Convivenza tra due o più cani

Forum Gestione del cane Quotidianità Convivenza tra due o più cani

Questo argomento contiene 368 risposte, ha 67 partecipanti, ed è stato aggiornato da  sio 8 mesi, 1 settimana fa.

Stai vedendo 15 articoli - dal 31 a 45 (di 369 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #18643

    espada
    Utente
      • @espada

      io ci rivedo parecchio Eddington, ha molti problemi analoghi, anche se per fortuna non sempre si inibisce così
      :-)

      #18660

      lisa
      Utente
        • @lisa

        Grazie, tanti consigli utili e considerazioni interessanti! Effettivamente lo squilibrio proviene non solo dalla cucciola nuova – abbiamo appeno cambiato casa trasferendoci in campagna.

        Fubiano, la cucciola ha il lettino suo ma vuole stare vicino a lui. Il setter purtroppo lo posso liberare solo in determinate condizioni che non trovo tutti i giorni, lei invece non si allontana più di tanto e risponde benino al richiamo quindi lo posso fare più spesso e lo trovo importante dal punto di vista educativo.

        espada, penso che la cucciola capisce i segnali iniziali ma ci prova lo stesso. Lo sclerare funziona, ma per lui è comunque uno stress. Poi non è detto che questo stress invece non gli fa bene.

        in generale comunque, avendo già un cane poco vitale, credo che se vogliamo il suo bene dovremmo mettergliene vicino uno MENO vitale di lui, così eviteremo che lo stressi… e magari anzi aumenterà la sua autostima, sentendosi più “sveglio” dell’altro

        Uffa, ma che tristezza però, una casa di riposo per i cani inibiti. Io voglio giocare con la pallina :lol: !

        A parte scherzi, ho paura che il cane poco vitale adibito a guardia/difesa o non funziona oppure può diventare pericolosissimo in mani inesperti (come tutti i flemmatici bipedi e quadrupedi di questo mondo). Probabilmente sbaglio. Poi sì, è vero che la cucciola lo stressa, ma penso che li può donare anche parecchia energia (un po’ lo fa già).

        PS: Sai, anche io ho pensato più volte al roscio quando leggevo i tuoi post su Eddington e mi interessava molta la tua esperienza. C’è qualche tema dove posso leggere un po’ di più sula sua storia?

        #18661

        espada
        Utente
          • @espada

          ora sono col cellulare… e la storia é lunga e complessa, ti racconto tutto di Eddington il 27, prometto!
          ti anticipo solo che in canile si stava lasciando morire di fame e anche adesso quando é di cattivo umore non mangia!

          capisco il discorso sul cane da difesa flemmatico… certo, uno Schnauzer sarebbe patologico!
          se proprio avessi bisogno di un guardiano, avrei pensato piuttosto a qualcosa come una Bullmastiff anzianotta, magari non apatica!

          quando avevamo deciso di adottare Kilwinning, facevamo venire spesso a casa nostra una cucciola di Bulldog, che adorava Eddington… lui però non era entusiasta delle sue continue attenzioni…

          Kilwinning é arrivata già adulta, traumatizzata da chissà quante cattiverie subite… all’inizio andava d’accordo e giocava con tutti i cani, poi é venuto fuori un carattere abbastanza antipatico, per cui ora Eddington é l’unico cane con cui si approccia giocosamente (a modo suo però)… sfortunatamente, lui non ha più voglia di giocare, tanto meno con lei che pesa quanto lui, rimbalza come una trottola e lo assalta abbaiandogli nelle orecchie…
          lui prima giocava volentieri con cani che si facessero inseguire… non é stato mai disposto a farsi inseguire lui!

          #18726

          lisa
          Utente
            • @lisa

            espada, thanks, aspetto il 27 :-) .

