Criteri per valutare la qualità delle crocchette per cani / pet-food

Forum Gestione del cane Alimentazione industriale Criteri per valutare la qualità delle crocchette per cani / pet-food

  • Questo topic ha 440 risposte, 40 partecipanti ed è stato aggiornato l'ultima volta 6 giorni, 7 ore fa da Admin.
Stai visualizzando 15 post - dal 1 a 15 (di 441 totali)
  • Autore
    Post
  • #33027
    Daniele
    Utente
      • @messico

      Faro’ una piccola premessa: a mio parere, piu’ che la singola etichetta e’ giusto mettere in luce alcune linee guida. Per me sono le seguenti:
      – no al glutine di mais
      – no all’olio di colza
      – se non e’ un cane dedito al duro lavoro, non superare il 27% di proteine per un cane di taglia medio-grande
      – contenuto di mais inferiore rispetto alla somma delle carni animali.
      – cibo preferibilmente italiano
      – ultima: evitare di cambiare alimentazione ad un cane senza un motivp preciso (soprattutto nei cani “sensibili”)

      Per un cane adulto un po’ sedentario userei Dogbauer Fish and Rice e per un cane un po’ piu’ attivo Monge Medium Adult.
      Nello specifico:

      **************** Dogbauer Fish and Rice********************
      COMPOSIZIONE
      pesce disidratato (min 30%), mais, riso (min 15%), frumento integrale, oli e grassi stabilizzati, polpa di barbabietola, polpa di cicoria ( fonte di fruttoligosaccaridi), olio di pesce (fonte di acidi grassi Omega 3), sostanze minerali.

      SENZA CONSERVANTI E COLORANTI AGGIUNTI, SENZA BHT, BHA NE’ TOSSICHINA

      COMPONENTI ANALITICI
      proteina grezza 25%, oli e grassi grezzi 10%, fibra grezza 3%, ceneri grezze 8,5%

      **************** Monge Medium adult (superpremium) ********************

      COMPOSIZIONE – Carne di pollo ( fresca min. 10% e disidratata min. 26%), riso (min.
      26%), mais, polpe di barbabietola, olio di pollo, lievito di birra, farina d’aringhe, olio
      di pesce, Yucca Schidigera, cistina, alghe marine, F.O.S. (Frutto-oligosaccaridi) 360
      mg/kg., M.O.S. (Mannano-oligosaccaridi) 360 mg/kg.

      COMPONENTI ANALITICI – Proteina grezza 26% – oli e grassi grezzi 12,5% – fibre
      grezze 2,5% – cenere grezza 6,5% – Calcio 1,65% – Fosforo 1,12% – acido linoleico
      3% – Omega 6 2,42% – Omega 3 0,48%

      Questa e’ a mia idea e si tratta di prodotti italiani sui 3euro/Kg.

      #33028
      titty59
      Utente
        • @titty59

        Personalmente per i miei pelosi sto usando Acana ,a parte il gatto che va matto per le crocche della Royal per cani ,il che per quanto se ne voglia…. è tutto dire.Partendo dalla lettura dell’etichetta, possiamo fare tutte le valutazioni che vogliamo;vera ,non vera ,la qualità ? Come cercare di capire …il valore di quello che stiamo somministrando? A noi acquirenti è data sola la possibilità di valutare la risposta che l’alimento ha sull’accrescimento e il benessere dei nostri pelosi,ma …..personalmente ,parto dalla lettura dell’etichetta (sono sicuro che molti sanno leggere ,ma non capire alcune sfumature degli ingredienti !PS parlo della massa !)e sono sicuro che comunque i controlli oltralpe sono piu’ ……..dei nostri.
        Ciao

        #33032
        Daniele
        Utente
          • @messico

          dell’etichetta, possiamo fare tutte le valutazioni che vogliamo;vera ,non vera ,la qualità ? Come cercare di capire …il valore di quello che stiamo somministrando?

