Comunicare con un cane cieco o ipovedente

Forum Gestione del cane Educazione e Comunicazione Comunicare con un cane cieco o ipovedente

Questo argomento contiene 20 risposte, ha 9 partecipanti, ed è stato aggiornato da  ela 1 mese fa.

Stai vedendo 6 articoli - dal 16 a 21 (di 21 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #271328

    ela
    Moderatore
    • Località: Pavia
    • Genere: Femmina
      • @ela

      Sto da poco “rimettendo in piedi” una canetta anziana completamente cieca (non dalla nascita, ma ha perso la vista in tempi diversi a ciascun occhio per incidenti diversi).
      Avevo qualche esperienza con Stella, fortemente ipovedente, che ha sempre avuto soltanto piccolissimi problemi in ambienti sconosciuti e solo dopo aver perso anche l’udito (ma lei aveva Dana a guidarla).
      Comunque… la prima cosa che ho notato è la facilità con cui si affidi a udito e olfatto soprattutto in luoghi aperti. In giardino è un cecchino, basta un fischio o un richiamo che ti trova a 300 metri con uno scarto di pochi centimetri. In casa è più complicato credo per via dell’eco contro le pareti… infatti più l’ambiente è piccolo meno lei è precisa (è utile chiamarla a voce bassa). Ad ogni modo ha mappato la casa in un paio di giorni ed ha circoscritto le zone che preferisce (non va mai verso le scale, né verso la porta, penso che senta la variazione di temperatura). Posizione di ciotole e cucce/divano meno di 24 ore.
      Può sembrare brutto, ma non l’ho mai aiutata “manualmente”, glie l’ho sempre fatta “sbrogliare” da sola. Quando è arrivata era gobba (sembrava avere un problema ortopedico) e tastava con le zampe come fanno i non vedenti con il bastone. In 15 giorni è diventata un cane irriconoscibile, cammina a testa alta e si impettisce se trova una difficoltà nel percorso. Corre e salta gli ostacoli, si accorge se c’è uno sportello aperto in cucina… Di pestate sul muso ne prende solo se si agita e perde l’orientamento. Ha imparato a saltare su e giù dal divano senza mai cadere.
      L’unica cosa che mi ha un po’ dispiaciuta è l’atteggiamento del mio “branco” che non l’ha accettata da subito e non l’aiuta in nessun modo, mi sarebbe piaciuto lavorare almeno sulla coppia.

      2 utenti hanno ringraziato l'autore per questo post.
      #272810

      ela
      Moderatore
      • Località: Pavia
      • Genere: Femmina
        • @ela

        Dopo 3 mesi nessuno crede che la signorinella di cui sopra sia veramente cieca. Nonostante abbia avuto grossi problemi di salute ed abbia subito un intervento d’urgenza con un post operatorio da incubo, la ragazza è una bomba.
        Al guinzaglio è disciplinata, ha imparato a farsi guidare e quando è in difficoltà si mette automaticamente al piede. Ha dato segni di incertezza solo in centro a Milano, per il resto lei va al centro commerciale, per negozi, in strada e al parco e perfino dal dentista con me. Ha un carattere forte ed è un po’ dominante nel gioco, abbastanza possessiva, una iena se c’è cibo in giro (ruba i premi degli altri come se avesse il gps)… insomma mi ricorda la mia Stella.
        Il grosso passo avanti lo ha fatto quando siamo finalmente riusciti a lavorare con altri cani. Dana alla fine si è convinta a collaborare, anche se loro due litigano spesso e volentieri, ed il resto del branco si è adeguato. Se c’è un altro cane lei si accoda sfiorando il fianco con il muso e può fare qualunque cosa facciano gli altri. Ha imparato a fare le scale di corsa. A chi dovesse gestire un cane ipovedente consiglio veramente di lavorare con altri cani :)

        1 utente ha ringraziato l'autore per questo post.
        #274079

        ela
        Moderatore
        • Località: Pavia
        • Genere: Femmina
          • @ela

          Oops… I did it again…
          Di recente ho avuto a che fare con un canetto anziano, cieco, quasi sordo e con piccoli problemi neurologici. A differenza della signorinella di cui parlavo più su, il giovanotto ha la tempra di una mozzarella in carrozza e bassa autostima.
          E’ stato fondamentale separare gli spazi con superfici diverse (zerbini e tappetini di consistenza molto differente) in modo da permettere l’orientamento autonomo prima di iniziare qualunque lavoro. Risolto il problema di orientarsi negli spazi ha avuto un recupero rapidissimo. Magari è una banalità, però può servire a chi ha cani che stanno invecchiando e difettano un pochino della vista.

          2 utenti hanno ringraziato l'autore per questo post.
          #274080

          Admin
          Admin
          • Genere: Maschio
            • @admin

            mi sembra una soluzione molto intelligente, visto che il tatto e l’olfatto sono probabilmente le sue uniche risorse per orientarsi.
            (forse si potrebbe pensare anche qualcosa che sia di ausilio olfattivo, magari inventi un metodo, ci avevi pensato?)
            ;)
            complimentissimi e grazie per quello che fai

            1 utente ha ringraziato l'autore per questo post.
            ela
            #274081

            ela
            Moderatore
            • Località: Pavia
            • Genere: Femmina
              • @ela

              L’olfatto al momento è parte del problema… nel senso che non lo usa o meglio sta imparando adesso ad usarlo. I bocconcini che di solito evito mi avrebbero fatto comodo, ma non c’è verso per ora di fargli assaggiare nulla che non sia la sua pappa (che non voglio usare come premio). Piccoli passi… in una decina di giorni è riuscito ad orientarsi per casa e in giardino (tranne scendere i gradini) e quelli che sembravano gravi disturbi neurologici (camminava in cerchio strisciando le zampe posteriori ed urlava in continuazione) si sono rivelati risposte a fortissimo stress a causa della cattiva gestione precedente.
              Con pochissimi accorgimenti ora corre ed ha smesso di urlare. Ha piccoli “attacchi di panico” residui, ma niente a che vedere.

              2 utenti hanno ringraziato l'autore per questo post.
              #274264

              ela
              Moderatore
              • Località: Pavia
              • Genere: Femmina
                • @ela

                Problema olfatto risolto seminando ore pasti metà delle sue crocche in giro per la stanza (e non nella ciotola). In pochi giorni si è organizzato ed ha dovuto iniziare a sniffare con un obiettivo preciso. Siccome inizialmente ci metteva una vita a trovarle e ci giocava, dopo un po’ ho aggiunto la difficoltà di sguinzagliare Dana nella stanza dopo 10 minuti circa. Sono una brutta persona… ma lui adesso quando mi cerca alza il sederotto e mi trova, senza urlare come un invasato. Il fenomeno fa pure le scale :rotfl:

                2 utenti hanno ringraziato l'autore per questo post.
              Stai vedendo 6 articoli - dal 16 a 21 (di 21 totali)

              Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.

                Ultime Discussioni