Condroprotettori e antinfiammatori naturali per cani con patologie ortopediche e neurologiche

Forum Gestione del cane Problemi di Salute Condroprotettori e antinfiammatori naturali per cani con patologie ortopediche e neurologiche

Stai visualizzando 15 post - dal 976 a 990 (di 991 totali)
  • Autore
    Post
  • #280583
    Admin
    Admin
    • Genere: Maschio
      • @admin

      Non ricordo se il Bosart indica la sua posologia, né ho mai considerato prescrittive le indicazioni degli integratori alimentari, mi baso su quello che ho fatto per qualche anno :handshake:

      #280597
      Pat
      Utente
      • Località: Rimini
      • Genere: Maschio
        • @patrick92

        Ragazzi e ragazze l Aniforte collamove lo avete mai sentito? Guardando in giro ha solo recensioni positive e hanno un mantenimento diciamo e una linea di attacco da quel che ho capito

        #280641
        ioequei3
        Moderatore
          • @ioequei2

          Mi consigliate un integratore da dare a Scott? 9 anni ad aprile, lastrato e pulito ma da un mesetto la sera dopo che è stato sdraiato un po’ all’inizio arranca , poi tutto rientra e la mattina è come nuovo, nessun problema di corsa o altro , anzi lavora ancora sulla pecore con una resistenza di tutto rispetto :love: . Sicuro sarà l’età che avanza, dopotutto comincio ad avere gli stessi problemi pure io :rotfl:

          #280642
          ela
          Moderatore
          • Località: Pavia
          • Genere: Femmina
            • @ela

            Io -per i non neurologici- son tornata al Cosequin Ultra e con alcuni sto provando ad aggiungere anche golden paste 3 volte a settimana.

            #280643
            ioequei3
            Moderatore
              • @ioequei2

              Grazie Ela, sai darmi più o meno un’indicazione delle dosi o sono indicate sulla confezione?

              Edit: altra robina economica ^_^ Tra integratori e menate varie per le unghie già mi costa una fucilata, cane fallato… :rolleyes:

              #280645
              ela
              Moderatore
              • Località: Pavia
              • Genere: Femmina
                • @ela

                Non parliamo di costi e fucilate :bash:
                C’è scritto tutto sulla confezione, dose iniziale e dose di mantenimento ma poi ti regoli tu a seconda di come risponde il cane. Il tuo potrebbe fare dei cicli senza dover prolungare granchè.
                Io mi regolo sui nani, per cui ho preso il cosequin per cani veri e divido la dose. Le 80 compresse per cani sopra i 25 kg le ho prese a 59 euro su centrovete, mi sono arrivate da poco e scadono nel 2024.

                Altrimenti c’è il Bosart che costa una sciocchezza, online l’ho visto a 11 euro le 60 compresse, e ha la boswellia che ho spesso trovato utile. Però il Veg io non l’ho mai usato e non ti so dire che è uguale a quello di prima. Magari vale la pena provare.

                #280646
                ioequei3
                Moderatore
                  • @ioequei2

                  Grazie ela :love:

                  #280987
                  Merlino
                  Moderatore
                    • @merlino

                    scrivo dell’uso della menbrana d’uovo che ultimamente si sta facendo nell’integrazione con i condroprotettori, incuriosito dal cambio di formula del condrostress.
                    Partiamo dal fatto che il condrostress è sempre stato un eccellente condroprotettore, con glucosamina e condroitina di qualità e la quercetina che è un eccellente antiossidante. Ultimamente la formula è stara stravolta, adesso contiene:

                    Vecchia formula:
                    Componenti Condroitin solfato (come NSCS 5/20) 100 mg/cpr; glucosamina (come Glupamid) 200 mg/cpr; quercetina 75 mg/cpr fonte:

                    Nuova formula: Principio funzionale Quantità Funzione
                    Membrana d’uovo (Ovopet®)* 130 mg/cpr Supporta il metabolismo cartilagineo
                    Acidi grassi omega-3 (EPA e DHA) 48 mg/cpr Supportano l’equilibrio sinoviale
                    Vitamina E 51 mg/cpr Neutralizza i radicali liberi (antiossidante)

                    salta agli occhi l’assenza dei condroprotettori e della preziosa quercetina oltre a tante sostanze utili presenti in altre formulazioni analoghe (acido ialuronico, boswellia, msm etc etc) nonchè la bassa quantità di vitamina E e omega 3.
                    ho scritto alla innovet chiedendo spiegazioni su come un 10% di membrana d’uovo possa sostituire tutto questo e su quali studi avessero effettuato; prima mi hanno risposto in maniera generica ignorando la mia domanda, poi su mia sollecitazione, hanno passato la mia mail (credo ad una responsabile) che mi ha risposto dicendo che la membrana d’uovo garantisce un ventaglio esclusivo e differenziato di sostanze che riequilibrano il metabolismo della cartilagine. Dunque, non solo glucosamina e condroitinsolfato, ma anche collagene e aminoacidi solforati (metionina e cisteina), che nel complesso rispondono in modo ottimale alle importanti esigenze di supporto cartilagineo di un soggetto anziano.
                    Unitamente ad acidi grassi omega-3 e vitamina E (che sostituisce in modo egregio la quercetina in funzione della sua nota e importante attività antiossidante), il prodotto è particolarmente utile per quelle forme di osteoartrite cronica a cui molte volte il cane anziano si è adattato

                    Per quello che riguarda la mia richiesta di studi e di chiarimenti di come un 10% di membrana d’uovo possa sostituire le sostanze della precedente formula mi hanno elegantemente risposto:

                    Solitamente la letteratura scientifica e, dunque, gli studi che supportano i nostri prodotti sono oggetto di discussione diretta con i medici veterinari. Motivo per cui saremo ben lieti di confrontarci con il suo veterinario curante, anche fornendogli tutte le referenze che dimostrano gli effetti dei nostri principi funzionali nell’ambito della tutela della salute articolare del cane di qualsiasi età e condizione articolare.

                    ora, facciamo un pò di chiarezza:

                    si è scoperto che la mebrana all’interno dell’uovo è ricca di queste componenti e che il loro bilanciamento ne massimizza l’efficacia ed in effetti su cani e gatti si è riuscito ad ottenere una diminuzione del dolore ed un miglioramento generale a livello articolare
                    In particolare copio da internet:

                    *ACIDO IALURONICO (4%)* GLUCOSAMINA (2%) *CONDROITIN SOLFATO (2%) *CHERATINA (1%) *LISOZIMA (1%)

                    A questi componenti maggiori si aggiungono oltre 500 altri costituenti minori (es. elastina, desmosina, fattore di crescita beta, aminoacidi solforati ed altri) che contribuiscono a potenziare l’effetto complessivo.

                    Collagene: il collagene presente nella membrana d’uovo è principalmente collagene di tipo I, ovvero il tipo richiesto dal sistema vascolare, pelle, tendini, legamenti, cartilagini e ossa. Viene sintetizzato durante i processi di guarigione delle lesioni. Il collagene di tipo I è più assimilabile e digeribile rispetto al tipo II, attiva la sintesi di acido ialuronico e del collagene endogeno nelle cartilagini e dove necessario.

                    Acido ialuronico: la sua presenza è fondamentale nella pelle e nelle cartilagini delle articolazioni. È una sostanza chiave nella guarigione delle lesioni cutanee e nella lubrificazione delle articolazioni.

                    Condroitin solfato: Svolge un’azione di protezione delle cartilagini, delle membrane sinoviali e delle porzioni subcondrali delle ossa, ovvero le tre strutture maggiormente danneggiate dalle artriti. Inoltre sembra in grado di contrastare alcuni fattori pro-infiammatori.

                    Glucosamina: svolge un ruolo di primo piano nel mantenimento dell’integrità delle cartilagini, attiva la sintesi del collagene , riduce la progressione dell’artrite e dei sintomi correlati.

                    Lisozima: è un enzima con azioni antibatteriche e un potente attivatore del sistema immunitario. È essenziale per riattivare il sistema immunitario dopo terapie immunosoppressive e per modularlo in caso di patologie autoimmuni (come artrite reumatoide, lupus eritematoso etc..)