          Un valore innegabilmente piu’ elevato non e’ necessariamente una dieta migliore. Orijen e Acana dovrebbero essere scelti con delle accortezze. Innanzitutto chiedersi il perche’ si sceglie un prodotto cosi’ pesante e se i vantaggi di cui si usufruisce oggi non peseranno sul nostro animale tra qualche anno.

          Non nego che modulare la quantita’ di proteine di un prodotto come Orijen con riso e patate sia un’ottima scelta, ma troppo onerosa.

          #33033
          peter-parker
          Utente
            • @peter-parker

            sono sicuro che comunque i controlli oltralpe sono piu’ ……..dei nostri.
            Ciao

            Io invece sono convinto che tutto il mondo è paese…

            Sono sicuro che i francesi siano rigorosissimi nei controlli delle importazioni ma se dovessero scoprire una “magagna” interna magari sul vino o sul formaggio che fatturano miliardi in export) agirebbero con mooolta discrezione per non vedere intaccata la loro grandeur e sopratutto il saldo dell’export!

            Lo facessimo noi si direbbe: ecco, i soliti Italiani.

            #33034
            Daniele
            Utente
              • @messico

              Io invece sono convinto che tutto il mondo è paese…

              Sono sicuro che i francesi siano rigorosissimi nei controlli delle importazioni ma se dovessero scoprire una “magagna” interna magari sul vino o sul formaggio che fatturano miliardi in export) agirebbero con mooolta discrezione per non vedere intaccata la loro grandeur e sopratutto il saldo dell’export!

              Condivido pienamente.

              In ogni caso se ci fosse un problema nella filiera e un richiamo di lotti “non conformi” o altro in Canada non so se qui’ si verrebbe a sapere. Non credo che zooplus.uk ti scriva di rimandargli la merce :)

              #33035
              Anonimo

                messico, le tue ultime affermazioni le condivido; ma procediamo con ordine;
                i criteri che fissi:

                no al glutine di mais
                – no all’olio di colza
                – se non e’ un cane dedito al duro lavoro, non superare il 27% di proteine per un cane di taglia medio-grande
                – contenuto di mais inferiore rispetto alla somma delle carni animali.
                – cibo preferibilmente italiano
                – ultima: evitare di cambiare alimentazione ad un cane senza un motivp preciso (soprattutto nei cani “sensibili”)

                no all’olio di colza non va bene; soprattutto se con questo intendi l’olio di canola e se questo come nel regal è al 20° posto; per approfondire

                il problema è l’acido erucico contenuto nell’olio di colza;questo si ricava dalla barbabietola, ne esistono vari tipi (4 o 5 se non ricordo male, con differenti concentrazioni di acido erucico) mentre l’olio di canola si ricava da un tubero differente e praticamente non contiene acido erucico (0,2%) mentre è ricchissimo di omega 3 e povero di grassi saturi.
                Da un’occhiata ad es. a questo sito per fartene un’idea un pò più chiara:

                http://www.my-personaltrainer.it/nutrizione/olio-di-colza.html

                il problema è nato dal sito di Albanesi che ha espresso dei dubbi sulla salute di questo olio che è comunemente impiegato nella nostra cucina e rappresenta un’importante fonte alimentare…

                criterio 2:

                – se non e’ un cane dedito al duro lavoro, non superare il 27% di proteine per un cane di taglia medio-grande

                io direi il 28%. sei d’accordo ?

                criterio 3:

                contenuto di mais inferiore rispetto alla somma delle carni animali

                io direi contenuto di cereali, sei d’accordo ?!? :-)

                criterio 4:

                cibo preferibilmente italiano

                abbi pazienza ma questo lo rifiuto; la provenienza non ha importanza, importano la qualità e il prezzo. Poi a parità di questi due fattori uno si regola come meglio crede. ok ?!?