            #18831

            espada
            Utente
              • @espada

              eccoci… partiamo dall’inizio allora!
              :-)

              questo era l’annuncio a cui abbiamo risposto:
              http://www.angelinellombra.com/dan-cane-corso-molto-magro.html

              ma forse sarebbe meglio partire da prima ancora, dalle informazioni talmente sbagliate che non so se inGaSSarmi o ridere…

              http://www.clinicaveterinaria.org/public/permalink.php?topic=39447

              oltre al fatto che non aveva affatto quei problemi… non era nemmeno castrato!
              questo per dire come fanno gli annunci certi volontari.

              ma vabbeh, veniamo a noi.

              appena uscito dal canile, Eddington (che aveva ben più di 3-4 anni… diciamo il doppio almeno) era talmente depresso che urinava stando in piedi, portava sempre le orecchie indietro e quel pezzetto di coda basso.
              con gli altri cani era effettivamente indifferente, ma non certo bendisposto.
              tant’è vero che poi dopo qualche settimana ha cominciato, in passeggiata, a puntare qualunque cane di qualunque sesso e taglia, per “pinzarlo”.

              noi eravamo alla prima esperienza con i cani, ci siamo armati di pazienza e determinazione, siamo andati a lezione da un’educatrice, abbiamo studiato per conto nostro, siamo riusciti a fargli capire che gli altri cani non gli volevano fare del male, dopo circa 6 mesi riusciva a stare in qualsiasi contesto senza però interagire con gli altri cani.

              ————

              a un certo punto s’è sbloccato frequentando un gruppo di persone con cani di taglia piccola e giovane età, che si inseguivano velocissimi tra di loro… è successo come un miracolo: seppur con il suo passo, ha cominciato a giocare con loro, provava a inseguirli ed atterrarli, ma senza mai cercare di far loro del male, anzi se arrivava qualche altro cane di taglia grande li “proteggeva” come fossero suoi.

              nei mesi successivi, ogni volta che vedeva un nuovo cane voleva conoscerlo e giocarci insieme, eravamo felicissimi di poterlo portare ovunque e superare le resistenze dei proprietari di cani che avevano paura per la sua stazza e di quelli che avevano il “maschio dominante che non va d’accordo con gli altri maschi”.

              poi pian piano questo entusiasmo è venuto meno, il suo interesse si è limitato ai cuccioli (che lui adorava leccare come se fossero suoi) ed a pochi altri cani, che evidentemente emanavano un qualche “odore” positivo, particolarmente gioviale.
              con gli altri, gradualmente, stava tornando verso l’indifferenza.

              #18834

              espada
              Utente
                • @espada

                quando abbiamo visto l’appello per quella che poi sarebbe diventata Kilwinning (i volontari l’avevano chiamata Eraclea) stavamo pensando di adottare una cucciolona di Jack Russell con cui Angelica aveva fatto il corso “Dog Partnership” al canile di Novara, con Angela Stockdale.

                siccome però, vista la taglia e l’età, eravamo sicuri che avrebbe trovato subito casa (infatti è successo dopo un paio di giorni), c’eravamo orientati su questa patatona, che aveva un’espressione stranamente fiduciosa in una foto

                e lasciarla lì ci sembrava come abbandonare per la seconda volta Eddington.

                la volontaria che si prendeva cura di lei (Maya, la moderatrice della sezione “salute” di questo forum) diceva che era piuttosto indifferente anche lei con gli altri cani; ciò da un lato ci tranquillizzava al pensiero che non avrebbe stressato il povero ciccio, come invece avrebbe fatto una cucciola di Jack Russell!
                :huh:

                Eddy è stato fondamentale per l’inserimento di Winny e lei infatti gli vuole un gran bene, non gli farebbe mai del male… ma pretenderebbe di avere un po’ di attenzione, di giocarci insieme all’inseguimento!

                invece, non si sa se per gelosia o se per “antipatia a pelle”, Eddington con lei proprio non ci vuole giocare.

                da notare che – benchè adulta pure lei e molosso di taglia grande pure lei, quindi con ritmi di vita che dovrebbero essere più vicini – Kilwinning ha molte più energie di Eddington, anche in virtù di uno stato di salute migliore.

                per alcuni mesi, però, il solo fatto di portarli insieme in area-cani, significava che Eddington se ne andasse per fatti suoi in un angolo e mostrasse espressioni di disagio (cosa che è accaduta pure domenica mattina, lo dico per chi c’era… ma in questo caso il disagio era dovuto allo scoppio di petardi), rinunciando completamente a interagire con altri cani.
                ovviamente con Kilwinning dovevamo invece stare attenti che non si azzuffasse, visto che con quelli che non conosce si avvicina sempre in modo prepotente.