                    Questi ingredienti svolgono tutti un’azione benefica a livello delle articolazioni ma diversi studi clinici hanno dimostrato che OVOMET è almeno 5 volte più efficace rispetto ai singoli ingredienti;

                    OVOMET mostra tre principali azioni benefiche:

                    antiinfiammatoria -analgesica- rigenerazione delle cartilagini

                    per cui sono nati tutta una serie di prodotti specifici che potete cercare da soli; basta cercare ‘ovopet’ che è un marchio registrato ed escono tutta una serie di prodotti (alcuni specifici come Il Collagene della linea Artromir® altri compositi con altri ingredienti come art protect della zentrum (uovo, uc II, boswellia e vit c), )…
                    in particolare è brevettato ovopet (questo lo prendo dalla +watt integratori per fitness, nello specifico producono “joint formula evo” e cita anche degli studi su esseri umani):

                    È sempre sbalorditivo come gli elementi della natura siano chimicamente così complessi da non poter essere neanche lontanamente emulati dal più complesso ed elaborato congegno ingegneristico. Gli alimenti posseggono una complessità di nutrienti enorme, di cui spesso non siamo nemmeno a conoscenza. A volte addirittura scartiamo e buttiamo via alimenti o parti di essi senza renderci conto di quanto possano essere utili per la nostra salute. Un lampante esempio può darlo l’uovo: quando da un uovo sodo togliamo il guscio, a quest’ultimo rimane unita una pellicola membranosa, che in genere buttiamo. Questa “pellicolina” in realtà sono due pellicoline (in linguaggio tecnico “membrane testacee, interna ed esterna”) che hanno una composizione chimica molto complessa: proteine fibrose come collageni (di tipo I, V e X) ed elastina, glucosammina, acido ialuronico, glicosaminoglicani (GAG), condroitina solfato, lisozima e molte altre biomolecole. E pare proprio che questo mix di nutrienti sia stato programmato dalla natura per sostenere la salute delle nostre articolazioni e dei nostri tendini! Le articolazioni e i tendini sono regioni anatomiche che danno struttura e collegano, rispettivamente, ossa tra loro e ossa con muscoli: sono perciò strutture di assoluta importanza per avere una completa e fluida mobilità del proprio corpo e cruciali per chiunque, atleti e non atleti.

                    Proprio con questo razionale è stato sviluppato Ovomet®.

                    Ovomet® è la membrana testacea d’uovo ottenuta con tecnologia brevettata che utilizza unicamente acqua per separarla dal guscio d’uovo, senza l’utilizzo di prodotti chimici e in maniera completamente ecologica. La membrana ottenuta viene liofilizzata producendo una polvere di facile assunzione in cui tutti i nutrienti originari sono concentrati.
                    Recenti evidenze scientifiche hanno dimostrato una grande serie di benefici di Ovomet®.

                    Uno studio in doppio cieco in soggetti che soffrivano di osteoartrite ha registrato una riduzione della percezione del dolore articolare statisticamente significativo rispetto al gruppo di controllo già dal terzo giorno di assunzione di 300 mg di Ovomet® (Gil-Quintana et al, J Osteopor Phys Act, 2018).

                    In soggetti sportivi (atleti di crossFit) che assumevano giornalmente Ovomet®, si è osservato invece un potere protettivo da un lato e fortificante dall’altro sulle articolazioni coinvolte nello sforzo fisico. In particolare, si è osservato un miglioramento delle variabili biomeccaniche come la forza e la potenza muscolare nell’estensione del ginocchio oltre che una riduzione della rigidità del tendine di Achille (Aguirre et al, J Trauma Treat, 2017).

                    Un ulteriore studio condotto in una clinica specializzata con diagnosi di osteoartrite in soggetti anziani (>80 anni) ha mostrato che l’assunzione giornaliera di 300 mg di Ovomet® per 50 giorni ha ridotto il dolore di oltre il 40%, migliorato la rigidità articolare del 60% ed un aumento dell’elasticità del tendine di Achille del 48% rispetto al gruppo placebo (Blasco et al Int J Clin Rheumatol, 2016).