                criterio 5:

                ultima: evitare di cambiare alimentazione ad un cane senza un motivp preciso

                Questa per me è sbagliata. Intendiamoci, si consiglia di non cambiare spesso alimento, perchè alimenti molto diversi creano distrubi allo stomaco del cane (ma si intende per alimenti molto diversi, e cambi fatti bruscamente, e solo per razze come il bulldog che sono particolarmente sensibili); ma il consiglio di tutti i veterinari è, a parità di alimento (tipo supponiamo che gli dai enova) di variare periodicamente (tipo un sacco grande agnello, uno pollo etc), ovviamente impiegando almeno una settimana sia per disabituare il cane a digerire sempre le stesse quantità (e questo perchè non è naturale, pensate alla barf o a come si alimenterebbe un cane in natura, e perchè dopo anni di questa alimentazione monotona appena cambi si sente male) e sia perchè cambiando alimento (ma nella stessa marca quindi con tenori analitici praticamente simili) si danno al cane profili aminoacidi diversi; tanto che io faccio pollo,agnello e d’estate pesce… Mentre per cambi con mangimi molto diversi, bisognerebbe farli o per ragioni di salute o per cambiare prodotto in meglio ma non spesso…

                qualcun’altro ha dei criteri da suggerire ?

                io direi per un buon mangime:

                niente coloranti, conservanti artificiali ne addittivi artificaili (ammetto il propile di gallato perchè è molto usato in campo animale e perchè non vi sono studi che ne dimostrano la cangerosità)
                niente sottoprodotti di origine animale o vegetale
                ceneri sotto l’ 8%
                niente soia
                bassa percentuale di proteine vegetali
                alta percentuale di proteine animali

                per un’ottimo mangime

                1) carne certificata di uso umano (no ogm, ormoni etc ne allevamenti intensivi, ne scarti)
                2) cereali a basso indice glicemico
                3) ceneri intorno al 6/6,5%
                4) primo ingrediente carne

                #33036
                espada
                Utente
                  • @espada

                  Quello schifo così come lo chiami tu io non lo do al mio cane. Immagino che sappia leggere anche tu (se vogliamo passare alle offese posso farlo anch’io)noterai allora che io non ho parlato ne di hill’s ne di royal. Ribadisco che dopo aver letto la lista degli ingredienti(ebbene si so leggere) non vedo questa differenza abissale con Monge, Dogbauer ecc, e per tanto non spenderei una cifra superiore per un prodotto che non ritengo superiore.
                  Questo è il mio parere. Il fatto che poi si continui a ribadire che alcuni prodotti sono sicuramente migliori degli altri non mi trova e non mi troverà mai d’accordo!

                  mi sembra che la discussione si stia appassionando, magari però fraintendiamo quello che hanno scritto altri…

                  :-)

                  allora mi permetto di provare a strutturare un attimo i concetti, su cui stiamo ragionando insieme!

                  1) esistono ingredienti merceologicamente più pregiati?
                  R1) personalmente direi di SI! le carni per consumo umano disidratate sono sicuramente più pregiate delle “carni e derivati”

                  2) esistono ingredienti che – PRESI A SE’ STANTI – sono più indicati per l’alimentazione di un cane?
                  R2) personalmente anche in questo caso risponderei di SI! se il cane dovesse essere alimentato con un solo ingrediente (per assurdo) molto meglio che questo ingrediente sia di origine animale!

                  prima di andare avanti, però, faccio un inciso:

                  2bis) se dovessimo somministrare al cane un solo ingrediente, sarebbe meglio un ingrediente “puro” (es. carne fresca / disidratata) oppure un ingrediente “promiscuo” (es. carne e derivati)?
                  R2bis) io qui, onestamente, direi che è meglio dargli carne e derivati, perchè i derivati hanno un potere nutriente inferiore, ma un potere NUTRACEUTICO superiore! nelle ossa, nelle cartilagini, nelle interiora “sporche”, sappiamo che ci sono moltissimi elementi che integrano la dieta del cane e non a caso, sono elementi fondamentali delle diete a crudo (BARF, RMB, loro varianti, ecc.)