                Attachments:
                #18835

                espada
                Utente
                  • @espada

                  in conclusione: se hai un cane che, andando avanti con gli anni, sta cominciando a ritirarsi ed a mostrarsi apatico, a mio avviso mettendogliene vicino uno troppo vitale, lo chiudi ancora di più.

                  l’eccessivo dinamismo di un cucciolo e/o di un cane che comunque ha tanta energia da sfogare, mettono sotto stress il cane più anziano che invece vorrebbe stare tranquillo, poter interagire in modo rilassato, serenamente.
                  addirittura secondo me può sentirsi minacciato, dalla superiore vigoria fisica dell’altro…

                  Eddington ha sicuramente grossi problemi fisici, che lo rendono ogni giorno che passa meno bendisposto a interagire con altri cani, che necessariamente possono muoversi meglio di lui.

                  se l’obiettivo è SOLO quello di trovare compagnia per un cane che deve passare diverse ore in casa da solo, o che non ha occasione di relazionarsi con altri in area-cani, ecc. e che sta invecchiando, secondo me è meglio sconvolgere il meno possibile l’equilibrio che si è costituito (ricordiamoci che i cani sono molto ABITUDINARI).

                  trovarsi ad essere “il più forte” in casa può accrescere la sua autostima e di conseguenza serenità ed ottimismo, può portarlo addirittura a tirar fuori doti che aveva assopite, sentendosi responsabilizzato della guida di qualcuno…

                  al contrario, sentendosi scavalcato e magari sopraffatto da un altro nuovo cane, credo possa avere più effetti depressivi che stimolanti.

                  ovviamente se sei interessata ad approfondire insieme qualcosa in particolare, molto volentieri…

                  (e sicuramente Angelica rappresenterà gli stessi passaggi in modo diverso) :cheer:

                  #18914

                  lisa
                  Utente
                    • @lisa

                    Grazie espada, molto interessante e utile. Ci sono parecchie cose in comune con il cane nostro, ma anche tante diverse.

                    Il mio non l’ ho preso al canile, l’ ho trovato direttamente. Per spiegare in che stato era dico solo che ho messo tre settimane per poterlo semplicemente toccare – ti gironzolava intorno sui posteriori piegati, scodinzolava… ma appena tentavi un passetto verso di lui faceva un balzo indietro. Aveva terrore del bastone e dei piedi, paura della mano stesa, del guinzaglio, di rumori, di movimenti improvvisi, di spazi ristretti… un bel bouquet insomma. E appena ha cominciato a ricuperare un po’ c’è stata la sua sparizione per un anno e mezzo e il drammatico ritorno di un cane forse un po’ più socializzato ma profondamente depresso. Adesso sta molto meglio, ha ricuperato tantissimo ma non sarà mai un cane “normale”.

                    Penso che per prendere un cane che a casa sia meno forte di lui posso giusto comprarmi un peluche :lol: (fuori poi e un po’ un’ altra storia e un’ altro cane, diventa molto più attivo). Con altri cani lui socializza poco. E non ha mai giocato con altri cani, non sa nemmeno come si fa, si perde. Il suo modo di approcciarsi è molto serio : “io ho fatto la pipì, adesso tocca a te”. Non sopporta più di uno (massimo due) cani vicino a lui. E non abbaia mai, giusto quando dorme. Prima abbaiava almeno altri cani, ma una volta la sua istruttrice adorata li disse NO… e non l’ ha più fatto.

                    Invece con l’ arrivo della cucciola ha ripreso di abbaiare altri cani, e anche quando lei non c’è. Come se fuori si sentissi più forte. Io non sono tanto sicura poi che per un cane psicologicamente un po’ deboluccio farebbe necessariamente bene “fare da guida” ad un altro cane, mentre una forte presenza che qualche volta “decide per lui” potrebbe anche giovare, liberarlo dalle responsabilità non adatti al suo carattere. Non lo so.