                    Riassumendo, la vera forza e innovazione di Ovomet® è l’unione dei suoi numerosi nutrienti: le tantissime biomolecole in esso contenute permettono di sfruttare contemporaneamente le proprietà di ciascuna di loro, andando a creare una vera e propria sinergia: diversi effetti e funzioni (ad esempio, i ruoli fisiologici e biochimici della glucosammina non sono gli stessi della condroitina solfato) che convergono, sostenendo la salute delle nostre articolazioni e dei nostri tendini.

                    per chi volesse approfondire ulteriormente:

                    “Ovomet® e Ovoderm® sono due marchi registrati ottenuti rimuovendo le membrane interne del guscio d’uovo, un biomateriale composto al 95% da calcio carbonato e al 3.5% da proteine e glucosaminoglicano (GAG). ”
                    Il guscio d’uovo è un biomateriale composto al 95% da calcio carbonato e al 3.5% da materiale organico (proteine e glucosaminoglicano (GAG)). Ogni componente è coinvolta nella mineralizzazione del guscio e nella protezione dell’embrione [1].

                    Ovomet® e Ovoderm® sono due marchi registrati ottenuti rimuovendo le membrane interne del guscio d’uovo attraverso un processo brevettato e sviluppato per garantire l’integrità delle componenti della membrana stessa.

                    Poiché le articolazioni e la pelle dell’uomo sono costituite da componenti come quelle presenti nella membrana del guscio d’uovo (collagene, GAG, elastina, cisteina etc.), sono stati fatti degli studi per dimostrare l’efficacia di questo prodotto nel trattamento di problemi articolari e danni cutanei, collegati alla carenza e alla perdita di qualità delle componenti nella matrice extracellulare.

                    La perdita di elasticità e la diminuzione dei GAG globali deriva dalla degradazione di queste componenti che può essere causata da diversi fattori:

                    il glucosaminoglicano gioca un ruolo molto importante nel mantenere le articolazioni elastiche e la pelle idratata;
                    il collagene rappresenta un’altra componente interessante in quanto dalla sua qualità dipendono l’elasticità e la morbidezza della pelle.
                    Inoltre, il danneggiamento di quest’ultimo – le cui fibre compongono i tessuti connettivi, come tendini e legamenti, che garantiscono stabilità alle articolazioni – possono causare diversi sintomi che spesso si manifestano sotto forma di dolore.

                    Composizione
                    Le principali componenti quantificate in Ovomet® sono:

                    Collagene (33-38%)
                    GAG (6%)
                    Sulfur-bearing aminoacidi (10.5%)
                    In bibliografia viene inoltre indicato un 20% di elastina, 1% di lisozime e oltre 500 diverse proteine: ovocalixine, ovotransferrine, ovocliedine e ulteriori tipi di collagene.

                    Il sulfur-bearing aminoacidi hanno dimostrato di essere efficaci nel trattamento dei problemi articolari e nel miglioramento dell’elasticità della pelle [7,8].

                    Studi sull’efficacia di Ovomet® e Ovoderm®
                    Esistono numerosi studi condotti sull’efficacia di Ovomet® e Ovoderm®.

                    Uno studio condotto su persone affette da osteoartrosi ha dimostrato gli effetti della somministrazione di 300 mg di Ovomet® per 50 giorni. Basandosi sul questionario WOMAC:

                    la diminuzione del dolore è stata del 49%;
                    la riduzione dell’irrigidimento delle articolazioni del 43%;
                    l’aumento della funzionalità del 39%.
                    Uno studio simile condotto su corridori ha portato a:

                    una riduzione dell’irrigidimento articolare del 68%;
                    un aumento della funzionalità del 74%.
                    Un terzo esperimento effettuato su praticanti di crossfit descrive in 30 giorni:

                    una riduzione della rigidità articolare del 44.4%;
                    un aumento della funzionalità del 25.5%.
                    L’assunzione di 300 mg di Ovomet® per un periodo di 50 giorni da parte di pazienti più anziani (73.5 anni) affetti da osteoartrosi, coerentemente con WOMAC, ha mostrato:

                    una diminuzione del dolore del 36.6%;
                    una diminuzione della rigidità del 58.33%;
                    un miglioramento della funzionalità del 32,3% [8,9,10].