                  3) ci sono ingredienti che sarebbe in ogni caso preferibile evitare?
                  R3) su questo, onestamente, non so quanto possiamo essere assolutisti! IO soggettivamente, per esempio, non acquisterei MAI un prodotto che impieghi glutine di cereali, estratti di sintesi vegetali, legumi (anche la soia), antiossidanti BHA e BHT. Tendenzialmente preferisco evitare ad esempio Canola Oil, “grassi animali” (generico), sali di cobalto…
                  però credo che siamo nella soggettività!
                  ad esempio, anche il BHA ed il BHT, in determinate ricette, m’è stato riferito che possono essere pressochè indispensabili, altrimenti si irrancidiscono i grassi e degenerano le vitamine; infatti l’efficacia dei tocoferoli ha dei limiti (che varrebbe la pena approfondire)?

                  4) ci sono processi produttivi preferibili rispetto ad altri?
                  R4) sembrerebbe che le pressature a freddo mantengano meglio le componenti di origine animale, mentre invece la temperatura faciliterebbe l’assimilazione dei cereali. In ogni caso le elevate temperature sembra che degenerino parecchio le vitamine, quindi potremmo dire che siano da preferire le lavorazioni a freddo o a bassa temperatura?

                  penso che, invece, tutti concordiamo nel dire che non ci sono proporzioni tra i tenori analitici che possiamo stabilire “OTTIMALI” per QUALSIASI cane
                  allo stesso modo, non c’è una ricetta (composizione di ingredienti) IDEALE per tutti

                  tempo addietro avevamo già un topic aperto per questo tipo di confronto, che poi abbiamo lasciato indietro…

                  https://www.canedifamiglia.com/index.php/forum/9-alimentazione-industriale/10095-crocchette-adult-large-breed-a-confronto

                  quindi, per fare una panoramica a tutto tondo, che ne dite se ci spostiamo lì?

                  ;-)

                  #33037
                  titty59
                  Utente
                    • @titty59

                    Tutto il mondo è paese ,ma sicuramente noi siamo ..il paese ;-) Sulla pesantezza di Acana,non sono proprio in accordo ,poichè non tutti i prodotti hanno valori di proteine…diciamo fuori range europeo , e comunque alla fine le calorie insite nel sacco da qualche parte le dobbiamo tirare fuori,e credo che quelle derivate dai carboidrati siano ben di peggior natura e effetti rispetto a quelle proteiche .
                    Ciao

                    #33038
                    dino0977
                    Utente
                    • Località: Cosenza
                    • Genere: Maschio
                      • @dino0977

                      Ciao Ale’ :cheer: ! Ci siamo spiegati…nessun problema :lol: !!!

                      #33041
                      Anonimo

                        aggiungo

                        per tutti: niente BHA/BHT

                        per i migliori:

                        1) metodo di cottura particolare (a freddo o basse temperature ne abbassa le ceneri e ne migliora sensibilmente la digeribilità)

                        inoltre io terrei fuori i condeoprotettori; in alcuni cani non servono e sono stati riscontrati problemi di allergie in altri. Se li voglio, me li scelfo e li compro a parte,visto che non sono tutti uguali.

                        OK per spostare la discussione….

                        #33042
                        espada
                        Utente
                          • @espada

                          sulla percentuale di ceneri sono relativamente in disaccordo!

                          Regal ne fa un vanto, ma già in un’altra discussione Fongaro (che ultimamente è troppo impegnato per partecipare attivamente, non riesco neppure a parlarci al telefono) chiariva che è un parametro non così significativo (Fongaro oltre ad allevare Setter, è farmacista ed ha studiato pure biologia)

                          è un parametro interessante da considerare, ma non in modo talebano a mio avviso

                          ci sono prodotti che hanno percentuali significativamente superiori a Regal, ad esempio:

                          Farmina N&D Grain-Free agnello e mirtillo: 8.3%
                          Farmina N&D Low-Grain agnello e mirtillo: 8.2%
                          Enova Chicken & Rice: 7,5%
                          Orijen Regional Red: 7,5%
                          Acana Wild Prairie: 7,5%
                          Brit Care Venison & Potatoes: 8%
                          Golden Eagle Large/Giant Puppy: 8.5%
                          Prolife Newtrition Adult Mini: 8.3%
                          Winner Plus Performance: 7,5%

                          e non mi pare che stiamo parlando di prodotti di basso livello…

                          :cheer:

                          quanto al discorso “made in Italy”… caro Romeo, che ognuno scelga quello che vuole è pacifico ed ineluttabile!
                          :-)

                          ma che si raccomandi di preferire prodotti italiani lo sottoscrivo pure io come amministratore del sito (se vuoi faccio il log-in con l’altro account)

                          non è per campanilismo, ma per un sacco di ragioni, specialmente in questi tempi di crisi

                          #33043
                          Daniele
                          Utente
                            • @messico

                            Ringrazio Romeo per aver completato, spiegato e in qualche caso corretto le mie affermazioni.