                    Altro ieri li stavo dando un bastoncino masticabile, ha già aperto la bocca per prenderlo. Nel frattempo mio marito ha detto NO alla cucciola che al suo solito combinava qualche guaio… e lui al improvviso si è ritirato ed è diventato piccolo piccolo… Ho avuto la conferma che la metà dei problemi dipende dal nostro comportamento.

                    Adesso stiamo cercando di stare più attenti a questo e le cose pare che vadano un po’ meglio. A casa si stanno Uno dei grossi problemi è la passeggiata – lui al suo solito scappa lontano e lei diventa matta a cercarlo. Quando torna lei lo assale di “carezze” e lui cerca di stare in disparte. Lei e poco gestibile perché cerca lui… pensiamo che è preferibile portarli separatamente… poveri noi :lol: !

                    PS: I cani nel video sono veramente buffi (nel senso carino), fanno una tenerezza immensa :-).

                    #18920

                    espada
                    Utente
                      • @espada

                      anche questo é uguale: se sente dire NO anche non rivolto a lui, Eddington si inibisce.
                      per questo a Winny diciamo BASTA così lui non ci bada.
                      devono avergli associato il NO alle percosse, poverino.

                      mi racconti qualcosa di più dell’anno e mezzo in cui era scomparso?

                      #18922

                      angelica
                      Admin
                        • @angelica

                        Ma povero piccolo setter!! Non avevo capito che lui fosse insicuro a questo punto! Avete mai pensato di fare con lui qualche attività di ricerca o similari? Lo aiuterebbe tantissimo a trovare autostima, approfondire ne molto il rapporto con voi e vi insegnerebbe alcuni espedienti per gestire per erte sue difficoltà!
                        Poi torno a dire, il no secco e ad alta voce non è fondamentale per l’educazione della cucciola, ci vorrà un po’ più di pazienza ma si possono comunque ottenere ottimi risultati con il solo rinforzo positivo! ;)

                        #18923

                        espada
                        Utente
                          • @espada

                          altre informazioni su Eddington: quando era in canile si stava lasciando morire di fame, era uno scheletro col testone… ma pure dopo, ha fatto spesso digiuno quando é offeso o a disagio.
                          vuole che stiamo con lui mentre mangia.

                          i primi tempi che lo portavamo da mia zia (che ha una femmina di Pastore Maremmano) lui sembrava mangiare con più appetito per “timore della competizione” (che lei si mangiasse anche le sue) e pure quando abbiamo adottato Kilwinning é stato lo stesso, ma dopo poco tempo ha ricominciato ugualmente a fare ogni tanto i digiuni di protesta.

                          diamo loro da mangiare contemporaneamente ma in due stanze diverse.
                          Winny é velocissima e appena finisce viene subito fuori dalla porta di Eddy così quando anche lui ha finito, lei si lecca la sua ciotola (che rimane unta perché a lui mischiamo le crocchette con un cucchiaio di paté)

                          #18929

                          Andrea
                          Utente
                          • Località: Roma
                          • Genere: Maschio
                            • @bravoalfa

                            Mi sono letto tutta la storia di faccione Eddington, adoro quel testone :kiss:, concordo con quanto detto da Alessio, andava scelto un cane dal temperamento diverso, anche non cucciolo, magari facendoli incontrare prima. Comunque ora la “piccola” c’è, sei tu che devi gestire i loro rapporti, come dice Alessio sei l’ago della bilancia, l’alfa interviene per riportare equilibrio all’interno del branco. :-)

                            #18930

                            lisa
                            Utente
                              • @lisa

                              diamo loro da mangiare contemporaneamente ma in due stanze diverse. Winny é velocissima e appena finisce viene subito fuori dalla porta di Eddy così quando anche lui ha finito, lei si lecca la sua ciotola (che rimane unta perché a lui mischiamo le crocchette con un cucchiaio di paté)