                    Ovomet®: studio sperimentale in doppio cieco sui cani

                    È stato condotto uno studio sperimentale in doppio cieco effetto placebo su dei cani con la sinovite a cui sono stati somministrati quotidianamente per 40 giorni 15 mg/kg peso corporeo di Ovomet®. Basandosi su diversi questionari si è verificata:

                    una diminuzione del dolore del 7.8%;
                    un aumento del 7.8% del perimetro muscolare;
                    un miglioramento delle funzionalità dell’anca del 15.8%.
                    La sinovite provoca gonfiore articolare dovuto all’infiammazione, che, come mostra la sonografia, dopo il trattamento ha subito una riduzione del 48.8%. Lo studio denota un miglioramento del 37.4% nei cani trattati con Ovomet® [esaminato in una ricerca dal titolo “The efficacy of Ovomet® in the treatment of hip dysplasia in dogs” di un giornale americano di veterinaria]

                    L’efficacia di Ovomet® sulla cartilagine

                    Un altro studio testimonia l’efficacia di Ovomet® sulla cartilagine. Trattando con 5mg/kg peso corporeo per 18 settimane dei topi affetti da osteoartrosi sperimentalmente indotta si è assistito, confrontandolo con il gruppo di controllo, a un miglioramento del 20% della degradazione della cartilagine.

                    Effetti di Ovoderm® sulla pelle: uno studio evidenzia i risultati

                    Uno studio ha evidenziato anche gli effetti di Ovoderm® sulla pelle. E’ stato somministrato un dosaggio di 300 mg giornalieri per 5 settimane ed è stato utilizzato il Multi dermascope MSD 800 per misurare pigmentazione e elasticità. Già dalla seconda settimana l’elasticità ha raggiunto livelli estremamente elevati raggiungendo alla fine un miglioramento del 10% [dato accettato da Dietary Supplements. Manuscript ID: 1310781 “Beneficial effect of oral supplementation with Ovoderm® on human skin physiology: Two pilot study”].

                    Gli studi mostrano un effetto antiinfiammatorio, analgesico e rigenerativo sulle articolazioni. Ci sono anche miglioramenti significativi sull’elasticità della pelle.

                    mentre questa è la biografia

                    Bibliografia
                    Marie Pauline, Labas Valérie, Brionne Aurélien, Harichaux Gr´egoire, Hennequet-Antier Christelle, Rodriguez-Navarro Alejandro B., Nys Yves, Gautron J., “Quantitative proteomics provides new insights into chicken eggshell matrix protein functions during the primary events of mineralisation and the active calcification phase”, Journal of Proteomics (2015), doi: 10.1016/j.jprot.2015.05.034
                    Calamia V., Mateos J., Fernández P., Lourido L., Rocha B., Fernández C., Montell E., Vergés J., Ruiz C., Blanco F. “A pharmacoproteomic study confirms the synergistic effect of chondroitin sulfate and glucosamine”, Scientific Reports (2014), 4:5069 DOI:10.1038/srep05069
                    Lippiello L., “Collagen Synthesis in Tenocytes, Ligament Cells and Chondrocytes Exposed to a Combination of Glucosamine HCl and Chondroitin Sulfate”. Nutraceutical Stimulation of Collagen Synthesis. eCAM 2006; 4(2)219–224
                    Clegg DO, Reda DJ, Harris CL, Klein MA, O’Dell JR, Hooper MA, et al. Glucosamine, chondroitin sulfate and the two in combination for painful knee osteoarthritis. N Engl J Med 2006; 354:795–808.
                    Eggshell membrane in the treatment of pain and stiffness from osteoarthritis of the knee: a randomized, multicenter, double-blind, placebo-controlled clinical study. Ruff KJ, Winkler A, Jackson, RW, DeVore DP, Ritz, B. 8, 2009, Clin Rheumatol, Vol. 28, pp. 907-914.
                    S. Kim., L. J. Axelrod., Howard., N. Buratovich., R. F. Waters. 2006. Efficacy of methylsulfonylmethane (MSM) in osteoarthritis pain of the knee: a pilot clinical trial. OsteoArthritis and Cartilage 14, 286-294.
                    Stephen Parcell, ND Cand. 2002. Sulfur in Human Nutrition and Applications in Medicine. Alternative Medicine Review. Volume 7, Number 1.
                    Blasco JMI et al. The Effect of Daily Administration of 300 mg of Ovomet® for Treatment of Arthritis in Elderly Patients. Int. J. Clin. Rheumatol. (2016) 11(5), 077-081.
                    Garcia-Tabaret al.International Journal of Sport Nutrition and Exercise Metabolism 2016 (26) S1-S15.
                    Garcia-Tabaret al. Archivos de Medicina del Deporte 2015; 32 (5): 314-334.

