Bassetthound impegnata in Pet Therapy

Forum Le diverse razze di cani Cani da caccia Bassetthound impegnata in Pet Therapy

  • Questo topic ha 13 risposte, 9 partecipanti ed è stato aggiornato l'ultima volta 6 anni, 9 mesi fa da angelica.
Stai visualizzando 14 post - dal 1 a 14 (di 14 totali)
  • Autore
    Post
  • #78761
    msdadle
    Utente
      • @msdadle

      Ciao a tutti!
      io e Ginger (la mia bassett di 5mesi e mezzo), dopo aver fatto un giro di lezioni di educazione di base, stiamo iniziando piano piano ad affrontare questa “disciplina” se così possiamo definirla… Gli educatori che ci seguono stanno iniziando a lavorare sui rumori improvvisi e su oggetti che fanno parte del mondo della disabilità e lei sta reagendo benissimo!
      Come tutti i Bassett ha un carattere dolcissimo ed è molto socievole, ma senza essere esuberante o invadente! certo, ora è ancora una cucciola, quindi non voglio “forzarla” troppo, ma vorrei comunque che sia pronta alla diversità.
      Fare pet Therapy è sempre stato il mio sogno, poichè ho sempre creduto nei benefici che ne conseguono, io sono Assistente Sociale ed in futuro spero di avere l’occasione, grazie a Ginger, di portare anche una mezz’ora di sollievo alle persone malate.
      Voi che ne pensate della Pet Therapy?
      Secondoo voi 5 mesi e mezzo sono pochi per iniziare questo percorso?

      #78766
      ellyebrando
      Utente
        • @ellyebrando

        La Pet Therapy è una cosa molto bella (che cane hai?).
        Il mio addestratore lo faceva con due meticce di media taglia e in più preparava cani per disabili, li ho visti fare cose assurde e anche emozionanti, con una delicatezza impressionante. Ci si rende conto come un cane può stravolgere, migliorare ed essere essenziale per la vita di una persona.

        Organizzavamo giornate in cui bambini con disabilità di vario tipo venivano e interagivano con i cani preparati, impressionante vedere in che modo il cane aiutava ad aprirsi, rapportarsi e intraprendere movimenti di loro spontanea iniziativa come tenere un guinzaglio o lanciare un giocattolo.

        Per quanto riguarda l’età è possibile iniziare fin dai primi mesi di vita a impostare un cane da pet therapy, ma anche i cani adulti spesso non hanno problemi se di indole adatta.

        #78837
        Admin
        Admin
        • Genere: Maschio
          • @admin

          Voi che ne pensate della Pet Therapy?
          Secondoo voi 5 mesi e mezzo sono pochi per iniziare questo percorso?

          non sono un esperto, ma per quanto posso immaginare dev’essere molto stressante a livello mentale e nervoso per il cane… poi magari dipende dal suo profilo psicologico, ma a 5 mesi può essere dura in effetti

          #78900
          lorenzab
          Utente
            • @lorenzab

            ciao,
            quello che posso dirti io è di stare molto attenta al vostro rapporto perchè se forzi la mano con numero di sedute, con manipolazioni a lei non gradite… può, con il tempo, venire meno la fiducia che ripone nei tuoi confronti. Stai attenta a tutti i suoi segnali di stress o disagio, anche impercettibili agli occhi degli altri, focalizza l’attenzione su di lei, al “paziente” ci pensa il medico, terapueta, insegnante…. tu pensa al cane, a proteggerlo se necessario… dicendo anche un “adesso basta, non ce la fa più, la seduta è tolta!!” oppure “oggi no, perchè non sta bene”.
            Non facciamola diventare uno strumento terapeutico, è un magnifico essere vivente che ci può aiutare in moltissimi campi e situazioni.
            Anche perchè, penso, che a lei, di aiutare gli altri non interessi minimamente, lo fa perchè sta con te, probabilmente gli piacerà farsi manipolare, spazzolare, fare determinati esercizi… ma del benessere di uno sconosciuto non si cura.
            Dicendo questo mi viene in mente l’articolo che ha condiviso con noi Alessio sull’educazione del cane, sul suo istinto e indole (Alessio…. hai capito quale? So che hai capito… :cheer: ).
            Casomai puoi dirci tu come vorresti che le cose andassero, cosa ti aspetti….

            #78901
            ivan898
            Utente
              • @ivan898

              ti ammiro molto e mi hai fatto anche venire un’idea straordinaria;
              la mia compagna è una professoressa; lavora e si sta specializzando nell’ambito del sostegno nelle scuole, chissà che Conan non possa aiutarla con i ragazzi che hanno disabilità ? :)

              #78902
              lori
              Moderatore
                • @lori

                E’ un’intera equipe specialistica che collabora interagendo con i ragazzi disabili… difficile che si possa lavorare nelle scuole ;-)

                #78903
                ivan898
                Utente
                  • @ivan898

                  magari chiedo, nel doposcuola si potrà fare qualcosa ? non mi smontare cosi eheh
                  comunque un piccolo aneddoto semplice ma che mi ricorderò sempre: un giorno passeggiavo con il conan in centro citta, a Genova, e c’era una bambina che piangeva disperata. io non ho dovuto fare niente per farle venire il sorriso: è bastato che accarezzasse il gigante per farle tornare un sorriso fantastico :). non dev’essere tanto difficile allora :P

                  #78908
                  lori
                  Moderatore
                    • @lori

                    Senti Ivan, la pet therapy è molto impegnativa per il cane che, tra l’altro, deve superare un esame molto approfondito prima di avere l’autorizzazione, chiamiamolo brevetto.