                              Facciamo uguale anche noi, e anche lei corre e lecca la ciotola di lui. Qualche volta la gratta pure con la zampa: “Ciotola, ciotola, dammi da mangiare, ho ancora fame!” Solo che a lui cerco di aggiungere le cose diversi – pezzetti di pollo o carne, fegatini (ci va matto) ecc. Spesso uso “sani” avanzi di casa – pezzetti di pesce al cartoccio, ricotta: li piace sentire nella ciotola odore di quello stesso cibo che abbiamo appena mangiato noi. Trovo molto comodi i piccoli wurstel di pollo e tacchino, veramente una mano santa quando non c’è nient’ altro. Basta aggiungere pochissimo per renderli il cibo appetibile, massimo un cucchiaino – una volta iniziato il pasto e preso in bocca la prima crocchetta stai sicuro che piano piano finisce tutto e chiede dell’ altro! Ma se li metto sempre la stessa cosa si stufa.

                              Abbiamo provato con lui la agility, non è male, ma correre libero nel bosco, grande parco o lungo il mare li piace molto ma molto di più. E allora facciamo questo. Non posso fare la caccia (Non ho niente contro alla caccia FATTA BENE, anzi, credo che sia una prerogativa di solo veri amanti della natura. Ma non fa per me). La storia della ricerca invece ci potrebbe interessare, che cosa è?

                              A breve racconto senz’ altro come è sparito (poco da raccontare su di lui in realtà – non c’ era :lol:, posso raccontare solo come l’ ho vissuto io).

                              #18977

                              lisa
                              Utente
                                • @lisa

                                Allora, come era scomparso il setter.

                                Al epoca viveva nel maneggio dove lavoravo (e dove è venuto inizialmente appunto). Ero qualche giorno fuori per un corso. E’ sparito durante la notte probabilmente passando dal buco della rete (proprietario del maneggio non ha mai nutrito particolare affetto per i cani, sopratutto non della sua proprietà, quindi ipotesi in realtà potevano essere tante, anche estremamente pessimistiche).

                                E poi niente… tre mila annunci attaccati nel raggio di 20 chilometri, infiniti giri tutti uguali nella zona in macchina e a piedi, interrogazione del vicinato ecc. Al inizio mi chiamavano a tutte le ore di giorno e di notte: allora molli tutto, prendi la macchina e parti… per trovare un boxer tigrato o un piccolo meticcio bianco. Unica vaga speranza che avevo è che forse qualcuno lo ha trovato e lo ha tenuto per sé nonostante il microchip e la medaglietta. E per un anno e mezzo non ho mai smesso di fare regolarmente le ricerche su internet.

                                E poi mi hanno chiamato, una chiamata completamente diversa. Niente “Altro ieri al ora della siesta sotto il terzo pino della stradina che passa tra la pizzeria e il benzinaio ho visto un cane che aveva la coda proprio come quello della foto sul annuncio!” Bensì, molto inciso – “Un cane si è accasato da me, porta questo numero sulla medaglietta”. Ho capito che è veramente lui. Il tizio lo ha già legato e lo teneva legato fino al mio arrivo.

                                Era lui. Seduto, curvato in modo che il muso toccava la coda. Non capiva ne percepiva niente. Lo abbiamo messo in bagagliaio, ha guardato intorno… e si ha messo a scodinzolare. A casa mio marito lo ha portato in braccio – non voleva entrare nel portone. Non vi dico ascensore! Ma si è abituato molto velocemente. E non ha mai tentato di fare pipì in casa. Anzi, la prima pipì ha fatto dopo più di un giorno e la ha fatto in piedi.

                                Adesso io dico – tu prendi il cane che non è tuo. Sei un ladro e mascalzone, ma posso pure capire – magari te ne sei innamorato. Ma che dopo un anno e mezzo ti stufi e butti via la creatura oramai abituata a te – questo è veramente troppo! Meno male che hai almeno avuto il cuore di rimetterli la sua medaglietta in modo che il cane aveva un chance di ritrovare il vecchio padrone!

                                #19195

                                Anonimo

                                  E per fortuna l’avete ritrovato. Purtroppo non e’ cosi’ per moltissimi altri cani.

                                Stai vedendo 15 articoli - dal 31 a 45 (di 369 totali)

                                Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.

                                  Ultime Discussioni