                    ora non era mia intenzione criticare il condrostress che personalmente non acquisterei per rapporto qualità/prezzo ma fare chiarezza su cosa contiene (tra l’altro in quantità molto basse, basta fare un confronto con artikrill ad es nel normale (non il dol che è più forte) epa+dha sono 5 volte la quantità del condrostress + 200 mg di glucosamina e 175 mg di condroitina + 75 mg di olio di krill e 57 mg di curcuminoidi ) e sull’ovopet.

                    per chi se lo stesse chiedendo, la quantità usata negli studi varia da circa 6 mg a 13,5 mg per libbra di peso corporeo (ricordo 1 libbra = 0,454 kg) per 6 /12 settimane. ad es:

                    https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC6044796/
                    https://www.nutritioninsight.com/news/eggshell-membrane-is-an-effective-joint-treatment-for-dogs-says-study.html

                    Infine, cito questo link scritto da un atleta e molto interessante per l’utilizzo tra noi esseri umani:

                    https://www.runnea.it/articoli/nutrizione/2016/05/membrana-guscio-duovo-arrestare-processi-5672/

                    e questo link del noto veterinario nutrizionista valerio guiggi su come utilizzare la mebrana d’uovo nell’alimentazione del cane (porre attenzione a due cose, temperatura cottura gusci (i condroprotettori si degradano a certe temperature) e tutto gli studi mostrano efficacia solo di animali affetti da patologie (no prevezione) :

                    tra i vari prodotti per cane interessante è ‘come nuovo pet’ 150mg di membrana d’uovo, artglio del diavolo, boswellia (estratto titolato al 65%) e curcuma (Estratto innovativo di Curcuma longa con un elevato contenuto di curcuminoidi (titolato >80%) e sesquiterpeni bisabolanici (titolato >15%) tenendo presente che nel lungo periodo queste sostanze possono anche generare problemi nel cane.

                    direi che è tutto.

                    4 utenti hanno ringraziato l'autore per questo post.
                    #280996
                    Admin
                    Admin
                    • Genere: Maschio
                      • @admin

                      grazie sempre, ho letto tutto d’un fiato e poi me lo rileggerò passaggio per passaggio
                      :libro:
                      sei un grande
                      :cool:

                      1 utente ha ringraziato l'autore per questo post.
                      #280998
                      ela
                      Moderatore
                      • Località: Pavia
                      • Genere: Femmina
                        • @ela

                        Mi sei mancato eh!

                        Io posso dire di aver provato quest’anno Condrostress, Cosequin, Neurgen e Flexadin Advanced. Su diversi cani, per diversi problemi.
                        Neurogen in perle è fino ad ora il prodotto che gestisce meglio i problemi neuromotori lievi e “l’abbacchiamento senile” che a casa mia è sorprendentemente raro perchè i nonni son pieni di stimoli, ma a volte si presenta.

                        Tra l’utilizzo di Condrostress e Cosequin, onestamente, non vedo differenze.

                        Flexadin Avdanced invece ha funzionato molto bene, anche sul breve periodo, credo però sia quasi tutto merito dell’alta quantità di boswellia. Ora farò una prova Cosequin + boswellia e trarrò conclusioni.

                        Ho anche ripreso una confezione di Bosart, il Veg non l’ho ancora provato ed ho l’imbarazzo della scelta. Farò raffronti pure su quello.

                        Ho visto “incidentalmente” ottimi risultati sulle articolazioni con l’olio di krill che sto usando con Lupin per i suoi problemi urinari (urikrill).