                    Inoltre, come ti dicevo prima, è uno staff che lavora e per tanto si prevedono dei costi adeguati, non è certo una materia scolastica.

                    #78909
                    ivan898
                    Utente
                      • @ivan898

                      Poi non vorrei dire, ma guarda chi c’è sul sito dell’associazione italiana Pet Teraphy eheh

                      http://www.pettherapyitalia.it/joomla/

                      Due cuccioli Di San B. con un bambino, un cucciolone con una signora, e sulla locandina sottostante un altro ancora :P
                      è+ un segno del destino :)

                      #78910
                      odal
                      Utente
                        • @odal

                        Non sono un grosso fan dell’utilizzo dei cani nelle terapie.. Preferisco di gran lunga l’utilizzo di animali di grossa taglia come i cavalli che pur venendo manipolati con grande vigore proprio in virtù della loro stazza non sentono le manipolazioni (e poi col cavallo subentra il fatto che una persona salendo su esso deve affidarsi al cavallo stesso e deve riporre in lui fiducia, cosa molto interessante nei casi di persone affette da sindromi dello spettro autistico).
                        Avrei paura di stressarlo troppo il mio cane.. Ma credo dipenda molto dalla indole del cane stesso

                        #78911
                        ivan898
                        Utente
                          • @ivan898

                          Senti Ivan, la pet therapy è molto impegnativa per il cane che, tra l’altro, deve superare un esame molto approfondito prima di avere l’autorizzazione, chiamiamolo brevetto.

                          Inoltre, come ti dicevo prima, è uno staff che lavora e per tanto si prevedono dei costi adeguati, non è certo una materia scolastica.

                          hai ragione, non volevo prenderla alla leggera, è solo un idea per la quale mi informerò meglio e con l’aneddoto intendevo dire come anche io sia d’accordo sul fatto che è di sicuro un attività che da risultati buonissimi.

                          Bisogna assolutamente prendere le cose sul serio, e se ce ne sarà bisogno si farà quel che si deve fare… ma non esageriamo :D

                          anzi ora li chiamo poi ti faccio sapere :-|

                          ah per precisare: io stesso ho frequentato un master nel medesimo ramo ed ho avuto rapporti frequenti con bambini e ragazzi disabili o con BES. inoltre Conan la domenica incontra uno di questi bambini (vicino di casa) rallegrandolo e dimostra un comportamento specialmente idoneo alla situazione. La sua indole è pacifica e mansueta, resistente allo stress e mai agitata verso alcun tipo di comportamento che il bambino ha. non è che sono un demente che prende un cane a caso e lo porta in un contesto che non ha mai vissuto :D Quindi se voglio fare questa cosa e la propongo a specialisti/scuole non sarai certo tu a dirmi che non posso farla, ma probabilmente loro :D

                          #78912
                          ivan898
                          Utente
                            • @ivan898

                            Non sono un grosso fan dell’utilizzo dei cani nelle terapie.. Preferisco di gran lunga l’utilizzo di animali di grossa taglia come i cavalli che pur venendo manipolati con grande vigore proprio in virtù della loro stazza non sentono le manipolazioni (e poi col cavallo subentra il fatto che una persona salendo su esso deve affidarsi al cavallo stesso e deve riporre in lui fiducia, cosa molto interessante nei casi di persone affette da sindromi dello spettro autistico).
                            Avrei paura di stressarlo troppo il mio cane.. Ma credo dipenda molto dalla indole del cane stesso

                            anche io credo dipenda molto dall’indole del cane al sopportare lo stress, ed all’atteggiamento che ha nei confronti dei bambini

                            #78945
                            mccaw
                            Moderatore
                              • @mccaw

                              Il difetto dei cavalli però è che sono animali nevrili, so che negli utlimi tempi proprio per questo motivo è aumentata l’onoterapia, quella con gli asini che sono decisamente più miti e calmi.

                              #79000
                              angelica
                              Admin
                                • @angelica

                                Anche perchè, penso, che a lei, di aiutare gli altri non interessi minimamente, lo fa perchè sta con te, probabilmente gli piacerà farsi manipolare, spazzolare, fare determinati esercizi… ma del benessere di uno sconosciuto non si cura.

                                Di questo non sono convinta… sarò anche in parte influenzata dal pensiero dei promotori dei teaching dogs, dove si presuppone che questi cani abbiano un’effettiva volontà di aiutare i propri simili a comunicare, ma anche le mie esperienze soprattutto con i cani di canile mi portano a pensare che questi animali possano effettivamente essere vicini alla persona alla quale si devono dedicare in modo spontaneo, magari non consapevole ma comunque volontario.
                                è solo una mia opinione, ma penso che la pet therapy non sia una forzatura per un cane ma possa esser vista come un lavoro per lui piacevole e appagante, anche se sicuramente molto ma molto stressante!

                              Stai visualizzando 14 post - dal 1 a 14 (di 14 totali)
                              • Devi essere connesso per rispondere a questo topic.

                                Ultime Discussioni