                            tempo addietro avevamo già un topic aperto per questo tipo di confronto, che poi abbiamo lasciato indietro…

                            https://www.canedifamiglia.com/index.php/forum/9-alimentazione-industriale/10095-crocchette-adult-large-breed-a-confronto

                            quindi, per fare una panoramica a tutto tondo, che ne dite se ci spostiamo lì?

                            Mi permetto di fare una proposta (forse impertinente). Tempo addietro frequentavo molto un forum di elettronica e quando si arrivava ad un set di regole e osservazioni corrette e largamente condivisibili veniva fatto un nuovo thread in modo che quelle regole fossero velocemente reperibili da tutti.

                            Se partendo dalle osservazioni di Romeo e di espada, se servono anche le mie e quelle che verranno costruiamo (nel thread indicato da espada) una versione semplice e accessibile di regole condivise? Poi un moderatore o admin inizia un nuovo thread con la versione “definitiva” del tipo “alimetazione adult large breed” o magari solo un set di regole piu’ generiche che possano permettere una scelta piu’ accurata del cibo (evitando magari la lettura di 100 post).

                            Cosa ne dite?

                            #33044
                            espada
                            Utente
                              • @espada

                              non è impertinente… è che – credimi – ci proviamo a mantenere un minimo in topic le discussioni, staccando e attaccando messaggi ai thread già esistenti…
                              (permettimi un vanto: in questo forum le discussioni hanno quasi sempre un titolo e un contenuto tra loro più coerenti rispetto agli altri)

                              8-)

                              casomai proviamo a creare un nuovo topic, con i pezzi di questo e di quello, che poi manterremo in evidenza… ma non sono sicuro di riuscire ad isolarlo bene!

                              specialmente se nel frattempo si accavallano messaggi (io peraltro adesso devo lasciarvi fino alle 14 almeno)

                              poi vedo cosa riesco a fare, promesso!

                              :cheer:

                              #33045
                              Anonimo

                                @messico ed espada
                                per me è ok, prova a fare quello che puoi alex…

                                @espada
                                se mi dici così con le ceneri alzo le mani; ma come proporresti di giudicarla ? se sono basse è ok ma se sono altine non fa niente ? oppure lo togliamo proprio ?

                                (ma mi riservo una ricerca specifica sull’argomento :P )

                                i condroprotettori proporrei:
                                se ci sono ed uno ha un cane che ne necessita (nella speranza che non sia allergico) un punto a favore; altrimenti le ignoriamo perché un mangime che non li ha non va in alcun modo penalizzato a mio avviso…

                                che ne dite ?

                                altri criteri ? altre critiche ?

                                #33048
                                Daniele
                                Utente
                                  • @messico

                                  La presenza dei condroprotettori, a mio parere non rende un prodotto INACQUISTABILE, e’ semplicemente una cosa da valutare che pero’ complica un po’ troppo il discorso, io non inserirei una regola a riguardo.

                                  @Romeo
                                  Difendiamo un po’ l’occupazione e il lavoro in questa Italia, se c’e’ un prodotto italiano che mi soddisfa, lo preferisco ad uno straniero per ragioni socio-economiche che nulla hanno a che fare con i miei cuccioli :)

                                  Per non incasinare troppo torno anche io dopo le 14, vediamo se espada riesce a sintetizzare :) (lo ringrazio in anticipo).

                                Stai visualizzando 15 post - dal 1 a 15 (di 441 totali)
                                • Devi essere connesso per rispondere a questo topic.

                                  Ultime Discussioni