, per i cuccioli é fisiologico averlo un po’ alto, ma adesso ha 4 mesi in più. quindi dovrebbe essere sceso, vedremo se é così o no.

                                #45704

                                furaha
                                Utente
                                  • @furaha

                                  La vet ha telefonato al laboratorio, le hanno anticipato che i valori indicati dall’oculista (B12 e folati) non sono buoni, c’é un malassorbimento. L’oculista aveva ragione.
                                  So anche che é stato trovato qualcosa nel tampone di feci, ma non so cosa.
                                  Aspetto che la vet riceva questi esami dal laboratorio. :(

                                Stai vedendo 15 articoli - dal 1 a 15 (di 2,707 totali)

                                La discussione ‘IBD (infiammazione intestinale cronica) nel cane’ è chiusa a nuove risposte.

                                  Ultime Discussioni