Prossemica: l’uso dello spazio

 

PROSSEMICA: L’USO DELLO SPAZIO

di Angelica Da Ronco (educatore cinofilo)

 

La prossemica è una scienza nata nel 1963 per studiare come un soggetto gestisce lo spazio intorno a sé e come reagisce ad esso, analizzandone le implicazioni nella comunicazione e nella gestione dei rapporti relazionali.

 

La prossemica ha un ruolo rilevante anche per l’uomo, tuttavia i primi studi in questa materia sono stati compiuti sui cani: per i nostri compagni di vita infatti, l’uso dello spazio ha un’importanza sociale elevatissima, e costituisce uno strumento di comunicazione fondamentale.

 

Leggi l’articolo completo sul sito dell’autore

 

Forum Prossemica: l’uso dello spazio

Questo argomento contiene 4 risposte, ha 3 partecipanti, ed è stato aggiornato da  angelica 3 anni, 1 mese fa.

Stai vedendo 5 articoli - dal 1 a 5 (di 5 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #204

    angelica
    Admin
      • @angelica

      La prossemica è una scienza nata nel 1963 per studiare come un soggetto gestisce lo spazio nell’ambiente in cui si trova. Angelica Da Ronco (educatore cinofilo) ci spiega perché la gestione delle distanze è importante nella psicologia canina ed è importante conoscerla per relazionarsi in modo corretto con il cane.

      [Leggi l’intero articolo presso: Prossemica: l’uso dello spazio]

      #120040

      maru90
      Utente
        • @maru90

        Ciao a tutti, ho adottato da 3 settimane una femmina, incrocio setter e le prime settimane è andato tutto benissimo, cane molto affettuoso con tutti, inserita bene anche con l’altra femmina di casa. Lunedì scorso l’ho sterilizzata e ora che si è ripresa dall’intervento sto cercando di iniziarle a farle provare qualche nuova esperienza, ieri sera ho invitato a cena due miei amici e appena entrati a casa ci ha stupito ringhiando loro. Una volta seduti ha chiesto coccole a tutti dimostrandosi affettuosa. A fine serata, prima che se ne andassero, uno dei miei amici si è trovato per caso davanti alla sua cuccia, in piedi, col cane dentro alla cuccia. Il cane ha iniziato immediatamente a ringhiare. Oggi l’ho portata in un pet shop e ho notato un disagio simile, riconducibile all’ambiente chiuso in cui lei probabilmente si sente senza vie di fughe. Il cane infatti in giardino non manifesta il benchè minimo disagio con le persone correndo spensierato, mentre in casa, sopratutto se si trova in una stanza con la porta chiusa, sembra che ora manifesti quest’angoscia. Come potrei risolvere questa situazione? come dovrebbero comportarsi le persone quando entrano in casa? cosa potrei farle per non farle sentire questo disagio? Grazie a tutti coloro che vorranno darmi un’interpretazione di questo comportamento

        #120045

        Admin
        Admin
        • Genere: Maschio
          • @admin

          L’interpretazione é complessa perché gli spazi chiusi e stretti provocano una molteplicità di stimoli concomitanti e concorrenti: da un lato diminuiscono le possibilità di fuga, da un altro diventa più facile per il cane “presidiare” tutto l’ambiente, da un altro ancora aumenta la possibilità che il cane si senta minacciato…

          Il risultato è una maggiore probabilità che assuma una reazione aggressiva.

          La soluzione ovviamente è aumentare la sicurezza del cane, per allontanare la soglia… ma questo è il fine… quale il mezzo?

          #120049

          maru90
          Utente
            • @maru90

            Grazie mille, conoscevo questa cosa della prossemica per averne sentito parlare una volta! :-)

            #120066

            angelica
            Admin
              • @angelica

              Ciao!
              Capita che i cani si sentano a disagio in situazioni nuove e spazi stretti, considera che vive con voi da molto poco e probabilmente non è ancora del tutto inserita a casa. Questo può acuire un pochino questo tipo di disagio, che probabilmente in gran parte se ne andrà da solo col tempo.

              Riguardo alla cuccia, per il cane rappresenta il posto in cui stare al sicuro e dove nessuno andrà a rompergli l’anima se lui non vuole: assicurati che si trovi in un posto tranquillo e libero da passaggi.
              Allo stesso modo io rispetterei le sue esigenze di spazio quando ci sono ospiti: lasciala andare a cuccia se non vuole avere contatti, e in generale fa in modo che sia lei ad andare dagli ospiti e non viceversa, in modo tale che non si senta minimamente forzata. Soprattutto visto che poi ci va appunto da sola a prendersi le coccole! =)

            Stai vedendo 5 articoli - dal 1 a 5 (di 5 totali)

            Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.