                        2 utenti hanno ringraziato l'autore per questo post.
                        #281167
                        Gio86
                        Utente
                        • Genere: Femmina
                          • @giorgiabos

                          Salve,
                          ho bisogno per favore di un consiglio. Ho letto tutto il topic e devo dire che ho avuto parecchie buone informazioni ma allo stesso tempo tanta confusione.
                          Ho un cane di 10 anni per 10,5 kg di peso, con artrosi dovuta a lussazione bilaterale della rotula e lesioni ai legamenti. Ai cambi di stagione i dolori articolari si fanno pesanti perciò ho bisogno davvero di qualche dritta.
                          Le do, sotto consiglio dei veterinari, FLEXADIN ADVANCED, ACIDI GRASSI, CONDROPHYTO TABLET, BOSWELLIA ed ARTIGLIO DEL DIAVOLO. La settimana scorsa però ha iniziato ad essere dolorante perciò le ho dato ARTIKRILL e devo dire che in 4 giorni già vedo un lieve miglioramento. Ora la domanda è questa: come posso abbinare in maniera efficiente tutti i componenti scritti sopra? Voi come li abbinereste? Che cicli consigliate? Inoltre volevo procurarmi il Bosart che da quanto ho letto sembra ottimo ma mi hanno detto che è fuori produzione e mi hanno proposto in alternativa AMEDIAL PLUS, ad uso umano, di cui vi allego componenti. Secondo voi è un buon prodotto? Ci sono tra gli ingredienti sostanze non adatte ai cani? Attendo vostri consigli…Grazie di cuore

                          Composizione di Amedial Plus

                          Per bustina (5g): Metilsulfonilmetano (MSM) 1500 mg; Glucosamina solfato 2KCl 845 mg pari a Glucosamina 500 mg; Condroitina solfato totale 500 mg; L-Carnitina fumarato 344 mg pari a L-Carnitina 200 mg; Collagene idrolizzato 300 mg; Vitamina C 80 mg. Acidificante: Acido citrico, Aroma arancia, Edulcoranti: Acesulfame K, Aspartame, Coloranti: Rosso barbabietola, Riboflavina 5′-fosfato sodico.

                          #281177
                          Admin
                          Admin
                          • Genere: Maschio
                            • @admin

                            Bosart è ancora prodotto, in formula Vegan.
                            Per quanto riguarda un approccio sinergico, che è l’ideale: alternare a cicli di un mese è la soluzione più efficace.
                            Quindi per esempio un mese Bosart e un mese Artikrill, o altre opzioni.
                            Per un cane di quella taglia, comunque, non è troppo costoso scegliere prodotti con prezzo superiore

                            1 utente ha ringraziato l'autore per questo post.
                            #281182
                            ela
                            Moderatore
                            • Località: Pavia
                            • Genere: Femmina
                              • @ela

                              Io ho già riscontri sul Bosart Veg in un paio di settimane. Cassio ha avuto problemi con il gomito lussato che con cbd non aveva da tanto, ho dato FANS per 3 giorni con scarsi risultati poi ho deciso di levarli e dare Bosart. In una settimana è migliorato sensibilmente e in circa due ha qualche problema ad ingranare dopo lungo riposo, ma poi parte come nuovo. Tra una settimana diminuisco a dose da mantenimento e vediamo… Lo sto dando anche a Yoghi e per ora nessuna zoppia intermittente. Vorrei fare cicli ma ancora non ho deciso a cosa alternarlo.

                              Cosequin non mi ha dato grosse soddisfazioni.

                              1 utente ha ringraziato l'autore per questo post.
                              #281211
                              Gio86
                              Utente
                              • Genere: Femmina
                                • @giorgiabos

                                Grazie mille,
                                proverò così allora… Cercherò di alternare bosart e artikrill e incrocio le dita.
                                Secondo voi dovrei continuare a dare anche condrophyto oppure Gelenk in concomitanza con i cicli di artikrill/bosart.
                                Francamente i prezzi non mi interessano, mi importa solo che siano prodotti validi ed efficaci.
                                Perciò se avete altri suggerimenti su un condroprotettore migliore sono ben accetti.

                                Per quanto riguarda artikrill e bosart è consigliabile una dose iniziale di carico e poi una di mantenimento?

                                #281212
                                Admin
                                Admin
                                • Genere: Maschio
                                  • @admin

                                  Se in questo momento non ha dolore, non c’è bisogno di fare un carico ;)

                                  1 utente ha ringraziato l'autore per questo post.
                                Stai visualizzando 15 post - dal 976 a 990 (di 991 totali)
                                • Devi essere connesso per rispondere a questo topic.

                                  Ultime Discussioni